{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}
LBG LBG è un network di aziende impegnate a misurare e rendicontare il valore e l’impatto dei propri investimenti nella comunità. LBG ha elaborato un articolato modello di rendicontazione che si è affermato come lo standard riconosciuto a livello internazionale, anche da parte dei principali indici di sostenibilità (come il Dow Jones Sustainability Index).
LBO - Leveraged Buyout (acquisizione con indebitamento) Acquisto di un'impresa finanziato prevalentemente ricorrendo all'indebitamento.
LDA - Loss Distribution Approach Modello utilizzato per la valutazione dell'esposizione al rischio operativo. Consente di stimare, per ogni combinazione di evento-perdita e di business line, l'ammontare della perdita attesa e di quella inattesa.
Lead manager - Bookrunner Capofila del sindacato di emissione di un prestito obbligazionario; tratta col debitore, è responsabile della scelta dei "co-lead manager" e degli altri membri del sindacato di garanzia d'accordo col debitore stesso; definisce le modalità dell'operazione, ne gestisce l'esecuzione (quasi sempre impegnandosi a collocare sul mercato la quota più importante) e tiene la contabilità (bookrunner); oltre al rimborso delle spese e alle normali commissioni, percepisce per questa sua funzione una commissione particolare.
Leasing Contratto di locazione a lungo termine in cui il locatario può avere il diritto di riscattare il bene alla sua conclusione.
Lending risk-based Metodologia che consente, nell'ambito di un portafoglio creditizio, di individuare le condizioni di pricing più adatte tenendo conto della configurazione di rischio di ogni singolo credito.
Leveraged & acquisition Vedi Acquisition finance
LIBRO VERDE COMMISSIONE EUROPEA - 18 luglio 2001 Il Libro Verde "Promuovere un quadro europeo per la responsabilità sociale delle imprese" del luglio 2001 è stato il primo passo dell'Unione Europea per promuovere la responsabilità sociale delle imprese a livello sia europeo che internazionale, allo scopo di sfruttare al meglio le esperienze esistenti, incoraggiare lo sviluppo di pratiche innovative, migliorare la trasparenza nonché rafforzare l'affidabilità della valutazione e della convalida delle diverse iniziative realizzate in Europa. Al suo interno è data la definizione di Responsabilità Sociale delle Imprese: "l’integrazione su base volontaria, da parte delle imprese, delle preoccupazioni sociali ed ecologiche nelle loro operazioni commerciali e nei rapporti con le parti interessate (stakeholder)". Al Libro Verde sono seguite diverse Comunicazioni della Commissione Europea (2001, 2002, 2006) e nell’ottobre 2011 è stata presentata una nuova strategia - A renewed EU strategy 2011-14 for Corporate Social Responsibility (COM 2011/681)). Nello specifico il nuovo documento: prende atto delle iniziative e dei cambiamenti intercorsi dalle precedenti comunicazioni della Commissione sulla CSR (Libro Verde, Comunicazioni); ritiene necessario un cambio di passo ed un intervento più incisivo e articolato; propone una nuova definizione di CSR (più semplice ma di più ampia portata); definisce una agenda di interventi per il 2011-2014 La definizione di CSR viene così riformulata: "La responsabilità delle imprese per il loro impatto sulla società".
LIFE CYCLE ASSESSMENT (LCA) È un processo che valuta gli effetti che un prodotto ha sull’ambiente durante tutto il suo periodo di vita permettendo così di aumentare l’efficienza del suo utilizzo e diminuirne i rifiuti. Può essere usato per studiare l’impatto ambientale sia di un prodotto sia della funzione per la quale il prodotto stesso è stato creato. Il Life Cicle Assessment è comunemente riferito alla cosiddetta analisi "dalla culla alla tomba"; i suoi elementi chiave sono: identificare e quantificare i "pesi" ambientali che le varie fasi comportano (per esempio l’energia e le materie prime consumate, le emissioni e i rifiuti generati); valutare gli impatti potenziali di questi "pesi"; calcolare le opzioni disponibili per ridurre questi impatti ambientali.
Loss Given Default (LGD) Rappresenta il tasso di perdita stimato in caso di default de debitore.
Lower Tier 2 Identifica le passività subordinate aventi le caratteristiche per la loro inclusione nell'ambito del patrimonio supplementare o tier 2.
LSE (London Stock Exchange) Mercato di borsa britannico
M-Maturity Vita residua di un'esposizione, calcolata secondo regole prudenziali. Per le banche autorizzate all'uso di rating interni viene considerata esplicitamente se si adotta il metodo avanzato, mentre viene fissata a 2,5 anni in caso di utilizzo dell'approccio di base.
Margine di contribuzione della raccolta a vista Differenza tra euribor a 1 mese ed il tasso sui conti correnti di famiglie ed imprese.
Mark to market Processo di valutazione di un portafoglio di titoli o altri strumenti finanziari sulla base dei prezzi espressi dal mercato.
Mark-up Differenza tra tasso applicato al complesso di famiglie ed imprese sui finanziamenti con durata inferiore ad un anno e l'euribor a 1 mese.
Market maker Intermediario finanziario che si impegna ad esporre in modo continuativo proposte di acquisto e di vendita su determinate attività finanziarie assicurando spessore e liquidità al mercato.
Market making Attività finanziaria svolta da intermediari specializzati il cui compito è quello di garantire liquidità e spessore al mercato, sia attraverso la loro presenza continuativa sia mediante la loro funzione di guida competitiva nella determinazione dei prezzi.
Market neutral Strategie di operatività in titoli finalizzate ad immunizzare i relativi portafogli dal rischio connesso alle variazioni di mercato.
MBO - Management buyout LBO in cui il gruppo acquirente è guidato dai manager dell'impresa acquisita.
Mercato dei capitali Mercato in cui vengono negoziate attività finanziarie a medio-lungo termine (di durata superiore all'anno).
Mercato primario Mercato in cui vengono scambiati titoli di nuova emissione tra emittente e primo investitore.
Mercato secondario Mercato in cui vengono scambiati titoli non di nuova emissione. Si tratta di titoli precedentemente collocati attraverso emissione sul mercato primario.
Merchant banking Sotto questa accezione sono ricomprese le attività di sottoscrizione di titoli - azionari o di debito - della clientela corporate per il successivo collocamento sul mercato, l'assunzione di partecipazioni azionarie a carattere più permanente ma sempre con l'obiettivo di una successiva cessione, l'attività di consulenza aziendale ai fini di fusioni e acquisizioni o di ristrutturazioni.
Mezzanine In una operazione di cartolarizzazione, è la tranche con grado di subordinazione intermedio tra quello della tranche junior e quello della tranche senior.
Mib bancario Indice azionario che raggruppa le banche quotate alla Borsa di Milano.
Microcredito Prestiti di ammontare limitato a condizioni agevolate rivolti a soggetti che solitamente sono esclusi dai circuiti bancari e finalizzati all'occupazione e all'imprenditorialità.
MICROCREDITO E MICROFINANZA Il microcredito è uno strumento che prevede la concessione di prestiti, alla persona e per l'avvio di piccole attività imprenditoriali, ai soggetti che hanno difficoltà ad accedere al finanziamento tradizionale delle banche. L'obiettivo originario e principale di questo strumento è quello di superare i limiti dell'erogazione di servizi finanziari posti dalle condizioni di povertà in cui vivono ampie fasce di popolazione dei paesi in via di sviluppo. Si tratta della concessione di piccole somme di denaro per investimenti in attrezzature, macchinari o bestiame che consentano di avviare attività produttive di tipo familiare; nei casi in cui è rivolto a piccole imprese, viene spesso accompagnato da una preziosa serie di servizi aggiuntivi, come formazione tecnica e gestionale o creazione di reti commerciali di distribuzione. Queste esperienze si stanno diffondendo anche nei paesi industrializzati, ovviamente con caratteristiche diverse, ma fatto salvo il principio: favorire l'inclusione ai servizi finanziari.
MISSION, VISION E VALORI AZIENDALI La mission è lo scopo fondamentale per cui un’organizzazione esiste. È la giustificazione della sua esistenza. È identitaria, cioè esprime la motivazione per cui l’organizzazione è diversa dalle altre. La vision invece esprime "l'idea al futuro" dell’impresa, l’orizzonte verosimile cui l’organizzazione deve tendere, nel rispetto dei suoi valori. I valori sono i principi morali che la collettività aziendale riconosce essere degni di apprezzamento. Quando sono espressi in modo coerente, formano un corpus di idee e di modi di agire che da un lato orientano e dall’altro formano la cultura d’impresa.
MOBILITY MANAGEMENT La funzione di Mobility Management ha il compito di coordinare gli spostamenti delle persone, proponendo le soluzioni più efficienti e integrando i differenti strumenti di mobilità. La figura del Mobility Manager è stata istituita dal decreto del Ministero dell'Ambiente 27/1998 (decreto Ronchi).
MSCI Europe Index - Morgan Stanley and Internation Indice relativo all'andamento delle borse europee.
Multistrategy / funds of funds (Fondi) Fondi che non investono in un'unica strategia ma in un portafoglio di strategie diverse ovvero in un portafoglio di fondi di investimento gestiti da soggetti terzi.
Nasdaq Composite Index Indice relativo a titoli tecnologici che si compone di 3.000 società.
Non performing Termine riferito generalmente ai crediti ad andamento non regolare
NYSE (New York Stock Exchange) Principale mercato di borsa statunitense.
Obbligazione Titolo di credito emesso da una società per la raccolta di capitale di debito. Assicura il pagamento di interessi con il passare del tempo ed il rimborso del capiate alla scadenza.
Ombudsman bancario Organismo collegiale istituito nel 1993, promosso dall'ABI per dirimere, al ricorrere di determinate condizioni, le controversie il cui valore non superi i 10.000 euro tra banche e clientela che non abbiano trovato soluzione presso l'ufficio reclami delle banche.
OPA - Offerta pubblica di acquisto Offerta di acquisto di azioni fatta direttamente agli azionisti di una società, entro un periodo di tempo predeterminato ad un prezzo che rimane invariato per tale periodo.
OPSC - Offerta pubblica di scambio Offerta pubblica di acquisto di azioni avente come corrispettivo altri strumenti finanziari e non denaro. Attraverso l'OPSC l'offerente intende acquistare degli strumenti finanziari in cambio di altri.
Opzione Contratto che stabilisce la cessione, da un venditore (writer) ad un acquirente (holder), dietro pagamento di un premio, di un diritto di acquistare (call option) o vendere (put option) una certa attività finanziaria o reale sottostante (underlying) ad un prezzo prefissato (strike price), in una data futura (opzione europea) o entro una certa scadenza (opzione americana).
Outsourcing Ricorso ad attività di supporto operativo effettuate da società esterne.
Over-The-Counter (OTC) Definizione relativa ad operazioni concluse direttamente tra le parti, senza utilizzare un mercato organizzato.
PARTNERSHIP Tra le iniziative e le pratiche in materia di responsabilità sociale, l'impresa può scegliere di investire in relazioni strategiche con le organizzazioni civiche e di volontariato, con strutture della Pubblica Amministrazione e del Terzo Settore, dando luogo a forme di partnership. Il termine partnership indica un rapporto di stretta collaborazione in cui due o più organizzazioni si trovano a condividere determinati obiettivi e mettono a disposizione le proprie risorse per il raggiungimento di tali finalità.
Patrimonio netto Capitale investito dagli azionisti in una società, incrementato delle riserve.
Patriot Act Legge emanata negli U.S.A. a seguito degli attacchi terroristici dell'11 settembre. Include norme volte alla tutela del mondo finanziario ed, in particolare, volte a combattere il riciclaggio.
Pay-out ratio (rapporto di distribuzione) Rappresenta l'utile d'esercizio distribuito come dividendo agli azionisti. E' dato dal totale dei dividendi diviso per il totale degli utili.
PCF Carta processata senza uso di cloro e senza composti di cloro. Si applica solamente alle carte riciclate, e certifica che non sia stato utilizzato cloro nel processo di disinchiostrazione.
Performing Termine riferito generalmente ai crediti ad andamento regolare.
Plain vanilla (derivati) Prodotti il cui prezzo dipende da quello dello strumento sottostante, che è quotato sui mercati regolamentati.
Pool (operazioni) Vedi Syndacated lending
Preference share Vedi Core tier 1
PRI - Principles for Responsible Investment I PRI sono principi sui meccanismi di sostenibilità degli investimenti nati dalla partnership tra lo UNEP-FI e il Global Compact (vedi voci di glossario). Il Gruppo Intesa Sanpaolo aderisce ai Principi come firmatario attraverso Eurizon Capital SGR e il Fondo Pensione Gruppo Intesa Sanpaolo.
Pricing In senso lato, si riferisce generalmente alle modalità di determinazione dei rendimenti e/o dei costi dei prodotti e servizi offerti dalla Banca.
Prime rate (tasso primario) Tasso di interesse sui finanziamenti concesso da una banca ai migliori clienti.
Private banking Attività diretta a fornire alla clientela primaria gestione di patrimoni, consulenza e servizi personalizzati.
Private equity Attività di investimento nel capitale di rischio di imprese non quotate, tipicamente di piccole e medie dimensioni.
Probability of Default (PD) Rappresenta la probabilità che, su un orizzonte temporale di un anno, il debitore vada in default.
Profit warning Annuncio di una società quotata che i risultati previsti non saranno raggiunti.
Project finance Tecnica con la quale si finanziano progetti industriali sulla base di una previsione dei flussi di cassa generati dagli stessi. L'esame si fonda su una serie di valutazioni che si discostano da quelle generalmente poste in essere per l'analisi dei rischi creditizi ordinari. Dette valutazioni includono, oltre all'analisi dei flussi di cassa, l'esame tecnico del progetto, l'idoneità degli sponsors che si impegnano a realizzarlo, i mercati del collocamento del prodotto.
Protocollo di Kyoto Protocollo di applicazione della Convenzione delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici (United Nations Conference Framework Convention on Climate Change). Il Protocollo impone degli obiettivi di riduzione di gas effetto serra ai paesi firmatari, sulla base di "comuni ma differenziate responsabilità", da ottenere nel periodo 2008-2012 così da pervenire ad una riduzione globale del 3,8% delle loro emissioni rispetto ai valori del 1990.
PV01 Misura la variazione del valore di un'attività finanziaria a seguito del cambiamento di un punto base nelle curve dei tassi di interesse.
{"toolbar":[]}