{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

Analisi dei Settori Industriali

Nel corso degli ultimi mesi, diverse tensioni geopolitiche (disputa Stati Uniti - Cina, Brexit, Medio Oriente) hanno gravato sull’economia mondiale. Si sono intensificati i segnali di rallentamento del ciclo, diffusi a molti paesi ma concentrati sul settore manifatturiero, colpito dalla debolezza del commercio.

La frenata della produzione industriale è stata particolarmente intensa per la Germania, alle prese con la difficile transizione del settore automotive (punto di forza del paese) verso nuove alimentazioni alternative, sulla scia del carattere di urgenza assunto dalla sostenibilità ambientale.

Ai rischi crescenti dello scenario si sono affiancati, tuttavia, alcuni fattori di sostegno, innanzitutto la pronta reazione delle autorità monetarie, ma anche il rilancio di partnership commerciali (Giappone, Canada). In un’ottica di medio termine, poi, si aprono nuove opportunità di mercato, come quelle create proprio dalla crescente attenzione nei confronti dell’ambiente e dal ritmo incalzante dell’innovazione tecnologica.

Il Rapporto delinea il quadro previsivo dell’industria manifatturiera italiana nell’orizzonte del 2021.

Specifica attenzione è dedicata all’impatto del rallentamento della filiera automotive tedesca sulle imprese italiane in diversi settori, colto attraverso l’utilizzo delle tavole input-output mondiali. Inoltre, ci si focalizza sullo stato di salute del tessuto manifatturiero italiano letto attraverso i risultati di bilancio delle imprese, con l’obiettivo di coglierne debolezze e punti di forza, in funzione del settore e della dimensione.

La parola agli economisti

Ilaria Sangalli, della Direzione Studi e Ricerche Intesa Sanpaolo, e Alessandra Lanza, di Prometeia, hanno presentato il 96° Rapporto Analisi dei Settori Industriali. 

Gregorio De Felice, Chief Economist della Direzione,  ha introdotto e moderato la tavola rotonda alla quale hanno preso parte Alberto Auricchio, Auricchio SpA, Saul Fava, Schneider Electric, e Marcella Montelatici, Trumpf e AHK Italien. 

{"toolbar":[{"label":"Stampa","url":"","key":"print-page"}]}