{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD","clientIDSh":"9e04155b-dc20-4ad8-b40b-5d4c665631f2","signatureSh":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryptionSh":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyIDSh":"72a8b4f5-7fbb-427b-9006-4baf6afba018","userSh":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}
Educazione

Il Master sulla progettazione comportamentale presso la ICO Valley Academy

Prende il via il primo Master in Behavioural Design, voluto da ICO Valley Academy in collaborazione con la Scuola di Master e Formazione Permanente del Politecnico di Torino, l’Università degli Studi di Torino, Fondazione Torino Wireless, Confindustria Canavese e con il contributo di Intesa Sanpaolo

Design e comportamenti per generare sostenibilità - Il master

Il Master - che si terrà a Ivrea presso la sede di ICO Valley - si inserisce in una più ampia iniziativa che propone il territorio canavese come centro propulsore di innovazione digitale e di programmi di alta formazione. Il corso nasce dalla consapevolezza che il design può facilitare l’ideazione e lo sviluppo di processi di progettazione e di produzione da cui nascono servizi e oggetti che richiedono l’adozione di comportamenti virtuosi e sostenibili.

Struttura didattica, faculty e figura professionale

Il Master propone un percorso formativo articolato e multidisciplinare che affronta gli aspetti strategici e progettuali del Design includendo nell’approccio tecnico la visione umanistica.
Ha durata annuale con impegno a tempo pieno. La struttura didattica prevede circa 1.500 ore di cui 400 tra lezioni frontali e laboratori progettuali, 500 di tirocinio e 600 ore in autoapprendimento. In particolare, i contenuti esplorano specifici aspetti di diverse discipline tra cui: management, design, informatica, psicologia, sociologia, economia, scienze della comunicazione, pensiero sistemico, etica.
La faculty è composta da docenti del Politecnico di Torino, dell’Università di Torino ed esperti aziendali che tramite le lezioni, i laboratori e le testimonianze garantiranno la multidisciplinarità del corso.
I Behavioural Designer formati saranno professionisti capaci di progettare processi, servizi e oggetti - digitali e non – che possano influenzare il comportamento e gli approcci di chi ne usufruisce rendendoli più sostenibili e con ridotti impatti ambientali e sociali.

La partnership Intesa Sanpaolo – Politecnico di Torino

I partner, accomunati dall’impegno ad essere motore di crescita del territorio e dei suoi giovani, hanno pensato di fare sinergia per raggiungere due obiettivi:

  • - la creazione di nuove competenze per favorire occupabilità e inclusione sociale puntando sullo sviluppo di competenze digitali e dare ulteriore vigore ai settori automotive e aerospazio che con l’apporto dei nuovi professionisti formati potranno esplorare e applicare le tecnologie digitali;
  • - la possibilità di creare network tra imprese e accademia per esplorare e sviluppare nuove modalità di User Experience Design che facilitino l’interazione persone - strumenti digitali nella gestione sempre più tecnologica della quotidianità.

Nella convinzione che la tecnologia digitale deve essere accessibile e facile da utilizzare per non essere fonte di ulteriori disuguaglianze sociali ed economiche, Intesa Sanpaolo ritiene prioritario formare professionisti capaci di progettare prodotti e servizi digitali altamente funzionali e affidabili dal punto di vista tecnico e allo stesso tempo di facile utilizzo per gli utenti.

Il Behavioral Design

Cos'è?

Il Behavioral Design (progettazione comportamentale) integra diverse discipline umanistiche e tecniche che vanno dalla psicologia all’economia. Utilizzando la creatività e un mix di psicologia, neuroscienze e design, il Behavioral Design analizza come le persone – viste come target in uno specifico contesto - pensano, prendono decisioni e si comportano, per elaborare spunti trasformativi capaci di stimolare comportamenti più virtuosi che possano aiutarli nel raggiungere gli obiettivi.
Nella gran parte dei casi, i comportamenti proposti sono generati e supportati da innovazioni tecnologiche che innescano un forte impatto trasformativo e aiutano le persone ad essere più consapevoli delle proprie scelte e a adottare nuovi stili e nuovi approcci.  

Come orienta i comportamenti?

Per progettare nuove esperienze i Behavioral designer hanno bisogno di avere una conoscenza approfondita delle persone e delle motivazioni che le spinge ad agire al momento giusto. Per avere tali informazioni si ricorre a interviste, test e valutazioni di usabilità effettuate sul target, dai differenti output ottenuti i ricercatori e i Behavioral designer traggono poi i tre elementi ritenuti chiave per la progettazione, ovvero:

  • motivazione – indica il tasso medio di motivazione delle persone e consente di progettare soluzioni che incoraggiano il comportamento desiderato;
  • abilità – tempo, denaro, sforzo fisico o mentale, e delle routine che impattano sulle abilità in modo differente in relazione all’individuo e al contesto in cui è inserito;
  • trigger – i segnali i che spingono le persone a eseguire il comportamento.

Mettendo insieme questi elementi, i Behavioral Designer sviluppano soluzioni progettuali incentrati sull'utente e supportate dalla più avanzata tecnologia digitale.

Gli impatti del Behavioral Design sulla sostenibilità

Il Behavioral Design è un'importante area di ricerca e pratica, fondamentale per affrontare le sfide sociali e realizzare il cambiamento del comportamento attraverso interventi progettati ad hoc.
La sostenibilità, nella sua accezione più ampia, comprende aspetti ambientali, sociali ed economici.
Il Behavioral Design ha un legame profondo con la sostenibilità e può avere un grande impatto su di essa quando è applicato ad ambiti soft come la mobilità, la salute, il food, la formazione, dove il ripensare la progettazione e la costruzione di prodotti e servizi genera soluzioni efficaci e a basso impatto ambientale.  

Intesa Sanpaolo per l'educazione

Ecco alcune iniziative che sosteniamo per diffondere l'educazione e la conoscenza, garantire il diritto allo studio e sostenere la ricerca e le imprese del Paese

{"toolbar":[]}