{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

Progetti

Il Fondo Beneficenza negli anni ha sostenuto numerosi progetti in Italia e all'estero. Di seguito esempi di interventi che hanno ricevuto il nostro contributo.

Project Malawi

Logo Project Malawi

Project Malawi è un progetto di cooperazione internazionale che si è svolto dal 2005 al 2014 per iniziativa di Intesa Sanpaolo e Fondazione Cariplo. L'obiettivo dell'intervento era quello di combattere la piaga dell'AIDS in Malawi, partendo dalla prevenzione della trasmissione del virus da madre e figlio, e affiancando all'intervento sanitario azioni mirate a contenere l'impatto della malattia e a contribuire al rilancio economico del paese. Project Malawi si è basato sulla collaborazione tra ONG operanti nel Paese e il Governo locale; ogni partner (Comunità di Sant'Egidio, Save the Children, Associazioni scoutistiche del Malawi e CISP - Comitato Internazionale per lo Sviluppo dei Popoli) ha contribuito apportando competenze specifiche - salute, nutrizione, assistenza agli orfani, prevenzione, sviluppo locale - all'interno di un programma integrato. Il progetto si è sviluppato su tre triennalità: fase pilota nel distretto di Blantyre (2005-2008); estensione territoriale a Lilongwe e Balaka (2008-2011); consolidamento dell'iniziativa anche tramite l'istituzione di un coordinamento locale malawiano (2011-2014).


Approfondisci

A fine progetto:

  • sono stati costruiti e resi operativi 4 laboratori di biologia molecolare e 9 centri sanitari;
  • oltre 7.600 bambini sono nati sani da madri sieropositive;
  • oltre 8.500 donne sieropositive in gravidanza sono state sottoposte al programma di prevenzione verticale;
  • oltre 24.700 pazienti hanno iniziato la terapia antiretrovirale;
  • sono state effettuate quasi 750.000 visite mediche e condotti più di 325.000 esami di laboratorio;
  • sono stati aperti o ristrutturati 70 centri diurni che hanno ospitano circa 18.600 bambini tra i 3 e i 6 anni. Effettuati controlli medici generali presso i centri su oltre 22.300 bambini;
  • guide e scout di 158 scuole hanno raggiunto circa 44.600 giovani con informazioni relative all'educazione sessuale e ai rischi di trasmissione del virus HIV;
  • sono stati elargiti corsi di formazione in business management per quasi 1.200 imprenditori;
  • sono stati avviati gruppi di risparmio e credito informale e con oltre 4.000 beneficiari e attività generatrici di reddito con circa 2.900 famiglie coinvolte.
Centro sanitario

Una giornata di accoglienza

Logo OSF Mensa Poveri

L'Opera San Francesco per i Poveri dei frati cappuccini di Milano offre agli indigenti prima accoglienza e assistenza gratuita in modo indifferenziato e continuato.
Intesa Sanpaolo tramite il Fondo Beneficenza ha sostenuto nel 2015 il progetto "Una giornata di accoglienza" che prevede la distribuzione di pasti caldi e indumenti e la messa a disposizione di servizi di igiene personale a senza dimora, gravi emarginati sociali e soggetti in povertà assoluta e relativa sia italiani che stranieri. In particolare, ogni beneficiario può accedere a due pasti al giorno, una doccia alla settimana con cambio di biancheria intima e un cambio abiti mensile. Il progetto, oltre a rispondere ai bisogni primari dell'individuo, favorisce il recupero della dignità della persona e il reintegro sociale.

Approfondisci

A fine progetto:

  • 1.650 persone indigenti e socialmente vulnerabili hanno beneficiato di una giornata di accoglienza.

Fondazione Together To Go (TOG)

Logo TOG

La Fondazione TOG si occupa di riabilitazione di bambini colpiti da patologie neurologiche complesse presso il proprio centro medico di Milano, offrendo percorsi individuali e personalizzati. I bambini curati nel Centro TOG sono affetti da lesioni del Sistema Nervoso, o di origine genetica o sviluppatesi nella vita intrauterina o conseguenti a traumi neonatali. Si tratta di bambini con deficit motori, cognitivi, comportamentali e di comunicazione. Dopo la diagnosi, hanno bisogno di una riabilitazione molto complessa, in grado di affrontare la poliedricità dei problemi che le patologie coinvolte presentano. Inoltre, per incidere nella vita del bambino, la riabilitazione deve essere tempestiva, così da non perdere le tappe biologiche dello sviluppo, e deve essere adeguata, qualitativamente e quantitativamente.


Approfondisci

Intesa Sanpaolo tramite il Fondo Beneficenza ha sostenuto un progetto triennale (2014-2016) per garantire la riabilitazione di bambini affetti da lesioni neurologiche complesse attraverso terapie dedicate (fisioterapia, logopedia, psicomotricità, musicoterapia e riabilitazione neurocognitiva) a seconda del deficit da sopperire.


A fine progetto:

  • 15 bambini affetti da patologie neurologiche complesse sono seguiti nel programma di riabilitazione - in regime gratuito - per 3 anni.
Reparto TOG

Diritto alla scuola, diritto al futuro

Logo Sant'Egidio

La Comunità di Sant'Egidio è un movimento di laici impegnato nella beneficenza in Italia e in più di 70 paesi nel mondo.

Intesa Sanpaolo tramite il Fondo Beneficenza ha sostenuto nel 2015 il progetto "Diritto alla scuola, diritto alla vita" sviluppato dalla sede di Napoli dell'organizzazione per assicurare percorsi di integrazione scolastica per minori delle comunità rom nei quartieri più degradati della città (Barra, Ponticelli e Gianturco). L'obiettivo dell'intervento è prevenire e contrastare l'evasione scolastica e promuovere una piena partecipazione di questi alunni alla vita della scuola.

Approfondisci

Il progetto si avvale di tre strumenti: borse di studio per favorire la frequenza scolastica e prevenire l'evasione (contributo di euro 50 mensili alla famiglia dell'alunno a fronte dell'obbligo di non superare tre assenze mensili ingiustificate, dell'impegno dei genitori di regolari contatti con gli insegnanti, nonché dell'impegno a non coinvolgere minori nell'attività di accattonaggio o in altre attività lavorative); laboratori e attività in orario extrascolastico; docenza aggiuntiva in orario extrascolastico per il rinforzo dell'apprendimento.


A fine progetto:

  • 160 bambini (tra i 6 e i 16 anni) della comunità rom dei quartieri più degradati di Napoli hanno iniziato a frequentare le scuole locali;
  • Sono state erogate 90 borse di studio.
Bambini che disegnano
{"toolbar":[{"label":"Aggiorna","url":"","key":"update-page"},{"label":"Stampa","url":"","key":"print-page"}]}