{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

Equator Principles

Gli Equator Principles (EP) si applicano a livello internazionale e in tutti i settori a quattro tipologie di finanziamento: Project Finance Advisory ServicesProject Finance, Project-Related Corporate LoansBridge Loans, oltre che a finanziamenti di progetti che riguardano espansioni o miglioramenti di infrastrutture esistenti, qualora essi comportino impatti significativi dal punto di vista sociale e/o ambientale.

I progetti valutati secondo gli EP devono rispettare gli standard sociali e ambientali (i Performance Standard – PS) e le linee guida su Ambiente, Salute e Sicurezza (EHS Guidelines) dell’International Finance Corporation (IFC), l’istituzione della Banca Mondiale dedicata al settore privato.

Impegnarsi a rispettare gli EP implica quindi l’applicazione degli 8 Performance Standards, secondo la versione in vigore dal 1 gennaio 2012, di cui di seguito si elencano le definizioni sintetiche:

1 - Valutare gli impatti sociali e ambientali derivanti dai progetti da finanziare e mettere in atto dei sistemi in grado di gestirli
2 - Tutelare i diritti dei lavoratori, la salute e la sicurezza  e rispettare le convenzioni internazionali sul  lavoro
3 - Prevenire l’inquinamento e promuovere l’efficienza energetica
4 - Evitare o ridurre i rischi sulla salute e la sicurezza delle comunità nei Paesi in cui si trovano i progetti
5 - Consultare le popolazioni interessate dall’acquisizione delle terre e dal reinsediamento involontario (qualora inevitabili) e valutare le compensazioni in maniera trasparente. Mettere in atto un processo trasparente ed efficace di gestione delle lamentele
6 - Promuovere la tutela della biodiversità e la gestione sostenibile degli ecosistemi e delle risorse naturali
7 - Tutelare i diritti delle popolazioni indigene
8 - Preservare il patrimonio culturale

Passo fondamentale di tutto il processo di valutazione dei progetti è la loro categorizzazione, che prevede la considerazione integrata di diversi fattori, quali ad esempio il Paese dove sono situati, il settore di appartenenza, la storia del cliente che li propone o ancora la presenza evidente, prima ancora che venga condotto lo studio di impatto ambientale e sociale, di potenziali criticità legate a uno o più aspetti previsti dai PS. Tale screening, ancorché precoce, permette di assegnare ai progetti un livello di rischiosità complessivo, secondo la seguente classifica:
Categoria A (alto) - progetti che presentano potenziali impatti negativi sociali o ambientali significativi, irreversibili o comunque senza precedenti
Categoria B (medio) - progetti che presentano potenziali impatti negativi sociali o ambientali limitati, poco numerosi, generalmente propri di un sito, largamente reversibili e facilmente gestibili attraverso misure di mitigazione
Categoria C (basso) - progetti che non presentano impatti negativi sociali o ambientali o comunque minimi.

Una valutazione attenta e tempestiva del livello di rischio del progetto consente di intraprendere una valutazione degli impatti coerente e, allo stesso tempo, di prendere in considerazione tutti gli aspetti da sottoporre a screening fin da subito. In questo modo, un progetto ad esempio classificato "A" metterà in moto una serie di approfondimenti tali da ridurre notevolmente la sua potenziale rischiosità, perché prevede le relative misure di mitigazione già nella fase preliminare, con conseguente risparmio di tempi e costi.

Documenti e link utili

Sito web Equator Principles
 
Gli Equator Principles - giugno 2013
EP Nota per l'implementazione
Performance Standard - IFC
Policy per la sostenibilità ambientale e sociale - IFC

 

{"toolbar":[]}