{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

Equator Principles

L'adozione degli Equator Principles (EP) da parte della nostra Banca risale al 2006, prima ancora che Banca Intesa e Sanpaolo IMI si unissero per dare origine a Intesa Sanpaolo. L'adesione è stata successivamente riconfermata nel 2007 dal nuovo Gruppo il processo di implementazione è declinato e normato dalle Regole in materia di Equator Principles, a valere per tutto il Gruppo.

La normativa interna viene costantemente aggiornata qualora eventi interni o esterni lo rendano necessario. Infatti, a seguito dell’entrata in vigore dei nuovi Equator Principles nel 2013, il corpus normativo è stato aggiornato e una nuova Guida Operativa è stata pubblicata nel 2014. Nel 2016, a seguito di un processo di riorganizzazione interna finalizzato a garantire un miglior presidio sulla gestione dei rischi, la funzione Crediti a livello centrale ha integrato le attività legate all’implementazione degli EP che prevedono, tra le altre, la valutazione del livello di rischio socio-ambientale dei progetti per i quali viene chiesto il finanziamento. Nel 2017 è stato quindi pubblicato l’aggiornamento della normativa interna come adeguamento alla nuova struttura organizzativa. La Guida si integra nelle politiche di credito del Gruppo e viene richiamata dalle più rilevanti procedure di concessione crediti al fine di intercettare, fin dall'insorgere della richiesta, tutti i finanziamenti che rientrano nel campo di applicazione degli Equator Principles.

L'adozione di tali Principi da parte di un'istituzione finanziaria implica lo stesso approccio anche da parte di tutte le sue sussidiarie, qualora esse siano attive nel finanziamento delle operazioni a cui gli Equator Principles si applicano.

L'attività di revisione dei progetti prevede almeno due livelli di valutazione, il primo valuta l'aderenza agli Equator Principles, il secondo è affidato alla funzione creditizia nell’ambito dell’attività creditizia corrente. In particolare, nel caso di un progetto a più alto rischio, indipendentemente dalle facoltà già prestabilite, il livello di decisione è attribuito all’organo creditizio centrale.

Nel 2018 sono stati 20 i finanziamenti sottoposti allo screening degli Equator Principles che hanno raggiunto il perfezionamento finanziario (per un totale di 346 dal 2007).Nel 2018 l’importo accordato per i progetti che hanno seguito il processo di valutazione degli Equator Principles è di 993,5 milioni di euro, pari a circa l’11% dell’accordato totale dei finanziamenti del perimetro di riferimento (tutte le strutture di Intesa Sanpaolo attive nel finanziamento di progetti che rientrano nell’ambito di applicazione dei Principi, in Italia e all’estero).

GUIDE OPERATIVE: ADEMPIMENTI RICHIESTI DAGLI EP ALLE BANCHE FINANZIATRICI

Principio 1: Review and Categorization

  • Richiedere le informazioni preliminari di progetto
  • Classificare il progetto e identificare gli standard da applicare
  • Verificare i rischi reputazionali e gli standard applicabili
  • Informare il cliente sull’applicazione degli EP e sugli adempimenti richiesti

Principio 7: Independent review

  • Definire i contenuti della Due Diligence ambientale e sociale
  • Commissionare o redigere la Due Diligence
  • Preparare la nota per gli Organi deliberanti

Principio 8: Covenants - Principio 9: Independent monitoring and reporting - Principio 10: EPFI Reporting

  • Definire gli adempimenti contrattuali (Covenants)
  • Monitorare la conformità agli adempimenti di carattere socio-ambientali
  • Produrre informativa periodica

GUIDE OPERATIVE: FASI SALIENTI DELLO SCREENING DI UN PROGETTO (PDF - 67 KB)

Negli anni un piano di formazione esteso e strutturato è stato portato avanti per i colleghi provenienti dai diversi ambiti della Banca coinvolti nell’attività sia in Italia che all'estero.

Il 2018 ha visto l’erogazione di due iniziative di formazione sugli Equator Principles, con il duplice scopo di diffondere la consapevolezza dell’importanza del tema e illustrare ai partecipanti alcuni casi studio per focalizzare il perimetro di applicazione dei Principi e le fasi del processo di implementazione.

La prima iniziativa, rivolta alle strutture con sede in Italia maggiormente coinvolte, è stata diffusa tramite aula remota (circa 100 invitati); con la seconda iniziativa è stato messo a disposizione di oltre 400 persone l‘Equator Principles e-Learning Tool’, sviluppato dall’Associazione Equator Principles. 

Con l’adozione dei Principi le istituzioni finanziarie si impegnano anche a far parte del dibattito internazionale portato avanti dall’Associazione EP. Ciò consiste nella partecipazione a gruppi di lavoro tematici, eventi organizzati per le banche aderenti, ma anche confronti con i nostri stakeholder, prevalentemente l’IFC, le Organizzazioni Non Governative e le associazioni imprenditoriali di settore.

Intesa Sanpaolo partecipa inoltre al Gruppo di Lavoro sulla Biodiversità (CSBI - Cross Sector Biodiversity Initiative Working Group).

Documenti e link utili

Sito web Equator Principles
 
Gli Equator Principles - giugno 2013
EP Nota per l'implementazione
Performance Standard - IFC
Policy per la sostenibilità ambientale e sociale - IFC

 

{"toolbar":[]}