{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

PRESENTATO AL BANCO DI NAPOLI IL PROGETTO MUS-E PER L’ANNO 2008-2009


Napoli, 4 dicembre 2008 – Oggi, giovedì 4 dicembre 2008, nella sala delle Assemblee del Banco di Napoli in via Toledo 177, è stato presentato il PROGETTO MUS-E Napoli, attivo sul territorio dall’anno scolastico 2005/2006, e giunto al quarto anno di attività. Nel trascorso anno scolastico 2007/2008 ha raggiunto 44 classi per un totale di circa 1000 allievi e 26 artisti e per l’anno 2008/2009, si riconfermano i medesimi dati. Le attività si sono svolte a Napoli in aree di disagio urbano ed in particolare nelle scuole di: Scampia, Poggioreale, Forcella, Quartieri Spagnoli, Sanità, Materdei, Mercato, Cavalleggeri e Fuorigrotta, oltreché in provincia ad Ercolano, Torre del Greco e Salerno. È stata inoltre costituita una classe di percussioni e canto presso l’Istituto di rieducazione di Nisida.
Le attività artistiche sono suddivise in più aree d’intervento: musicale (attraverso l’insegnamento del violino, del flauto dolce, del mandolino e delle percussioni), canto, danza e movimento, mimo corporeo ed area visiva estesa al territorio e sono indirizzate ai bambini delle prime classi della scuola dell’infanzia e primaria presenti in aree svantaggiate del territorio. Lord Yehudi Menuhin, ideatore della fondazione internazionale da cui nasce Mus-e® ha indicato come obiettivo fondamentale quello di favorire l’integrazione sociale e culturale attraverso l’espressione delle arti come prevenzione alla violenza e sviluppo della tolleranza e del senso di cittadinanza. Tali percorsi vengono trasmessi ai bambini dall’equipe di artisti, in orario curricolare, e dagli insegnanti delle scuole, coinvolti e formati dallo staff del progetto Muse.
Il progetto presente in diversi stati europei e in 15 città italiane, vuole diffondere una cultura della convivenza pacifica tra realtà diverse del tessuto sociale attraverso l’arte. In tal modo bambini e insegnanti -e attraverso di loro gli stessi quartieri in cui vivono e crescono -vengono arricchiti dalla bellezza prodotta dall’arte, che fa nascere qualcosa di nuovo laddove tutto sembra destinato ad essere perduto. L’intero gruppo di MUS-E® Napoli Onlus ama ricordare una frase di Lord Yehudi Menuhin, quale sintesi dell’intera attività che si svolge ogni anno sul territorio: “Ogni singola vita è un’opera d’arte che attende di essere espressa.”
Alla presentazione sono intervenuti Antonio Nucci, direttore generale del Banco di Napoli, Enzo Giustino, Presidente MUS-E® Napoli Onlus, Giuseppe Signoriello, Tesoriere Mus-e Napoli, Rosalba Cerqua, coordinatrice locale MUS-E® Napoli Onlus, Stefania Milani, rappresentante della Fondazione Banco di Napoli per l’Assistenza all’infanzia, Maria Rosaria Rinaldi, dirigente scolastica del X Circolo Didattico“Ilaria Alpi”, quartiere Scampia, Aldo Pace, direttore generale della Fondazione Banco di Napoli.
“ Chi più di un bambino che abita in zone degradate ha il diritto di pretendere gli stessi diritti di un altro bambino che abita in zone più ricche e nobili della città?” - è l’interrogativo posto dal direttore generale del Banco di Napoli Antonio Nucci, per il quale “il progetto Mus-e va nella direzione di dare un granello di speranza a questi bambini. Purtroppo – afferma Nucci – a Napoli c’è poca mobilità sociale: la società offre opportunità di crescita a chi ha provenienze borghesi, per cui chi abita e vive in zone degradate ha poche possibilità di emergere e di arrivare a ricoprire incarichi di responsabilità, un arricchimento per la società stessa e per la città”.
Enzo Giustino, presidente di Mus-e Napoli, prende a prestito una frase dell’Avvocato Gianni Agnelli e afferma che “a Napoli basta uno spicchio di azzurro in un cielo coperto di nubi per riprendere a navigare”. “Siamo al quarto anno – ricorda Giustino – e l’unica pretesa che abbiamo è quella di dare un esempio di mobilitazione da parte della società che può e deve dare una mano ai ragazzi meno fortunati”.
Il progetto Mus-e Napoli è sostenuto da: Fondazione Banco di Napoli per l'Assistenza all'Infanzia, Istituto Banco di Napoli Fondazione, Banco di Napoli, C.C.I.A.A. di Napoli – Camera di Commercio Industria, Artigianato e Agricoltura di Napoli , ACEN - Associazione Costruttori Edili Napoli, DentalGo Association, Farmacia Loreto Gallo, Gruppo Giustino, Infraflegrea Progetto, Interconsult - Consulenza Societaria Tributaria Aziendale, Ospedale del Mare e Rossi - Azienda Grafica.

 

Per informazioni
Benedetta Ferone
329.6219827
benedetta.ferone@gmail.com


Angelo Iaccarino
081.7913419  335.1882730
angelo.iaccarino@intesasanpaolo.com

{"toolbar":[{"label":"Aggiorna","url":"","key":"update-page"},{"label":"Stampa","url":"","key":"print-page"}]}