{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

Welfare

Numerosi sono i servizi e le iniziative che il sistema di welfare del Gruppo Intesa Sanpaolo ha sviluppato per i suoi collaboratori.

Questi i filoni: Previdenza Complementare, Assistenza Sanitaria Integrativa, Associazione Lavoratori Intesa Sanpaolo, Soft Welfare e coordinamento del Gruppo interfunzionale dedicato alla gestione delle disabilità e malattie croniche in azienda, Mobility Management, oltre alla Fondazione Intesa Sanpaolo Onlus.

Il sistema di welfare integrato rappresenta circa il 5% del costo del lavoro del Gruppo.

Previdenza Complementare

Dal 2016, nell’ambito dell’avviato processo di razionalizzazione dei Fondi di Previdenza interni al Gruppo e coerentemente con le linee di indirizzo definite dall’autorità di vigilanza, è attivo un unico Fondo Pensione a contribuzione definita del Gruppo Intesa Sanpaolo in Italia, che ha accorpato la quasi totalità dei Fondi di riferimento di pari natura favorendo l’adesione dei collaboratori iscritti ai Fondi aperti o non iscritti ad alcuna forma di previdenza.

Il Fondo, istituito con accordi collettivi dell’ottobre 2015, a fine 2019 può contare su un patrimonio di oltre 6 miliardi di euro e circa 75.000 iscritti. Questo percorso ha consentito importanti vantaggi per la comunità aziendale, tra cui la riduzione dei rischi operativi e finanziari, la semplificazione delle strutture, l’ampliamento dell’offerta e la razionalizzazione della struttura finanziaria che oggi prevede 6 comparti finanziari ed uno assicurativo. Gli iscritti possono quindi operare le proprie scelte di investimento ripartendo la propria posizione su uno o più comparti tra quelli disponibili, nonché il graduale innalzamento della contribuzione a carico dell'azienda a favore dei neoassunti e dei colleghi in servizio al 3,5%.

Il Fondo, consapevole del fatto che le sfide dello sviluppo sostenibile produrranno un impatto profondo nell'economia e nella società, nell'ambito delle recenti iniziative assunte in tema di Investimenti Sostenibili e Responsabili ha istituito un nuovo comparto che investe in settori ed imprese che pongono al centro della propria attività fattori di natura ambientale, sociale e di governance, proponendo anche, tra gli investimenti, uno specifico focus sul tema del cambiamento climatico.

E’ in corso il monitoraggio delle differenti forme di previdenza presenti nelle realtà estere del Gruppo per valutare eventuali opportunità di avviare processi di razionalizzazione.

Assistenza Sanitaria

Per tutte le persone di Intesa Sanpaolo (in servizio e in quiescenza) e le loro famiglie è operativo dal 2011 il Fondo Sanitario Integrativo di Gruppo che assicura agli iscritti un’assistenza sanitaria integrativa delle prestazioni erogate dal Servizio Sanitario Nazionale, tempestiva ed efficace.

Il Fondo, che conta oltre 215.000 iscritti (dipendenti, pensionati e loro familiari), riconosce le prestazioni per il tramite della rete convenzionata o, in alternativa, rimborsando le spese sanitarie sostenute direttamente dagli associati. Complessivamente ha erogato nel 2019 prestazioni per circa 160 milioni di euro.
Strutturato in due gestioni distinte, per gli iscritti in servizio e in quiescenza, valorizza la mutualità e la solidarietà intergenerazionale, destinando alla gestione quiescenti una percentuale delle contribuzioni annue versate dagli iscritti in servizio a condizione che la loro gestione si sia chiusa in equilibrio.

Il Fondo negli ultimi anni ha promosso diverse campagne di prevenzione che hanno registrato una forte partecipazione da parte degli iscritti e dei loro familiari. In particolare, agli screening on line riservati alla popolazione a maggior rischio individuata per fascia di età, hanno aderito migliaia di persone: 13.000 alla campagna cardiovascolare nel periodo maggio 2015 – marzo 2016; 10.900 donne alla campagna osteoporosi tra novembre 2016 e settembre 2017; 20.900 all’iniziativa di prevenzione dei tumori della pelle svoltasi tra gennaio e giugno 2018. 

Nel maggio 2019 è stata avviata la campagna dedicata alla prevenzione di alcune tra le patologie oncologiche più diffuse: tumore del colon-retto, della cervice uterina e della mammella con approfondimenti sui rischi oncologici derivanti da alcol e fumo e sugli stili di vita più appropriati per mantenersi in salute o per fronteggiare con efficacia la malattia. L’iniziativa, tuttora in corso, ha messo in risalto i benefici della diagnosi precoce e l’efficacia diagnostica e di prevenzione degli screening resi disponibili dal Servizio Sanitario Nazionale in tutte le regioni italiane. Questa campagna è stata promossa in collaborazione con la Funzione Welfare di Intesa Sanpaolo ed è stata integrata dalle iniziative di sensibilizzazione “Prevenzione giocando!” allestite presso le principali sedi operative e presso le mense aziendali della Banca.

Il sito del Fondo “I Colori della Salute” dedicato alla prevenzione che ospita anche la rubrica periodica “La parola all’esperto” con gli interventi degli specialisti, nel biennio 2018 – 2019 ha registrato oltre 50.000 accessi.

Associazione Lavoratori Intesa Sanpaolo

Associazione Lavoratori Intesa Sanpaolo - ALI è l'associazione culturale, ricreativa e sportiva dei dipendenti del Gruppo Intesa Sanpaolo.
Istituita con l'accordo sindacale del 7 febbraio 2013, è attiva dal gennaio 2014 come associazione unica di Gruppo, armonizzando i preesistenti circoli, ottimizzando le sinergie operative e ampliando la propria operatività anche all'offerta di servizi alle persone.

ALI, con sede legale a Firenze, opera attraverso una struttura centrale e un'articolazione sul territorio con sedi nei 7 Consigli Territoriali (Bologna, Firenze, Milano, Napoli, Padova, Roma e Torino). A ogni Consiglio fanno riferimento più Gruppi Territoriali e Sezioni Tematiche che operano sul territorio per mantenere la capillarità dei servizi.

Conta più di 150.000 iscritti (colleghi e familiari) e, attraverso un’ampia offerta di servizi, si è affermata come concreta nuova forma di welfare partecipato.

L'Associazione si pone l’obiettivo di:

  • realizzare e ricercare iniziative e servizi a supporto dei colleghi, dei pensionati e delle loro famiglie come risposte ai bisogni di conciliazione dei tempi di vita e di lavoro e per una migliore qualità della vita
  • favorire l'aggregazione tra i colleghi attraverso lo svago e il tempo libero e proporre soluzioni per un turismo conveniente per le vacanze dei soci
  • sostenere la diffusione di iniziative culturali ispirate a vivacità e attrattività di contenuti/palinsesti, con una tempestiva programmazione e offerte economicamente sostenibili, specie per le famiglie con bambini 
  • promuovere iniziative per l’attività fisica, la riduzione dei comportamenti sedentari e la creazione di occasioni favorevoli allo svolgimento dello sport anche come modalità per coinvolgere i colleghi più giovani
  • garantire - attraverso i Consigli Territoriali - il valore delle relazioni personali con i soci e il loro coinvolgimento volontario nelle attività
  • promuovere iniziative di volontariato presso i Soci a sostegno anche di importanti Associazioni a livello nazionale, per diffondere i valori della solidarietà e della condivisione.


Negli anni l'offerta di ALI si è ampliata per garantire – anche tramite forme di contribuzione e di agevolazione nei pagamenti e attraverso l’attivazione di gruppi di acquisto - le migliori soluzioni di sostegno alla spesa delle famiglie. 

Le oltre 1.400 iniziative a livello nazionale e territoriale hanno totalizzato complessivamente più di 73 mila adesioni.

Dal 2018 ha preso avvio un percorso di ascolto presso i Soci, che ha consentito di realizzare l’«analisi di materialità» attraverso cui individuare i cd «temi materiali» e meglio comprendere gli impatti delle attività condotte dall’Associazione.

Servizi di Welcare Family

Dal 2016 è attivo il servizio Welcare family – grazie all’accordo con due cooperative sociali (Coopselios e Cadiai) – che, in una logica di work life balance, offre servizi a prezzi agevolati dalla genitorialità al caring di anziani e soggetti non autosufficienti nonché alla gestione degli aspetti fiscali e di previdenza.

Nel 2020 la formula sarà rivisitata per migliorare la qualità del servizio a beneficio dei Soci. Alle famiglie con figli tra 0 e 6 anni sono dedicati il buono Cicogna e il dono di Natale.

Per le famiglie con figli in età scolare, sono disponibili iniziative a supporto dell'organizzazione delle vacanze estive dei figli, con una fascia d’età ampia, tra i 4 e i 25 anni e per le famiglie con figli in condizione di disabilità accertata che vengano iscritti ai campus estivi è previsto uno specifico contributo annuo.

Per l’acquisto di testi scolastici ALI mette a disposizione un contributo e ha in essere una convenzione che permette ai Soci l’acquisto a prezzi scontati.

Come ulteriore forma di sostegno alla spesa delle famiglie, l'Associazione ha riconosciuto – tra gli altri – contributi per lo svolgimento di corsi sportivi e corsi inerenti al tempo libero e sono state stipulate due importanti convenzioni con società leader nel settore delle attività sportive con l’obiettivo di sostenere e favorire la pratica sportiva e il movimento quale fonte di benessere.

Sempre in tema conciliazione vita-lavoro, sono stati stipulati accordi con partner che forniscono servizi a domicilio (dalla lavanderia alla stiratura, dalla calzoleria alle pulizie di casa). 

Sostegno alla cultura

Il sostegno alla cultura è stato garantito, tra l'altro, dai contributi e dagli sconti per l'acquisto di libri e di abbonamenti per il cinema, i teatri e i musei, nonché dalle numerosissime iniziative culturali organizzate per i Soci nelle città e nei musei d’Italia.

 

Soft Welfare

Le iniziative e i servizi intendono promuovere il benessere delle persone in azienda, attraverso un ampio ventaglio di misure e soluzioni di flessibilità dedicate al sostegno dei colleghi e delle loro famiglie.
Gli interventi sono realizzati anche grazie all’ascolto dei colleghi, tramite il confronto costante con le Organizzazioni Sindacali e all’elaborazione delle indicazioni rivenienti dai processi di "stakeholder engagement".
In ambito Soft Welfare, oltre alle iniziative più tradizionali di conciliazione, quali gli Asili Nido aziendali e quelli convenzionati sul territorio, si affianca un sistema di tutela della genitorialità che integra e migliora l’insieme di congedi e permessi previsti a livello legislativo. 
Nelle mense aziendali, come nei nuovi spazi innovativi dei Micro Market, si promuovono i principi di corretta alimentazione. 

Di particolare rilevanza, la nascita nel 2019 del Gruppo di Lavoro interfunzionale, coordinato dalla Funzione Welfare, di riferimento per tutte le problematiche legate al mondo della disabilità e della malattia. I colleghi hanno partecipato ad un corso di alta formazione dell’Università Cattolica di Milano, con la docenza di esperti sul tema della disabilità e della malattia cronica, che ha conferito loro la certificazione di Disability Manager.

Il lavoro intrapreso per mettere a sistema quanto già realizzato e per esplorare nuovi ambiti progettuali, è importante, innovativo e richiede una particolare sensibilità. Promuovere la cultura dell’inclusione, avviare campagne di sensibilizzazione e formazione, valorizzare le capacità, i meriti e le attitudini delle persone con disabilità, garantire l’inserimento di ciascun individuo in azienda indipendentemente dalla presenza di elementi limitanti sono alcuni degli obiettivi del GdL.

In questo contesto continua l'esperienza delle “Nuvole di Solidarietà”. Sulla scia della prima, nata a Milano, con il coinvolgimento di colleghi che, a titolo volontario, supportano quotidianamente altri colleghi con difficoltà motorie nella fase di accesso e uscita presso la sede di lavoro, ne è nata una seconda a Torino. Anche l'esperienza di Emma, un cane da assistenza debitamente addestrato che può accompagnare in ufficio una collega in sedia a rotelle, ha dato lo spunto per consolidare questa best practice all'interno del Gruppo. Azioni concrete insomma, esempi che rappresentano una vera e propria rete di supporto e socialità, creano benessere diffuso e mettono le persone al centro.

Mobility Management

Il Mobility Management è la funzione dedicata ad agevolare gli spostamenti casa-lavoro dei colleghi, per migliorarne la qualità e per favorire modalità di trasporto sostenibili. L’impegno è di tradurre in azioni concrete quanto emerge dall’ascolto dei collaboratori, al fine di proporre un articolato ventaglio di opzioni per gli spostamenti quotidiani e declinare le azioni dei Piani di Spostamento Casa Lavoro. I principali obiettivi perseguiti dal Gruppo sono la riduzione dell'uso del mezzo di trasporto privato individuale, il miglioramento della sicurezza stradale e la riduzione delle emissioni di CO2.

Tra i servizi attivi, oltre alle navette aziendali e alla possibilità di richiedere abbonamenti ai mezzi di trasporto pubblico, l’introduzione del car pooling vuol essere una risposta innovativa e concreta ai temi sempre più attuali legati al benessere delle città in cui viviamo.

Salute e Sicurezza

La crescente attenzione riservata da Intesa Sanpaolo alla salvaguardia della salute e alla sicurezza dei colleghi e di tutti i terzi interessati, è testimoniata dalle numerose iniziative che da anni il Gruppo mette in campo per identificare, controllare, ridurre e dove possibile eliminare le situazioni di rischio riconducibili ai luoghi e ai processi di lavoro nonché alle condizioni soggettive delle proprie persone.
Viene effettuata un’accurata valutazione di tutti i potenziali rischi per la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro, al fine di elaborare il "Documento di Valutazione dei Rischi", a disposizione di tutto il personale, che comprende l’individuazione delle misure di prevenzione e protezione individuale.
A seguito della valutazione viene costantemente attuato un processo di gestione delle condizioni di rischio censite, che consente un continuo miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza sul lavoro.

Oltre a garantire il rispetto delle previsioni legislative e regolamentari vigenti, viene perseguito il raggiungimento dei più elevati standard in tema di health and safety, attraverso l’implementazione di un sistema di gestione della salute e sicurezza (SGSL) conforme ai requisiti previsti dallo standard internazionale di riferimento ISO 45001 (Occupational Health and Safety Assessment Specification).

{"toolbar":[{"label":"Aggiorna","url":"","key":"update-page"},{"label":"Stampa","url":"","key":"print-page"},{"label":"Richiedi bilanci","url":"/it/investor-relations/richiedi-bilanci","key":"business-budget"},{"label":"Calendario Finanziario","url":"/it/investor-relations/calendario-finanziario","key":"financial-calendar"}]}