{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD","clientIDSh":"9e04155b-dc20-4ad8-b40b-5d4c665631f2","signatureSh":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryptionSh":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyIDSh":"72a8b4f5-7fbb-427b-9006-4baf6afba018","userSh":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

Educazione finanziaria

Un impegno che il Gruppo Intesa Sanpaolo sente come particolarmente vicino alla sua area di competenza è la diffusione della conoscenza di temi economico/finanziari, per rendere le persone maggiormente consapevoli delle loro scelte finanziarie, con un occhio particolare alle nuove generazioni. Numerose sono le iniziative che vengono realizzate mettendo a disposizione, senza finalità commerciali, la nostra esperienza e consulenza sui temi della gestione del risparmio e del bilancio familiare.

L’impegno verso i giovani

Immagine generica giovane studentessa

Il Gruppo Intesa Sanpaolo aderisce alle iniziative per sviluppare e diffondere la conoscenza finanziaria ed economica, in particolare nei confronti dei giovani, sempre più esposti alla necessità di compiere in autonomia scelte economico-finanziarie rilevanti per il loro benessere (pensioni, investimenti, risparmi).
L’attenzione che il mondo della finanza attribuisce a questo tema ha portato l’Associazione Bancaria Italiana a costituire la "Fondazione per l’Educazione Finanziaria e al Risparmio".

Museo del Risparmio

Il Museo del Risparmio è un laboratorio multimediale e interattivo nato nel 2012 su iniziativa di Intesa Sanpaolo. Dedicato alle famiglie, agli adulti e ai bambini, è volto a spiegare i concetti di risparmio e investimento con un linguaggio chiaro e semplice e migliorare così il proprio livello di alfabetizzazione finanziaria. Nel 2013 ha fondato, in collaborazione con Museum of Global Finance di Beijing, Museum of American Finance di New York e Global Financial Literacy Excellence Center di Washington, l’International Federation of Finance Museums (IFFM), di cui ha assunto la co-presidenza nel 2015.

Nel 2021 ha risposto all’incertezza e alle sfide poste dalla pandemia adottando una modalità di formazione e divulgazione della cultura finanziaria sempre più orientata al “phygital”, ovvero a coniugare l’immediatezza e la fruibilità del digitale con l’interazione fisica, laddove il contesto lo ha permesso.

Questo approccio ha consentito di raggiungere nel corso dell’anno circa 45.600 utenti, di cui 40.000 studenti e docenti delle scuole primarie e secondarie con un totale di 844 ore di formazione erogata e 5.600 adulti coinvolti attraverso eventi, iniziative divulgative dedicate e visite al Museo in presenza.

Progetti di educazione finanziaria

S.A.V.E. Virtual Tour

Si tratta di un percorso multimediale dedicato all’educazione al risparmio e alla sostenibilità sviluppato in collaborazione con BEI Institute, già adottato da 740 classi in tutta Italia.
Permette agli studenti delle scuole primarie e secondarie di fruire di video multimediali, gaming app e proposte laboratoriali per imparare a gestire consapevolmente la scarsità di risorse. Al percorso sono abbinati webinar di approfondimento per docenti e lezioni online per gli studenti.

Dopo una fase sperimentale avviata nel 2020, è stata messa a catalogo una proposta modulare di educazione finanziaria erogabile online nell’ambito dei “Percorsi per le Competenze Trasversali e per l’Orientamento (PCTO)” riservati alle scuole secondarie di II grado. Il percorso, costituito da quattro moduli da 10 ore, approfondisce quattro argomenti (Moneta; Ruolo della finanza nella società; Impresa etica e sostenibile; Rischio e pianificazione) attraverso la visione di contenuti multimediali, lo svolgimento di role play e la realizzazione di project work a gruppi. Complessivamente nel 2021 sono 90 le classi e circa 1.800 gli studenti ad aver partecipato ai PCTO del Museo. 

Progetto Young Factor

È proseguita anche nel 2021 la partnership con l’Osservatorio Permanente Giovani-Editori per il progetto Young Factor, con l’obiettivo di sostenere la lettura critica e l’alfabetizzazione economico-finanziaria nei giovani, che è riuscita a proseguire con il progetto nelle scuole secondarie di secondo grado, nonostante l’emergenza sanitaria, grazie alla didattica a distanza coinvolgendo oltre 565.000 studenti.

Sviluppato nell’ambito dell’iniziativa Il Quotidiano in Classe - che attraverso la lettura di più quotidiani a confronto si propone di aiutare i giovani a sviluppare quello spirito critico indispensabile per essere domani cittadini liberi - il progetto intende favorire la diffusione della cultura economico-finanziaria tra i giovani, fornire supporti di conoscenza utili per operare scelte consapevoli per il proprio futuro, favorire la formazione di cittadini responsabili. Gli insegnanti e le classi che aderiscono al progetto inseriscono nel percorso didattico l’approfondimento delle tematiche alla base dell’economia, della finanza e delle regole che sovraintendono le attività finanziarie e bancarie. Il lavoro educativo trae spunto da temi di attualità (la crisi economica, l’andamento dei mercati finanziari, ecc.) e consente di approfondire i diversi argomenti riportandoli alla realtà quotidiana dei ragazzi.

L'iniziativa, si articola in 3 punti:

Formazione:

·         un "Libro di Lavoro" per supportare i docenti nello svolgimento dell’attività partendo da 10 parole chiave con schede didattiche e articoli di quotidiani;

·         30 clip video per offrire ai docenti ulteriori spunti per affrontare le tematiche in classe;

·         5 incontri formativi e informativi per presentare il progetto e parlare di argomenti economico-finanziari a studenti e docenti.

Lezioni in classe:

·         Lezioni in classe partendo dalle 10 parole chiave;

Ricerca:

·         Per misurare l'efficacia del lavoro svolto nelle scuole nell’ambito del progetto, un istituto di ricerca indipendente conduce ogni anno un’indagine.

A partire dall’anno scolastico 2019/2020 è disponibile inoltre, gratuitamente, per i docenti la nuova APP di “Young Factor”, nata con l’obiettivo di portare l’iniziativa in tutte le classi attraverso un nuovo percorso, più immediato e innovativo, tantissime news sempre aggiornate su temi di stringente attualità e diverse videolezioni.

Progetto sperimentale

Segnaliamo il progetto sperimentale avviato dal Museo del Risparmio in collaborazione con Intesa Sanpaolo Innovation Center – attraverso il suo Neuroscience Lab - e la Scuola IMT Alti Studi di Lucca, che ha promosso la realizzazione di uno studio neuroscientifico sul comportamento di risparmio nelle ragazze e nei ragazzi, avvalendosi di strumenti tecnologici all’avanguardia.

Progetti in presenza

A partire da luglio sono ripresi i progetti educativi con i gruppi scolastici in presenza dopo la sospensione conseguente al lockdown, con il coinvolgimento di un totale di circa 1.350 studenti:

  • MOney LEarning: progetto sviluppato con BEI Institute e Fondazione per la Scuola della Compagnia di Sanpaolo e riservato alle scuole primarie di Piemonte, Lombardia, Valle d’Aosta e Liguria;
  • Next Land: progetto sviluppato con l’Associazione Next Level, Fondazione Vodafone Italia e diverse realtà muse­ali torinesi per la didattica innovativa dedicata alle scuole in quartieri difficili;
  • La Bella Estate: programma didattico sviluppato con Compagnia di Sanpaolo e Musei cittadini per i gruppi dei centri estivi.

Eventi speciali

Sono stati 23 gli eventi speciali destinati ai ragazzi, fra cui a titolo di esempio:  la 6° edizione de “Il mio posto nel Mondo”, festival realizzato in collaborazione col Museo Lavazza, che ha visto l’adesione di oltre 6.000 studenti in due giornate;  la 5° edizione del Campus “Fuoriclasse della Scuola” in collaborazione con Ministero dell’Istruzione, FEduF, Abi e Confindustria, per i 60 migliori studenti italiani vincitori dele Olimpiadi nazionali della Scuola.

Iniziative rivolte a soggetti fragili per l’inclusione

 “Welcom-ed” dedicata ai migranti; “Prometti di prenderti cura di te”, per le donne in condizioni di fragilità; “LEI” e “Logos” per il reinserimento sociale di detenute a fine pena ed ex detenuti (36 incontri per un totale di circa 70 ore di formazione).

A complemento è stato avviato un “Tavolo Permanente per l’Educazione Finanziaria e l’Inclusione Sociale” insieme a Fondazione Triulza e Fondazione per l’Educazione Finanziaria e al Risparmio al fine di fornire agli operatori del Terzo Settore strumenti concreti per diffondere le competenze finanziarie di base presso i loro gruppi di riferimento.

Eventi dedicati agli adulti

Programmazione di 30 eventi digitali e blended (di cui 10 riservati agli insegnanti) che ha raggiunto circa 3.400 persone live e 2.300 visualizzazioni on demand1 nel periodo considerato. 

Tra i format evidenziamo il concorso per giovani stilisti volto a sensibilizzare le giovani generazioni sulla lotta agli sprechi e l’importanza di un approccio green.

Sul fronte internazionale, in occasione della Giornata Mondiale del Risparmio, è proseguita nel 2021 la collaborazione tra il Museo e le Banche della Divisione International Subsidiary Banks, di cui 9 hanno proposto attività di promozione dell’educazione finanziaria all’interno dell’iniziativa “The Art of Saving”, coinvolgendo 120 scuole locali e raggiungendo oltre 5.000 partecipanti. 

Intesa Sanpaolo e le Associazioni dei Consumatori

Immagine generica consumatori

Nell’ambito della collaborazione con le Associazioni dei Consumatori, è operativo il progetto "Mettere in comune competenze", nato dalla volontà di migliorare la conoscenza reciproca e la capacità di collaborazione a vantaggio dei clienti e consumatori.

Formiamo l’Italia dei Consumatori

"Formiamo l’Italia dei Consumatori", ciclo di seminari su temi economici e finanziari. Gli specialisti di Intesa Sanpaolo (Servizio Formazione) ed i manager del Gruppo hanno "guidato" in questi anni i quadri centrali delle Associazioni nel mondo economico bancario, dall’ABC dei mercati e strumenti finanziari ai fondamenti del rischio e del rendimento, dal risparmio gestito ai derivati e alle principali metodologie di analisi, per concludere con un approfondimento del quadro normativo e dei meccanismi che hanno portato alla crisi Subprime, evolutasi nella crisi dei debiti sovrani.
Dopo il primo ciclo di seminari si sono susseguite sessioni di aggiornamento con approfondimenti sullo scenario macro-economico internazionale ed il sistema bancario, sul settore assicurativo e previdenziale, sui prodotti di investimento, il mondo dei servizi banca on-line e l'economia digitale.

Formiamo la Banca dei Consumatori

"Formiamo la banca dei consumatori", caratterizzata dalla promozione di un progetto formativo rivolto a tutti dipendenti di Intesa Sanpaolo in Italia con l’obiettivo di sviluppare una maggiore conoscenza della cultura consumerista e la capacità di relazionarsi con essa. Il progetto interessa i diversi canali di formazione. 

Aule didattiche. Per la prima volta, in modalità sperimentale, sono stati inseriti all’interno dei corsi di formazione per neo-assunti e per neo-direttori degli spazi gestiti in maniera autonoma da un rappresentante di una delle Associazioni che hanno preso parte al progetto. Nelle lezioni sono stati affrontati i temi della cultura consumerista ed è stato dato largo spazio al dibattito e allo scambio di opinioni sulla tutela dei diritti del cliente/consumatore.

E-learning. Sono state registrate delle video-lezioni di rappresentanti delle Associazioni dei Consumatori sulle garanzie di beni e servizi con particolare attenzione ai diritti e alla normativa. Nelle video-lezioni sono stati affrontati, tra gli altri, i temi della conciliazione extragiudiziale, delle pratiche commerciali e del Codice al Consumo.

Intranet. Sono state create pagine web, consultabili da tutto il personale della Banca, dedicate alla cultura consumerista. Tra le varie sezioni, oltre ad una breve storia del consumerismo, si possono trovare le news dalle Associazioni, il regolamento della conciliazione di Intesa Sanpaolo, i link ai siti di tutte le Associazioni facenti parte del Consiglio Nazionale Consumatori Utenti presso il Ministero dello Sviluppo Economico.

Formiamo le Regioni dei Consumatori

La terza, "Formiamo le regioni dei consumatori", si pone l’obiettivo di aumentare la conoscenza bancaria e finanziaria dei consumatori attraverso la formazione di tutor e responsabili delle Associazioni a livello locale, grazie alla collaborazione degli specialisti di Intesa Sanpaolo. Ogni anno viene individuata una regione in cui organizzare una serie di seminari di approfondimento delle tematiche bancarie, finanziari ed assicurative. Ad oggi (maggio 2022) le regioni coinvolte sono state Lombardia, Piemonte, Campania, Toscana, Sicilia, Calabria, Puglia, Basilicata, Valle d’Aosta, Liguria, Veneto, Trentino-Alto Adige, Marche, Emilia-Romagna, Umbria e Abruzzo con la partecipazione di circa 350 responsabili locali delle associazioni dei consumatori.


Cara banca: ecco come ti vediamo noi consumatori

Nell’ultima, "Cara banca: ecco come ti vediamo noi consumatori", saranno i top manager del Gruppo Intesa Sanpaolo e i quadri direttivi delle Associazioni a mettere in comune competenze e indicazioni in una serie di incontri specializzati per principali aree di attività, tra le quali retail, legale, assistenza ai clienti.

{"toolbar":[{"label":"Aggiorna","url":"","key":"update-page"},{"label":"Stampa","url":"","key":"print-page"},{"label":"Richiedi bilanci","url":"/it/investor-relations/richiedi-bilanci","key":"business-budget"},{"label":"Calendario Finanziario","url":"/it/investor-relations/calendario-finanziario","key":"financial-calendar"}]}