{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

• Poli tecnologici laziali (farmaceutico, aereonautico e Ict) +14% nel primo trimestre 2011
• Nel primo trimestre è il polo aereonautico ad evidenziare la crescita più sostenuta +115,3%
• Rallentamento delle richieste di cassa integrazione guadagni nei primi 5 mesi del 2011

 

Roma, 11 luglio 2011 – Nel primo trimestre 2011 i poli tecnologici laziali hanno chiuso in territorio positivo, mostrando una crescita tendenzialmente superiore a quella dei poli ad elevata tecnologia italiani (+14% contro +10,2%). A sostenere l’hi-tech della regione in questi primi mesi è stato soprattutto il polo dell’aereonautica (+115,3%); ma hanno fatto bene anche l’ICT con una crescita delle esportazioni a due cifre (+27,7%) e il polo farmaceutico che, dopo l’ottima performance del 2010 (+33%), mostra una variazione ancora positiva (+5,1%) ma in decelerazione.

Questo il quadro emerso dall’ultimo aggiornamento del Monitor dei distretti del Lazio, prodotto dal Servizio Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo.

Dall’analisi dei principali mercati di riferimento dei poli hi-tech laziali, emerge l’importanza dei mercati tradizionali; in questi primi mesi dell’anno trainanti sono stati infatti i mercati francese (+9,5%), giapponese (+64,2%) e tedesco (+37,2%).

Il distretto tradizionale di Civita Castellana invece, dopo aver mostrato nel 2010 solo un lieve recupero delle perdite subite, in questi primi tre mesi del 2011 ha evidenziato performance non particolarmente brillanti (-7,9%); è soprattutto il mercato spagnolo, primo paese di destinazione dell’export del distretto, a far registrare il calo più consistente (-7,3%), scontando, di fatto, le difficoltà del mercato immobiliare.

Inoltre in linea con il dato nazionale dei poli tecnologici, anche i poli hi-tech del Lazio, hanno evidenziato un rallentamento delle richieste di ore di cassa ordinaria e in deroga, mentre è in aumento la componente straordinaria. Le ore di cassa richieste nel periodo gennaio-maggio 2011 superano il milione nel polo farmaceutico, nel polo ICT  e nel distretto di Civita Castellana e confermano le criticità ancora presenti nel mercato del lavoro della regione.

 

Per informazioni:
INTESA SANPAOLO      
Rapporti con i Media - Banca dei Territori e Media locali      
Cristiana Giua      
Tel. 06/67124992 - 335 5454102    
cristiana.giua@intesasanpaolo.com

{"toolbar":[{"label":"Aggiorna","url":"","key":"update-page"},{"label":"Stampa","url":"","key":"print-page"}]}