{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

COMUNICATO STAMPA


IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI BANCA DI TRENTO E BOLZANO APPROVA I DATI DEL BILANCIO INTERMEDIO AL 30 GIUGNO 2012
 
• 2,6 miliardi di euro di impieghi a clientela, di cui 109 milioni di euro di nuovi finanziamenti a medio-lungo termine erogati al territorio;
• Raccolta diretta da clientela a breve in crescita del 3% nel primo semestre;
• Oltre 3.200 nuovi clienti acquisiti nel primo semestre;
• Oneri operativi in calo del 5,8% rispetto al primo semestre 2011;
• Risultato della gestione operativa a 11 milioni di euro in crescita dell’8,6% rispetto al primo semestre 2011;
• Utile netto: 0,9 milioni.


Trento, 2 agosto 2012. Il Consiglio di Amministrazione della Banca di Trento e Bolzano (Gruppo Intesa Sanpaolo), riunitosi a Trento, ha approvato il bilancio intermedio al 30 giugno 2012.

I crediti alla clientela ammontano a 2,6 miliardi (-1,8% rispetto al 31 dicembre 2011) e comprendono 109 milioni di nuovi finanziamenti a medio-lungo termine erogati nei primi sei mesi del 2012 a sostegno dell’economia locale.

Le attività finanziarie della clientela si attestano a 4,1 miliardi (+0,2% rispetto al 31 dicembre 2011).

Estremamente positivo l’andamento della raccolta diretta da clientela a breve, che segna un +3% rispetto al 31.12.2011, a conferma della capacità di crescita della banca e di attrazione del risparmio, anche nella difficile attuale situazione macro economica.

Il coefficiente di solvibilità complessivo (Total Capital Ratio) conferma con il 13,7% l’ottimo livello di adeguatezza patrimoniale ai fini di vigilanza, ampiamente superiore ai limiti minimi regolamentari.

Molto positiva anche la dinamica relativa all’acquisizione di nuova clientela che registra oltre 3.200 nuovi clienti nel primo semestre.

I proventi operativi netti sono pari a 41,5 milioni, con una contenuta flessione di 1 milione (- 2,4%) rispetto al 2011, la diminuzione è dovuta alla presenza lo scorso anno di ricavi non ricorrenti nell’ambito del “risultato dell’attività di negoziazione”.
Decisamente positivo è stato l’andamento degli oneri operativi che sono scesi i a 30,4 milioni al 30 giugno di quest’anno, con un calo complessivo di 1,9 milioni (- 5,8%) registrato in pressoché pari misura sia nelle spese del personale sia in quelle amministrative.

Il risultato della gestione operativa 2012, è quindi cresciuto a 11 milioni rispetto ai 10,1 milioni dello stesso periodo dell’anno precedente, corrispondente ad un + 8,6%.

Le rettifiche di valore nette su crediti, pari a 9,4 milioni, evidenziano una netta flessione (- 57,2%) rispetto al valore di 21,9 milioni del 2011, che dipendeva da elementi straordinari e non ricorrenti.

Il risultato al lordo delle imposte del primo semestre 2012, si è posizionato a 1,6 milioni di euro, producendo, dopo imposte per 0,6 milioni e oneri di integrazione netti per 0,1 milioni, un utile netto 0,9 milioni, rispetto alla perdita di 10,8 milioni del 1° semestre dell’anno precedente, che come già richiamato era conseguenza di elementi straordinari.

“La nostra banca, pur in un contesto di mercato estremamente complesso, ha dichiarato il Cav. Mario Marangoni, Presidente di Btb, dimostra di saper affrontare questo difficile scenario grazie alla solidità del Gruppo di cui facciamo parte e continua a sostenere il territorio, non facendo mancare il proprio supporto finanziario a famiglie ed imprese del Trentino Alto Adige”.

“I dati in crescita, sia sotto il profilo reddituale, sia dal punto di vista delle masse gestite, sono chiaramente indicatori di una banca che continua a guardare avanti, avendo una grande attenzione alla crescita dei ricavi ed al contenimento dei costi. Cerchiamo ogni giorno di rafforzare la relazione con i nostri clienti, dando un sostegno ed offrendo consulenza che vengono sempre più apprezzati. L’aver acquisito oltre 3.200 nuovi clienti nei primi 6 mesi dell’anno è un segno di vitalità e conferma la nostra capacità di offrire servizi di qualità e di infondere fiducia”, ha dichiarato Nicola Calabrò, Direttore Generale della banca.
 
La dimensione complessiva della Banca di Trento e Bolzano al 30 giugno 2012 consta di 519 dipendenti, compreso il personale distaccato e 86 filiali bancarie, di cui 41 in provincia di Trento, 43 in quella di Bolzano e 2 in Austria (succursale di Innsbruck e filiale di Dornbirn).

Banca di Trento e Bolzano è una società soggetta all’attività di direzione e coordinamento del Gruppo Intesa Sanpaolo, iscritto all’Albo dei Gruppi Bancari.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


PER ULTERIORI INFORMAZIONI:
Rapporti con i Media - Chiara Carlotti
Tel. 049/6539835 – cell. 335/1355936
chiara.carlotti@intesasanpaolo.com

{"toolbar":[{"label":"Aggiorna","url":"","key":"update-page"},{"label":"Stampa","url":"","key":"print-page"}]}