{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

Quattro milioni di euro a disposizione dei giovani della provincia di Pistoia per l’acquisto della prima casa


COMUNICATO STAMPA

 FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI PISTOIA E PESCIA
E CASSA DI RISPARMIO DI PISTOIA E DELLA LUCCHESIA
PRESENTANO “EASY HOME”


• Obiettivo: favorire l’accesso a mutui ipotecari per i giovani che vogliono acquistare la prima casa con quattro milioni di finanziamenti subito disponibili
• Quota interessi primi cinque anni di ammortamento eccedenti il tasso dell’1,5% rimborsati dalla Fondazione
• Mutui fino a 100.000 euro fino alla copertura dell’80% del valore di acquisto dell’immobile
• Concorrere al superamento della crisi del settore edile attraverso nuova domanda di immobili abitativi

 

 

Pistoia, 2 luglio 2014 – Offrire ai giovani under 40 credito  per poter soddisfare il proprio diritto alla casa e, al tempo stesso, contribuire al rilancio del mercato immobiliare e del settore delle costruzioni della provincia pistoiese. Questo l’obiettivo di  Easy Home, il progetto condiviso da Cassa di Risparmio di Pistoia e della Lucchesia e Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia siglato da Ivano Paci, presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia e da Alessio Colomeiciuc, presidente di Cassa di Risparmio di Pistoia e della Lucchesia.

L’accordo, destinato ai giovani residenti nella provincia di Pistoia, è riservato agli under 40 che hanno un  reddito complessivo, rilevato dall’indicatore ISEE, non superiore ad euro 35.000 e che non sono proprietari di altri immobili ad uso abitativo, salvo quelli acquistati per successione ereditaria e che siano in uso a titolo gratuito a genitori o fratelli.

Cassa di Risparmio di Pistoia e Lucchesia e Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia intendono, con questo accordo, venire incontro alle giovani coppie che altrimenti non riuscirebbero ad affrontare con serenità l’impegno di un mutuo per l’acquisto della prima casa. Non si tratta quindi di finanziare l’acquisto di immobili con caratteristiche di lusso o di dimensioni elevate (ovvero superiori ai 90 mq di superficie calpestabile) ma di aiutare i giovani a costruire il proprio futuro anche attraverso il diritto alla casa. Un aiuto quindi ma anche una scelta di responsabilità per i giovani pistoiesi: coloro che chiederanno di poter usufruire dei benefici dell’accordo tra Cassa e Fondazione devono essere consapevoli che l’eventuale contributo in conto interessi rimborsato dalla Fondazione spetterà loro solo in caso di regolare pagamento del mutuo.

Si tratta quindi di un progetto che, in questo contesto, assume anche valenze economico-sociali, dando vita ad una innovativa partnership tra Cassa di Risparmio di Pistoia e della Lucchesia e Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia, ciascuno secondo i propri scopi istituzionali: la Fondazione - che persegue scopi di utilità sociale e sostiene il territorio con una attenta destinazione delle risorse nei vari settori di intervento – contribuisce a rendere più sostenibile la rata del mutuo per i primi cinque anni di ammortamento alle giovani coppie pistoiesi; Cassa di Risparmio di Pistoia e della Lucchesia, che da sempre sostiene le famiglie e le imprese e in generale tutte le attività di sviluppo dell’economia locale, erogherà finanziamenti per favorire il credito alle giovani coppie ed il rilancio del settore immobiliare ed edile.

I mutui ipotecari  oggetto dell’accordo dovranno essere espressamente finalizzati all’acquisto della prima casa ed essere di importo non superiore all’80% del valore dell’immobile e in ogni caso di non superiore a € 100.000. Le caratteristiche del finanziamento che ha come riferimento il del Mutuo Domus Variabile – Piano Base, prevedono una durata di almeno quindici anni di ammortamento e che il mutuo sia finalizzato esclusivamente all’acquisto di immobili con finalità “abitativa”.

Il contributo della Fondazione verrà erogato per i  primi cinque anni di ammortamento del mutuo e consisterà nel rimborso della sola quota interessi di ciascuna rata regolarmente pagata, limitatamente alla parte derivante dall’applicazione del saggio nominale annuo superiore al 1,50% fino ad un massimo del 6,50%. Per  l’ottenimento di tale contributo,  il beneficiario   presenterà alla Fondazione una richiesta di rimborso unendo le quietanze  emesse dalla Banca per tutte le rate scadute e pagate nel periodo annuale di riferimento. 
L’accordo avrà effetto per i mutui ipotecari richiesti alla banca e da questa erogati nei limiti del massimale indicato fino al 30/06/2015.

Con questa iniziativa – dichiara Ivano Paci, presidente di Fondazione Caript – assunta d’intesa con la Cassa di Risparmio di Pistoia e della Lucchesia, la Fondazione mira a rendere più agevole l’accesso ad un bene fondamentale per un duraturo e stabile progetto di vita condivisa. L’intervento della Fondazione consente di abbattere per il primo quinquennio il costo del mutuo all’1,50 per cento annuo, rimborsando ai beneficiari il costo effettivo eccedente quello corrispondente a tale tasso. Ci auguriamo che l’opportunità che presentiamo venga colta nella sua importanza; se ne gioveranno le giovani coppie, il tessuto sociale e anche l’attività edilizia”.

 “La collaborazione con la Fondazione e gli strumenti messi a disposizione dalla nostra Cassa e dal Gruppo ci consentono di intervenire in modo innovativo rispetto alle consuete modalità di erogazione di un mutuo immobiliare – commenta Alessio Colomeiciuc, presidente di Cassa di Risparmio di Pistoia e della Lucchesia. E’ importante considerare l’impegno che ciascuno ha dedicato per portare a termine questo accordo, consapevoli delle difficoltà che affrontano i nostri giovani, spesso con occupazioni non stabili o con redditi familiari molto bassi, e comunque meritevoli di credito e di poter costruire la propria famiglia in una casa di proprietà. Grazie all’intesa con la Fondazione Caript, siamo convinti di poter sostenere anche nuova domanda di immobili residenziali, così da favorire anche il rilancio del settore delle costrizioni, che sappiamo bene essere il più colpito dalla crisi”. 

 

Per informazioni:

Gruppo Intesa Sanpaolo      
Ufficio Media Banca dei Territori e Media Locali    
055 2612550
stampa@intesasanpaolo.com

 

{"toolbar":[{"label":"Aggiorna","url":"","key":"update-page"},{"label":"Stampa","url":"","key":"print-page"}]}