{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

COMUNICATO STAMPA

CASSA DI RISPARMIO DEL VENETO PROMUOVE UN INCONTRO IN VISTA DI EXPO E PRESENTA IL VOLUME “LA TRADIZIONE DELL’INNOVAZIONE. L’EXPO NELLA STORIA, IL VENETO NELL’EXPO”

• Nella stessa giornata si è tenuta la riunione del Consiglio di amministrazione che ha deliberato il sostegno alla Fondazione Dolomiti Unesco, al Centro Studi Claviere ed ai Solisti Veneti
• Illustrata una ricerca sull’economia bellunese da cui emerge che le imprese locali sono ben posizionate per cogliere le opportunità presenti sui mercati internazionali: +8,5% l’export nel 2014
• Diverse le iniziative proposte in vista di Expo Milano 2015 per valorizzare le eccellenze bellunesi

Belluno, 16 aprile 2015. Prosegue a Belluno il programma promosso dalla Cassa di Risparmio del Veneto di presentazione del volume “La tradizione dell’innovazione. L’Expo nella storia, in Veneto nell’Expo” (edito da Marsilio Editori) unitamente alle iniziative che la Cassa sta avviando a favore delle imprese del territorio per cogliere le opportunità legate a Expo.

L’incontro - tenutosi presso il Centro Congressi Belluno di fronte ad una vasta platea composta da autorità locali e imprenditori - è stato aperto dal presidente Gilberto Muraro e dal direttore generale Renzo Simonato con la presentazione del volume su Expo che ripercorre il lungo e mutevole cammino delle esposizioni universali - dal 1851 quando si tenne la prima esposizione universale a Londra nello stupefacente Crystal Palace – analizzando gli eventi sotto tre profili: il loro rapporto con la politica e l’economia, il loro impatto sull’architettura e le arti applicate e infine la presenza del Veneto nelle esposizioni a partire dal 1867. La lettura offre un excursus storico suggestivo e stimolante, consentendo di comprendere meglio, attraverso analogie e contrasti, il significato di Expo 2015 e l’attuale situazione economica del Veneto.
L’idea di dedicare un volume all’Expo nasce dalla partnership del Gruppo Intesa Sanpaolo con Expo Milano 2015, nella consapevolezza che si tratta di un appuntamento solenne dell’Italia con il mondo, che coinvolge tutti e stimola a operare per il suo pieno successo.

E’ seguita poi la presentazione da parte di Stefania Trenti della Direzione studi e ricerche di Intesa Sanpaolo di uno studio sul tema “Una crescita possibile. Internazionalizzazione, volano per lo sviluppo” che cui è emerso che lo scenario internazionale offre buone prospettive di sviluppo per le imprese italiane: una domanda mondiale in accelerazione e cambio debole possono favorire le esportazioni, che rimarranno anche nel 2015 uno dei principali sostegni alla crescita. In particolare nel settore alimentare gli spazi di sviluppo per le imprese italiane sono molto elevati: la propensione a servire i mercati internazionali è infatti ridotta rispetto ai principali competitor e si sta affermando in molte aree del mondo una nuova classe di consumatori in grado di apprezzare l’elevata qualità del Made in Italy alimentare.

Anche le imprese della provincia di Belluno appaiono ben posizionate per cogliere le opportunità presenti sui mercati internazionali: l’export nel 2014 della provincia è cresciuto a buoni ritmi (+8,5%), anche al netto delle ottime performance dell’occhialeria (+11,4%). Bene anche l’export di prodotti alimentari (+20,7%) che, tuttavia, rappresenta solo l’1% delle vendite estere della provincia di Belluno, anche a causa di un tessuto produttivo fortemente caratterizzato dalla presenza di imprese piccole e piccolissime. Andare all’estero richiede strategie complesse (e più investimenti in innovazione e qualità) e una accurata preparazione: dimensioni adeguate e partner complementari appaiono come fattori importanti per sostenere una maggiore proiezione internazionale.

Anna Maria Moressa, della Direzione regionale Nord Est di Intesa Sanpaolo ha poi illustrato le opportunità per le imprese bellunesi legate ad Expo derivanti dal fatto che Intesa Sanpaolo è Global Official Partner della manifestazione: dal servizio di ticketing a prezzi scontati presso tutte le filiali della banca e gli sportelli ATM al nuovo portale di e-commerce “www.createdinitalia.com” che consente anche alle aziende di eccellenza dei settori food, turismo e design di caricare una “vetrina” promozionale della propria attività. La piattaforma continuerà a esistere anche dopo l’esposizione universale quale impegno del Gruppo Intesa Sanpaolo a sostenere le pmi del territorio in un percorso di crescita e di sviluppo nel mondo digitale e nei mercati internazionali. Tra gli obiettivi del progetto c’è senz’altro la valorizzazione di tutto il territorio del Veneto, unitamente alle offerte e promozioni, legate alla cultura e all’intrattenimento, con i principali musei e teatri del territorio. A queste si aggiunge l’iniziativa “Candida la tua impresa” che prevede la presenza di oltre 400 imprese del territorio ospitate presso lo spazio espositivo che Intesa Sanpaolo ha in Expo.

Al termine c’è stata la testimonianza del presidente di Unifarco, Ernesto Riva, che ha portato la propria esperienza di azienda del territorio di successo.

Nel pomeriggio si è tenuta la riunione del Consiglio di amministrazione della banca che ha tra l’altro deliberato tre iniziative a favore del bellunese, in particolare: il sostegno alla Fondazione Dolomiti Unesco per l’iniziativa LAbfest che si terrà a fine agosto ad Auronzo di Cadore, un contributo al Centro Studi Claviere per la X edizione “La via del Santuario”, itinerario musicale poetico e di conoscenza di luoghi di spiritualità che riguarderà Feltre e Belluno e un contributo a I Solisti Veneti per concerto che si terrà a Belluno a luglio.

Il presidente Gilberto Muraro ha ricordato che “La partnership con Expo Milano 2015 rappresenta un’occasione unica per rafforzare il nostro impegno verso il Paese, valorizzarne le eccellenze imprenditoriali, la vitalità dell’economia e il primato del patrimonio artistico e culturale di cui è particolarmente ricco il Veneto. Le imprese bellunesi saranno sicuramente in grado di trarre beneficio e dare il proprio contributo al successo di un evento internazionale che può diventare un volano per il rilancio dell’Italia nel mondo”.

Il direttore generale Renzo Simonato ha sottolineato “Vogliamo offrire alle aziende di piccole e medie dimensioni, che rappresentano il fiore all’occhiello dell’imprenditoria italiana, l’opportunità di utilizzare le risorse della Banca per aprirsi una propria vetrina in Expo. A sostegno dell’economia reale del Paese, il Gruppo Intesa Sanpaolo quest’anno metterà a disposizione di famiglie e imprese 37 miliardi di nuovo credito a medio-lungo termine che si aggiungono ai 27 già erogati nel 2014.”

Nel bellunese la Cassa ha profonde e storiche radici ed è presente con 431 milioni di impieghi, 382 milioni di raccolta diretta e 21 sportelli a servizio di circa 33.000 clienti .

Per informazioni

Intesa Sanpaolo
Rapporti con i Media
Tel. +39 049 6539835 - cell. +39 335 1355936
stampa@intesasanpaolo.com

{"toolbar":[{"label":"Aggiorna","url":"","key":"update-page"},{"label":"Stampa","url":"","key":"print-page"}]}