{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

COMUNICATO STAMPA

AL VIA “TRADING LAB”

PRESENTATO A PERUGIA  IL PROGETTO PILOTA
DI INTESA SANPAOLO E CASSE DI RISPARMIO DELL’UMBRIA
PER SVILUPPARE L’INTERNAZIONALIZZAZIONE AZIENDALE


Perugia, 6 maggio 2015 - Prende il via a Perugia, il giorno 8 maggio, il progetto formativo di Intesa Sanpaolo denominato ‘Trading Lab: think International”, rivolto alle imprese che intendono sviluppare le loro competenze in materia di internazionalizzazione e commercio con l’estero. Finalità del progetto è quella di far cogliere alle aziende nuove aree di business attraverso il commercio estero, trasferendo loro le competenze e le conoscenze necessarie.

Puntare in modo stabile sulla domanda estera è un obiettivo strategico, emerso anche da un recente studio di Intesa Sanpaolo: la domanda proveniente dai mercati esteri verso prodotti delle imprese italiane continuerà ad essere anche nei prossimi anni sistematicamente superiore a quella italiana. Le previsioni di crescita del PIL mondiale del 2015 puntano infatti ad un +3%, mentre quello italiano è previsto aumentare solo di mezzo punto percentuale. Un divario simile si dovrebbe riproporre negli anni successivi.
Anche se la competitività del nostro Paese continua ad essere buona - tanto che nel primo semestre del 2014, tra i principali paesi esportatori, solo la Polonia è cresciuta più dell’Italia - il rapporto attuale tra esportazioni e produzione del manifatturiero, benché in continua crescita, permane decisamente inferiore a quello dei principali competitor europei: in Italia tale rapporto è di poco inferiore al 40% ma in Francia è prossimo al 50% e in Germania si avvicina al 60%. Per le aziende italiane, sono ancora molte opportunità da cogliere.

In questo quadro, l’iniziativa formativa pilota di Intesa Sanpaolo - strutturata in 3 moduli -  punta a fornire agli imprenditori umbri strumenti e conoscenze per sviluppare le proprie potenzialità verso i mercati esteri. Il corso si terrà a Perugia e sarà a cura di Casse di Risparmio dell’Umbria, su iniziativa del Direttore Generale Pietro Buzzi, coordinato con il Direttore Commerciale Imprese Toscana Umbria Lazio e Sardegna di Intesa Sanpaolo, Stefano Visone, e con il Responsabile del Coordinamento Territoriale Prodotti e Segmenti della Direzione Regionale, Marco Biffi.

Il progetto di formazione alle imprese, che dopo l’avvio di Padova ha visto coinvolte le piazze di Torino e Napoli, arriva in Umbria e proseguirà su tutto il territorio nazionale, coinvolgendo in prima battuta 250 imprese e sviluppando, sulla base delle specifiche esigenze territoriali, anche altre tematiche come lo sviluppo delle competenze per l’e-commerce e l’e-business.

Intesa Sanpaolo Formazione, società consortile per azioni del Gruppo, specializzata nello sviluppo delle competenze del capitale umano della clientela di Intesa Sanpaolo, supporterà ogni singola impresa in tutte le fasi del progetto, dall’organizzazione all’erogazione fino alla ricerca delle fonti di finanziamento per le aziende, avvalendosi dei finanziamenti per la formazione previsti dai  Fondi Interprofessionali.


Per informazioni:
Gruppo Intesa Sanpaolo        
Ufficio Media Banca dei Territori e Media Locali      
tel. 055 2612550 -  
stampa@intesasanpaolo.com  

{"toolbar":[{"label":"Aggiorna","url":"","key":"update-page"},{"label":"Stampa","url":"","key":"print-page"}]}