{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

COMUNICATO STAMPA

INTESA SANPAOLO E PICCOLA INDUSTRIA CONFINDUSTRIA GENOVA:
INSIEME PER L’INNOVAZIONE E LA COMPETITIVITÀ

A Genova illustrate le opportunità per le «PMI innovative»,
con il contributo del Ministero dello Sviluppo Economico

Genova, 23 marzo 2016 – Si è tenuto oggi a Genova l’incontro “Puntiamo sulle imprese. Per una ripresa oltre le aspettative”, organizzato da Piccola Industria Confindustria Genova, Piccola Industria Confindustria e Intesa Sanpaolo, volto a sensibilizzare le imprese del territorio sulle opportunità offerte per chi investe in innovazione.

In particolare, l’Investment Compact ha introdotto la figura della “Piccola e Media Impresa innovativa”, con l'obiettivo di rafforzare la competitività del tessuto produttivo nazionale e promuovere un più capillare trasferimento di conoscenza e d’innovazione in tutti i settori economici. Alle PMI innovative sono state infatti estese alcune delle agevolazioni e semplificazioni già previste per le startup innovative, prevedendone il riconoscimento in una sezione ad hoc del Registro delle Imprese.

L’evento di Genova fa parte del roadshow avviato nel 2015 e rientra nell’ambito di una serie di iniziative e strumenti a sostegno del rafforzamento delle imprese previsti dall’addendum siglato tra Piccola Industria Confindustria e Intesa Sanpaolo, a integrazione dell'accordo "Una Crescita Possibile" recentemente prorogato fino al prossimo settembre.

Il ciclo di incontri coinvolge anche il Ministero dell’Economia e delle Finanze e il Ministero dello Sviluppo Economico, quest’ultimo presente anche oggi a Genova per illustrare agli imprenditori i contenuti dell’Investment Compact. Il roadshow proseguirà nel corso del 2016 e terminerà con l’incontro nazionale dedicato alle PMI che hanno raccolto la sfida trasformandosi in  “innovative”. Al momento, le PMI iscritte nell’apposita sezione del Registro delle Imprese sono 139, di cui 7 in Liguria.

I lavori della tappa odierna – che succede a quelle di Napoli, Bergamo, Firenze, Vicenza, Ancona, Forlì, Bari e Ivrea – sono stati aperti da Andrea Carioti, Presidente Piccola Industria Confindustria Genova, e moderati da Andrea Bairati, Direttore Innovazione ed Education Confindustria.

Sul tema “Le PMI innovative e il loro potenziale di sviluppo” sono intervenuti Alberto Baban, Presidente Piccola Industria Confindustria, Cristina Balbo, Direttore Regionale Piemonte Valle d’Aosta e Liguria Intesa Sanpaolo, Stefano Firpo, Direttore Generale per la Politica Industriale, la Competitività e le PMI del Ministero dello Sviluppo Economico.

È seguita una tavola rotonda dal titolo “Sei una PMI innovativa? Opportunità e vantaggi”, alla quale hanno partecipato Paola Carbone, Responsabile Settore Innovazione Camera di Commercio di Genova, Mauro Tenti, Direttore Commerciale Imprese Intesa Sanpaolo, e alcune importanti testimonianze aziendali, che hanno condiviso con gli imprenditori presenti la propria esperienza diretta di “PMI innovative”: Fabrizio Ferrari, Presidente Aitek (realizzazione e integrazione di sistemi ad alta tecnologia in ambito logistica e trasporti, monitoraggio video su IP, ICT e multimedia), Angelo Lupo, Amministratore Delegato Manydesigns (sviluppo software aziendali personalizzati e web application), Giorgio Genta, Vice Presidente e Direttore tecnico ETT (innovazione tecnologica e culturale, sviluppo software e consulenza).

Alberto Baban, Presidente Piccola Industria Confindustria: “L’evento di oggi riguarda l’innovazione delle PMI, un tema sempre più strategico e determinante. In un contesto economico altamente competitivo, che cambia con una velocità esponenziale, sono infatti le imprese che investono e adottano strategie collegate all’innovazione a possedere le caratteristiche distintive per eccellere nella competizione globale senza subirla” ha dichiarato Baban. “Per questo la policy dedicata alle PMI Innovative è importante, sia per le agevolazioni e semplificazioni previste, sia perché mette in risalto agli occhi degli investitori, del sistema bancario, delle istituzioni e del mercato una platea di imprese che hanno forti potenzialità per evolvere e diventare dei leader. Se crescono queste imprese – ha concluso Baban – si rafforza anche la loro catena di fornitori, in media 275 piccole realtà produttive, creando benessere per l’intera collettività”.

Andrea Carioti, Presidente Piccola Industria Confindustria Genova: “Oggi, su circa 1000 imprese associate a Confindustria Genova, quasi 800 sono PMI. Tra le sette innovative, iscritte nell’apposito Registro della Camera di Commercio, non ci sono solo aziende dell’information technology, ma anche della building automation e dell’energia. La nostra sfida è portare oltre l’innovazione anche nei settori più tradizionali, coma la manifattura e le costruzioni, per favorire la creazione di uno zoccolo duro di PMI che possano contribuire da protagoniste alla crescita economica del Paese. Ma l’impegno a innovare – sottolinea Carioti - deve riguardare tutti, Istituzioni e Pubblica Amministrazione comprese”.

Cristina Balbo, Direttore Regionale Piemonte Valle d’Aosta e Liguria Intesa Sanpaolo: “Da tempo puntiamo sull’innovazione come motore di crescita delle nostre imprese. Ed è proprio sulle imprese innovative che intendiamo investire, per una ripresa oltre le aspettative. Questo accordo si sostanzia nel fornire al tessuto imprenditoriale il supporto per vincere le sfide competitive dei prossimi anni. La capacità d’innovare, però, va oltre il saper cogliere l’evoluzione della tecnologia: è prima di tutto un cambiamento culturale, che coinvolge il  modello di business, i processi, la comunicazione, l’approccio ai nuovi mercati, la creazione di alleanze, lo sviluppo delle risorse umane e delle competenze. Per stimolare la propensione all’innovazione delle PMI, Intesa Sanpaolo offre soluzioni, piattaforme e competenze che, in aggiunta al tradizionale aspetto finanziario, sostengono l’impresa nei percorsi di trasformazione, anche sotto il profilo della valutazione tecnica e industriale. Intercettiamo la domanda d’innovazione degli imprenditori, mettendoli in relazione con il nostro network di start up e imprese innovative, poli tecnologici e università, e proponendo loro programmi formativi. Altrettanto intensa la formazione dedicata ai nostri gestori che, con la loro presenza capillare sul territorio, possono aiutare l’imprenditoria a migliorare le condizioni strutturali e accrescere il proprio merito di credito.”

Nel corso dell’incontro sono stati ricordati altri importanti progetti messi in campo a sostegno degli investimenti delle PMI, nell’ambito della collaborazione in corso tra Piccola Industria Confindustria e Intesa Sanpaolo.

Uno è la condivisione con Piccola Industria Confindustria della piattaforma web Tech-Marketplace di Intesa Sanpaolo, un motore di ricerca pensato per promuovere il contatto tra imprese innovative, comprese le startup, e per favorire l'incontro tra domanda e offerta d’innovazione tecnologica. Partnership, accordi commerciali e acquisizioni sono l'obiettivo del processo di matchmaking abilitato dalla piattaforma, che supporta le imprese nell'esplorazione di tecnologie e nuove soluzioni per le proprie sfide di business e, allo stesso tempo, agevola startup e PMI hi-tech nel trovare potenziali interlocutori all'interno di un network selezionato.

Intesa Sanpaolo e Confindustria hanno realizzato anche l'indagine "Sei una PMI Innovativa?", finalizzata a valutare quante e quali PMI in Italia possono essere considerate “innovative” ai sensi dell’Investment Compact, a sensibilizzare gli imprenditori sul tema e ad aiutarli ad aumentare il loro livello di innovazione. L’indagine è accessibile online sul sito di Confindustria; è aperta a tutte le imprese, anche non associate, ed è promossa anche tra le imprese clienti di Intesa Sanpaolo tramite i gestori di filiale.

Con la proroga dell’accordo è stato aggiunto, tra l’altro, un nuovo e importante intervento finanziario: le aziende che investono in beni materiali strumentali nuovi e usufruiscono dei “superammortamenti al 140%” (previsti dalla Legge di Stabilità 2016) possono accedere a un finanziamento a medio lungo termine fino al 100% dell’investimento, oltre a un’ulteriore linea di credito fino al 40% per smobilizzare i crediti derivanti dalla crescita aziendale generata dall’investimento.

Dal primo accordo con Piccola Industria Confindustria del 2009, fino al rinnovo siglato lo scorso 3 marzo, Intesa Sanpaolo ha messo a disposizione delle piccole e medie imprese associate oltre 45 miliardi di euro.

 

 

 

 


Per informazioni: 
 
Intesa Sanpaolo
Media Banca dei Territori e Media locali
Tel. +39 011.5559609
stampa@intesasanpaolo.com

Piccola Industria Confindustria Genova
Ufficio Stampa
Tel. +39 010 8338426
pponta@confindustria.ge.it

 

{"toolbar":[{"label":"Aggiorna","url":"","key":"update-page"},{"label":"Stampa","url":"","key":"print-page"}]}