{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

COMUNICATO STAMPA

FIDEURAM – INTESA SANPAOLO PRIVATE BANKING:

 RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2016


SOLIDA PERFORMANCE COMMERCIALE, CON € 1,9 MILIARDI DI RACCOLTA NETTA, IN UN TRIMESTRE CARATTERIZZATO DA UN’ALTA VOLATILITA’ DEI MERCATI FINANZIARI

CRESCE L’UTILE NETTO CONSOLIDATO, CHE RAGGIUNGE € 213 MILIONI (+7% VS 1°TRIM 2015) GRAZIE PRINCIPALMENTE ALL’INCREMENTO DELLE COMMISSIONI NETTE

ELEVATA SOLIDITA’ PATRIMONIALE, LARGAMENTE AL DI SOPRA DEI REQUISITI NORMATIVI: COMMON EQUITY TIER 1 RATIO AL 17,7%.


I principali risultati di Fideuram – Intesa Sanpaolo Private Banking al 31 marzo 2016 :

• Totale delle masse amministrate a € 186,4 miliardi (€ 188,9 miliardi al 31 dicembre 2015, -1%)

• Raccolta netta totale pari a € 1,9 miliardi (€ 2,1 miliardi nel primo trimestre 2015, -12%)

• Numero complessivo di private banker a 5.861, in aumento di 15 unità rispetto al 31 dicembre 2015
 
• Commissioni nette crescono a € 384 milioni (€ 364 milioni nel primo trimestre 2015, + 5%)

• Spese di funzionamento pari a € 128 milioni, sostanzialmente in linea (+2%) con il primo trimestre 2015

• Cost/Income ratio migliora ulteriormente e scende al 29% (30% nel primo trimestre 2015)

• Utile netto consolidato sale a  € 213 milioni (€ 200 milioni nel primo trimestre 2015, + 7%)

• Grande solidità patrimoniale, ampiamente al di sopra dei requisiti normativi: Common Equity Tier 1 ratio al 17,7%

 

Torino, 9 maggio 2016 – Il Consiglio di Amministrazione di Fideuram – Intesa Sanpaolo Private Banking (Gruppo Intesa Sanpaolo), presieduto da Matteo Colafrancesco, ha approvato il Resoconto Intermedio di Gestione Consolidato al 31 marzo 2016.

Per una migliore comprensione dei numeri, ricordiamo che a giugno 2015 il Gruppo Fideuram – Intesa Sanpaolo Private Banking è stato protagonista di importanti operazioni societarie .


Al 31 marzo 2016 le masse amministrate dal Gruppo Fideuram – Intesa Sanpaolo Private Banking erano pari a € 186,4 miliardi, in flessione di € 2,5 miliardi (-1%)  rispetto al 31 dicembre 2015. Tale dinamica è il risultato della contrazione legata alla performance negativa dei mercati finanziari (-€ 4,4 miliardi), parzialmente compensata dal favorevole andamento della raccolta netta (+€ 1,9 miliardi). L’analisi per aggregati evidenzia come la componente di risparmio gestito, pari a € 129,2 miliardi, rappresenti circa il 70% delle masse amministrate.

A fine marzo 2016 le masse amministrate in regime di consulenza a pagamento  ammontavano a € 31,5 miliardi, pari al 17% delle masse totali.

Nel primo trimestre 2016 l’attività commerciale ha registrato una raccolta netta di € 1,9 miliardi, in diminuzione di € 0,2 miliardi (-12%) rispetto all’analogo periodo del 2015. I primi tre mesi  dell’esercizio, caratterizzati da un’elevata volatilità dei mercati, hanno mostrato un mix di raccolta decisamente più conservativo rispetto al primo trimestre del 2015, con la componente di risparmio gestito che ha registrato un contenuto deflusso (-€ 0,3 miliardi) a fronte di una significativa performance positiva della componente di risparmio amministrato (€ 2,2 miliardi). All’interno della raccolta netta gestita, il segno negativo registrato da fondi comuni (-€ 1,1 miliardi) e, in piccola parte, dalle gestioni patrimoniali (-€ 0,1 miliardi), è stato in gran parte compensato dalla performance positiva registrata dal comparto delle assicurazioni vita (€ 0,9 miliardi).

Al 31 marzo 2016 il numero complessivo dei private banker delle Reti si è attestato a 5.861 (+15 unità rispetto al 31 dicembre 2015), con un portafoglio medio pro-capite pari a circa € 32 milioni.

L’analisi dei principali aggregati del Conto Economico evidenzia che nel primo trimestre dell’esercizio le commissioni nette sono risultate pari a € 384 milioni, in aumento (+5%) rispetto al saldo di € 364 milioni del primo trimestre 2015. Le commissioni nette ricorrenti, componente principale del margine commissionale, sono risultate pari a € 335 milioni, in crescita del 4% rispetto all’analogo trimestre del 2015 nonostante la performance negativa dei mercati finanziari. Tale andamento riflette un livello di masse medie di risparmio gestito leggermente più alto rispetto al primo trimestre del 2015.

Le spese di funzionamento, pari a € 128milioni, hanno mostrato un contenuto incremento (+2%) rispetto al corrispondente periodo dell’anno scorso (€ 126 milioni). L’analisi di dettaglio evidenzia che l’aumento è interamente dovuto a maggiori spese del personale legate al rafforzamento quantitativo e qualitativo dell’organico (+61 risorse). Le altre spese amministrative, invece, sono risultate esattamente in linea con il saldo del corrispondente periodo dell’anno scorso.

Il Cost/Income Ratio è risultato pari al 29%, in miglioramento rispetto al 30% registrato nei primi tre mesi dell’esercizio 2015.

L’utile netto consolidato si è attestato € 213 milioni, in crescita di € 13 milioni (+7%) rispetto al  primo trimestre del 2015.

I coefficienti patrimoniali consolidati di Fideuram – Intesa Sanpaolo Private Banking, calcolati in base alle regole di Basilea 3, si confermano ampiamente al di sopra dei livelli minimi richiesti dalla normativa. In particolare, al 31 marzo 2016 il Common Equity Tier 1 è risultato pari al 17,7%.

Paolo Molesini, Amministratore Delegato e Direttore Generale della società, ha dichiarato: “I risultati di questa trimestrale dimostrano la forza combinata delle nostre reti di consulenti e banker. Continuiamo a raccogliere a ritmo sostenuto, ed il nostro focus rimane saldamente il risparmio gestito. Pur in un contesto di marcata volatilità, riusciamo ad incrementare il valore che generiamo in modo sano, robusto e sostenibile nel tempo. Lo dimostra l’utile netto in crescita, frutto di un gettito commissionale poco esposto all’andamento dei mercati e di una eccellente gestione finanziaria. L’azienda è animata da una forte progettualità per continuare ad aumentare, nei prossimi mesi, il livello di innovazione e di qualità del servizio alla clientela”.

 

 

Per informazioni:

FIDEURAM – Intesa Sanpaolo Private Banking SpA (www.fideuram.it)
Media Relations:
mediarelations@fideuram.it

Gruppo Intesa Sanpaolo  - Rapporti con i Media - stampa@intesasanpaolo.com

{"toolbar":[{"label":"Aggiorna","url":"","key":"update-page"},{"label":"Stampa","url":"","key":"print-page"}]}