{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

GIST – GLOBAL IMPACT SOLUTIONS E BANCA PROSSIMA (INTESA SANPAOLO) PRESENTANO L’INDAGINE SU FILANTROPIA E INVESTIMENTI D’IMPATTO

Dalla ricerca condotta a livello mondiale emerge che l’80% degli investitori sceglie istruzione, energia e tecnologia “verde” e salute.

Milano, 11 luglio 2016 - L’investimento di impatto, che mira a ottenere rendimenti positivi sia dal punto di vista finanziario che da quello sociale e ambientale, è sempre più praticato dalle famiglie con grandi ricchezze. È quanto risulta dall’indagine “Impact networks and opportunities in advanced economies” presentata oggi a Milano nel salone di Banca Prossima, la banca del Gruppo Intesa Sanpaolo dedicata al nonprofit laico e religioso.

La ricerca, realizzata da GIST - Global Impact Solutions Today  e pubblicata dal Financial Times, è condotta su 182 intervistati, tra family offices e fondazioni di famiglia. Lo studio conferma per il 2015 il trend emerso negli anni precedenti: filantropia e investimento d'impatto, fra le famiglie ricche, sono sempre più importanti. Oltre l'80% del campione pratica l’una o l’altro o entrambi.

Rispetto agli anni precedenti si osservano due differenze principali: uno spostamento dell’attenzione degli investitori verso le organizzazioni in fase di crescita e non più di start up e un aumento dell’importanza degli obiettivi sociali rispetto a quelli finanziari. Nonostante ciò la maggioranza degli investitori afferma di avere ottenuto rendimenti positivi e non trascurabili (in media intorno al 5%).

Gli strumenti con cui l'investimento d'impatto si realizza sono fondi (circa 60%), azioni (circa 55% più 35% di strumenti ibridi) o forme di debito (circa 25%); i temi d'investimento principali sono l'istruzione (55%), l’energia e la tecnologia "verdi" (40%) e la salute (35%).

In Italia, eccetto alcuni noti casi di famiglie che investono con un obiettivo sociale, non sono disponibili informazioni sistematiche sul fenomeno. Sono tuttavia presenti alcuni operatori istituzionali che investono nel debito - è il caso di Banca Prossima -  oppure nel capitale di imprese sociali, intese in senso ampio, come fondi e fondazioni che praticano il venture capital sociale e la venture philanthropy.

 

Per informazioni:

Intesa Sanpaolo

Rapporti con i Media

+39 0382 378336

stampa@intesasanpaolo.com

{"toolbar":[{"label":"Aggiorna","url":"","key":"update-page"},{"label":"Stampa","url":"","key":"print-page"}]}