{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

•Realizzato dalla Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo
•Dati al 30/06/2016

 

Roma, 3 ottobre 2016 – Nel secondo trimestre 2016 l’export dei Poli tecnologici laziali chiude con una performance negativa (-16,7%) frenato battuta di arresto del polo farmaceutico che, dopo 8 trimestri di crescita consecutiva, registra un calo del 24%.

Dal Monitor dei Poli Tecnologici del Lazio realizzato dalla Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo emerge una performance dei poli tecnologici laziali peggiore rispetto alla media nazionale (-5,7%). La crescita del polo aereonautico (+76,5%) e dell’ICT (+18,2%) non è riuscita infatti a compensare il calo delle esportazioni del polo farmaceutico, che pur sperimentando un trimestre negativo, rimane la realtà farmaceutica più importante a livello nazionale in termini di valori esportati.

Intanto il Polo ICT laziale supera quello di Torino, con valori di export oltre i 200 milioni di euro, e si posiziona quindi al secondo posto tra i poli ICT monitorati, dopo quello di Milano.

A livello di mercati di sbocco  colpisce l’inversione di tendenza del Belgio (-32,9%) che per molti trimestri ha avuto il ruolo di motore delle esportazioni, condizionato dalle performance del polo farmaceutico. Il decremento dell’export verso questo paese concorre alla diminuzione dei flussi verso i mercati avanzati mentre sono in crescita i flussi verso i nuovi mercati.

Dati positivi emergono dai distretti tradizionali. Continua la buona performance del distretto di Civita Castellana (+4%), anche se ad un ritmo meno sostenuto rispetto al trimestre precedente sostenuto dalla crescita nelle esportazioni verso Svizzera, Germania e Stati Uniti. Accelera invece l’export dell’Ortofrutta dell’Agro Pontino con un aumento del 16,5% in controtendenza rispetto al complesso dei distretti ortofrutticoli italiani.

Si intravedono inoltre segnali di miglioramento per il mercato del lavoro, sia nel contesto dei Poli tecnologici che in quello dei distretti tradizionali. Calano infatti le ore autorizzate totali di cassa integrazione in entrambi i comparti.

 

 

 


Per informazioni:
Intesa Sanpaolo
Ufficio Media Banca dei Territori e Media Locali
stampa@intesasanpaolo.com
T. 06 67124992

{"toolbar":[{"label":"Aggiorna","url":"","key":"update-page"},{"label":"Stampa","url":"","key":"print-page"}]}