{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

Roma, 20 dicembre 2016. Intesa Sanpaolo e la Fondazione Dino ed Ernesta Santarelli, presentano oggi a Roma, nei rinnovati locali della filiale di via del Corso, il volume “Amatrice storia, arte e cultura” curato dal professor Alessandro Viscogliosi, ordinario di storia dell’architettura all’Università La Sapienza di Roma.


Il volume è corredato da un ricco e purtroppo irripetibile repertorio fotografico con immagini della cittadina di Amatrice e dei suoi monumenti prima del sisma. Altre due campagne fotografiche, successive ai disastrosi avvenimenti di agosto e di ottobre, completano la documentazione fotografica.


Il volume non vuole mostrarci solo il prima e il dopo sisma: il vero obiettivo è quello di ripercorrere la storia di Amatrice, dall’Alto Medioevo al Cinquecento, attraverso l’analisi dell’impianto urbanistico medievale della città, la pittura rinascimentale e la produzione scultorea dell’area circostante cercando così di rendere ancora vitale la lunga e profonda storia di questo territorio. Un’opera che desidera non solo rendere omaggio ma anche testimoniare la volontà e l’impegno per il recupero di un patrimonio comune. Attraverso la vendita del volume infatti si finanzierà un progetto di recupero artistico.


Alla presentazione interverranno: Sergio Pirozzi, sindaco di Amatrice, Daniela Porro, Segretario Generale regionale del MIBACT, Alessandro Viscogliosi, Autore del volume, Paola Santarelli, Presidente della Fondazione Dino ed Ernesta Santarelli e Pierluigi Monceri, Direttore regionale Lazio, Toscana, Umbria e Sardegna di Intesa Sanpaolo.

Sergio Pirozzi: “Oggi per Amatrice è tempo di pensare al futuro, è tempo di rinascere, di ricostruire. Ricostruire Amatrice non significa solo ricostruire le case ma anche il tessuto sociale, economico, culturale ed artistico. Ricostruire le torri, i campanili, le chiese e le opere d’arte che ne caratterizzavano ogni angolo. Per questo non posso che accogliere con gioia e simpatia la pubblicazione di quest’opera. Sono certo che potrà essere per tutti noi un ulteriore sprone a lavorare con ancora maggiore impegno affinché la nostra cara Amatrice torni ad essere quello che era: uno dei borghi più belli d’Italia"

 
Paola Santarelli: “Abbiamo voluto dedicare questa pubblicazione a uno dei cento borghi più belli d’Italia segnato profondamente dai sismi del 24 agosto e del 30 ottobre 2016. Oltre alla dolorosa perdita di vite umane, amici e parenti, il borgo antico è stato praticamente cancellato; questo libro è un piccolo tributo alla storia e agli affetti verso le persone di Amatrice.
Dobbiamo avere la determinazione e la fede nella rinascita, nonostante il dolore, per giungere al più presto a ristabilire la normalità e la speranza fondata nel futuro per le famiglie che abitano Amatrice. Fidelis Amatrix, questo motto della storia ai tempi degli aragonesi, simboleggia la nostra fedeltà a sentimenti antichi e la volontà di proseguire”.


Pierluigi Monceri: “Intesa Sanpaolo, istituto di riferimento sul territorio, ha attivato in modo tempestivo ogni mezzo per essere vicino, in modo concreto e tangibile a tutta la cittadinanza del territorio, messa così duramente alla prova dai terremoti di agosto e ottobre. Una raccolta fondi dedicata, 250 milioni di euro stanziati per il ripristino delle strutture danneggiate, installazione di presidi mobili temporanei per garantire l’operatività bancaria e una serie di agevolazioni. Ma la Banca è consapevole che è altresì importante il ripristino e il recupero delle risorse artistiche e architettoniche che sono parte della storia e dell’identità di un territorio, oltre che motori dell’economia locale e ha pertanto deciso di affiancare la Fondazione Santarelli in questo progetto di grandissimo valore.”

La fondazione ha aperto presso la filiale mobile di Intesa Sanpaolo ad Amatrice un conto corrente ad hoc in cui confluiranno tutti i proventi relativi alla vendita del volume per poi finanziare un progetto di recupero artistico.

Per ordinare il volume è possibile rivolgersi direttamente alla Fondazione Santarelli scrivendo a:
segreteria@fondazionesantarelli.it

 

Per informazioni:

Intesa Sanpaolo
Media Banca dei Territori e Media locali
stampa@intesasanpaolo.com

{"toolbar":[{"label":"Aggiorna","url":"","key":"update-page"},{"label":"Stampa","url":"","key":"print-page"}]}