{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}


INTESA SANPAOLO APRE UN ASILO NIDO
NELL’OSPEDALE PEDIATRICO PAUSILIPON DI NAPOLI
 
L'iniziativa fa parte del Programma Educativo Intesa Sanpaolo per bambini lungodegenti

Napoli, 24 novembre 2017 - Intesa Sanpaolo ha inaugurato oggi a Napoli l’asilo nido per i piccoli pazienti del Dipartimento di Oncologia dell’Ospedale Pediatrico Pausilipon. L’apertura dell’asilo nido rientra nel Programma Educativo Intesa Sanpaolo per bambini lungodegenti, grazie al quale la Banca offre gratuitamente servizi di asilo nido ai bambini sino a 36 mesi, lungodegenti presso i reparti di oncologia di ospedali di eccellenza.

All’Ospedale Pausilipon di Napoli, il servizio di asilo nido viene offerto nelle Strutture Complesse di Oncoematologia Pediatrica, Oncologia Pediatrica e Trapianto Midollo Osseo e nell’Unità Operativa Day Hospital.

All’inaugurazione, che ha inteso offrire ai piccoli degenti un momento di serenità, sono intervenuti Lucia Fortini, Assessore all’Istruzione e Politiche Sociali della Regione Campania, Anna Maria Minicucci, Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera di Rilievo Nazionale Santobono-Pausilipon, Rachele Furfaro, Direttore Servizi Educativi e Scuole Internazionali “Dalla Parte Dei Bambini”, Elena Jacobs, Chief of CEO Staff di Intesa Sanpaolo, Francesco Guido, Responsabile della Direzione Regionale di Campania, Basilicata, Calabria e Puglia di Intesa Sanpaolo e Direttore Generale del Banco di Napoli.

Il progetto dell’asilo nido in ospedale intende rispondere alle esigenze educative e di socializzazione dei bambini ricoverati, tenendo conto dei fattori che possono influenzare in modo significativo il loro sviluppo, e al bisogno reale di supporto delle famiglie dei piccoli lungodegenti. La fascia di età sino ai 36 mesi è infatti molto delicata perché al bambino viene richiesto di acquisire competenze e abilità importanti su tutti i piani, da quello motorio a quello cognitivo e affettivo-relazionale. La malattia, le pesanti cure e la lungodegenza interrompono questo processo, causando nei bambini isolamento sociale e psicologico.

Per consentire ai bambini di proseguire il loro percorso educativo anche all’interno dell’ospedale, il servizio è curato da educatori specializzati e qualificati - sulla base di specifici progetti educativi - ed è svolto nel rispetto delle indicazioni ricevute dal personale sanitario.

Le attività educative sono condotte dall’Impresa Sociale “Dalla Parte Dei Bambini” che gestisce l’asilo aziendale della Banca a Napoli e aderisce al Consorzio PAN, istituito da Intesa Sanpaolo insieme a importanti reti dell’imprenditoria sociale con l’obiettivo di garantire servizi per l’infanzia di qualità certificata a livello europeo.

L’esperienza, avviata già a Torino, ha registrato significativi risultati, evidenziando come le attività del servizio di asilo nido siano in grado di aiutare concretamente i bambini e i genitori, rappresentando una valida promessa di vita futura e una salvaguardia di quella attuale. Dall’attivazione, il 100% dei bambini si è iscritto al servizio nido per lungodegenti.

La prossima tappa del Programma Educativo sarà l’inaugurazione dell’asilo nido nel Reparto di Ematologia Pediatrica della Fondazione Monza e Brianza per il Bambino e la sua Mamma all’interno dell’Ospedale San Gerardo di Monza. La Banca intende così ribadire il suo impegno a favore delle persone e dei territori in cui opera.

Informazioni per la stampa
Intesa Sanpaolo
Ufficio Stampa centro Sud
stampa@intesasanpaolo.com

{"toolbar":[{"label":"Aggiorna","url":"","key":"update-page"},{"label":"Stampa","url":"","key":"print-page"}]}