{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

COMUNICATO STAMPA


INTESA SANPAOLO: MONITOR DEI DISTRETTI DELL’UMBRIA


• Realizzato dalla Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo

• Dati al 30/09/2017

 

Spoleto, 28 febbraio 2018 – Nel terzo trimestre 2017 l’export dei distretti umbri raggiunge, con circa 172 milioni di euro, il suo massimo livello sinora registrato, superando i valori toccati nel 2015. Dopo una lieve flessione registrata nel secondo trimestre, la crescita risulta dell’8,6% rispetto al terzo trimestre 2016. Se si considerano i primi nove mesi del 2017, la variazione percentuale tendenziale delle esportazioni è stata pari al +3,5%.

Dall’analisi presentata dal Monitor dei Distretti dell’Umbria, realizzato dalla Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo, emerge come il traino alla crescita dell’export umbro siano i due distretti della Maglieria e Abbigliamento di Perugia e del Mobile dell’Alta Valle del Tevere che, in termini percentuali, crescono rispettivamente del 6% e del 4% nei primi nove mesi del 2017. In diminuzione invece il livello delle esportazioni del distretto dell’Olio umbro (-3,1%), che sconta la scarsa produzione dell’annata 2016-17, anche se il terzo trimestre è in recupero di circa il 5% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Tra i paesi destinatari, risultano in calo i flussi verso gli Stati Uniti (-9,6% nei primi nove mesi del 2017) che rimane comunque il primo mercato di sbocco per i distretti umbri. In territorio europeo, sono in incremento le esportazioni dei primi nove mesi del 2017 verso Francia (+8%), Germania (+9%) e Belgio (+22%). Crescono inoltre a tassi sostenuti i flussi verso le economie emergenti come Federazione Russa (+28%), Repubblica di Corea (+40%), Cina (+32%) e Hong Kong (+78%).

Nel terzo trimestre del 2017 la crescita dell’export dei distretti posiziona l’Umbria al terzo posto tra le regioni italiane ad alta intensità distrettuale - commenta Luca Severini, Direttore Regionale Toscana e Umbria Intesa Sanpaolo. Di particolare rilievo, il balzo delle esportazioni verso le economie emergenti (+26%): nello specifico i flussi verso Federazione Russa, Cina e Hong Kong totalizzano un aumento pari a 8 milioni di euro sui complessivi 14 milioni di crescita del periodo. Le imprese distrettuali umbre si mostrano pertanto pronte a cogliere le opportunità provenienti dai nuovi mercati ad alto potenziale”.


Per informazioni:
Gruppo Intesa Sanpaolo
Ufficio Media Banca dei Territori e Media Locali
stampa@intesasanpaolo.com

{"toolbar":[{"label":"Aggiorna","url":"","key":"update-page"},{"label":"Stampa","url":"","key":"print-page"}]}