{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

COMUNICATO STAMPA
INTESA SANPAOLO, NELL’AMBITO DEL PROGRAMMA RESTITUZIONI, E’ PARTNER DEL SIMPOSIO INTERNAZIONALE
SULLA FRAGILITA’ DEL PATRIMONIO CULTURALE

Studiosi da tutto il mondo a Torino il 28 e 29 maggio nell’ambito della mostra “Anche le statue muoiono”

Torino, 24 maggio 2018 - Intesa Sanpaolo è partner del Simposio internazionale “Anche le statue muoiono”. Distruzione e conservazione nei tempi antichi e moderni che si terrà il 28 e 29 maggio prossimi a Torino per affrontare il tema della fragilità del patrimonio culturale con studiosi provenienti da tutto il mondo. L’intervento della Banca si inserisce in Restituzioni, il piano di restauri che Intesa Sanpaolo cura sin dal 1989 in collaborazione con gli enti ministeriali preposti alla tutela dei beni culturali – Soprintendenze, Poli regionali e Musei autonomi.  Nell’ambito della XVIII edizione di Restituzioni è inserito anche il nucleo delle decorazioni della Tomba di Henib del Museo Egizio, recentemente portato a nuova luce.

Il Simposio è organizzato da Museo Egizio di Torino, Fondazione Sandretto Re Rebaudengo (nella cui sede si svolgeranno i lavori del 28 maggio) e Musei Reali (la giornata del 29 maggio si terrà nell’Aula Magna Cavallerizza Reale), in collaborazione con il Centro Ricerche Archeologiche e Scavi di Torino nel contesto del progetto espositivo “Anche le statue muoiono” che dall’8 marzo al 9 settembre 2018 si sviluppa nelle tre sedi museali torinesi.

La due giorni accoglierà studiosi provenienti da diverse aree disciplinari e artistiche in una discussione critica sui metodi di conservazione della cultura materiale in passato come in tempi più recenti, attraverso le lenti di archeologia, storia, arte contemporanea, sociologia, antropologia e museologia.

Restituzioni è il programma che Intesa Sanpaolo attua all’interno di Progetto Cultura a favore della salvaguardia del patrimonio d’arte nazionale, straordinaria ricchezza d’Italia. Il programma, con cadenza biennale, individua un consistente numero di opere che necessitano di interventi conservativi, ne finanzia il restauro e ne promuove la valorizzazione attraverso l’organizzazione di una grande mostra conclusiva e la pubblicazione dei relativi cataloghi. In trent’anni di attività e nel corso di 18 edizioni, il programma ha permesso la “restituzione” di 1300 beni d’arte – da reperti antichi fino ad opere contemporanee – provenienti da siti archeologici, chiese e musei di tutta Italia. L’intervento è motivato da un senso di responsabilità verso il patrimonio italiano da salvaguardare e trasmettere al futuro.

Grazie alla campagna di restauri che si è svolta nel biennio 2016-2017, circa 80 nuclei di opere – per un totale di oltre 200 pezzi, provenienti da 17 regioni italiane (più una presenza estera, da Dresda) – hanno riconquistato la loro dignità e leggibilità. La mostra della XVIII edizione dal titolo Restituzioni 2018. La fragilità della bellezza. Tiziano, Van Dyck, Twombly e altri 200 capolavori restaurati sarà ospitata nella prestigiosa sede della Reggia di Venaria Reale, Sala delle Arti, a Torino dal 28 marzo al 16 settembre prossimi.

www.restituzioni.com  www.lavenaria.it

Informazioni per la stampa
Intesa Sanpaolo - Ufficio Media Attività Istituzionali, Sociali e Culturali
Tel. 028796 2925
stampa@intesasanpaolo.com 

{"toolbar":[{"label":"Aggiorna","url":"","key":"update-page"},{"label":"Stampa","url":"","key":"print-page"}]}