{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

COMUNICATO STAMPA

 

Recupero farmaci validi a Bari presentati i primi risultati del progetto

 

  • A Bari, tra gennaio e giugno, sono state recuperate 3.247 confezioni di medicinali, pari a un valore di 107.495 euro
  • In tutta Italia, l’accordo di collaborazione tra Intesa Sanpaolo e Banco Farmaceutico ha consentito, dal 2018, di inaugurare RFV in 9 nuove città e di potenziarlo in altre 5, dove sono stati raccolti, complessivamente, 241.587 medicinali, pari a un valore di 4.626.725 euro; grazie a questa iniziativa, in quattro anni, sono state sostenute 75 realtà assistenziali e aiutate 464.576 persone in stato di bisogno.

 

Bari, 15 luglio 2021 - Grazie all’accordo di collaborazione tra Intesa Sanpaolo e Fondazione Banco Farmaceutico onlus, anche a Bari, a gennaio, ha preso il via il progetto Recupero Farmaci Validi non scaduti.

Nel capoluogo pugliese, l’iniziativa è stata realizzata con il sostegno dell’Assessorato alla Città solidale e inclusiva del Comune di Bari, dell’Ordine dei Farmacisti della Provincia di Bari e BAT, di Federfarma Bari, di Caritas Diocesana Bari Bitonto e dell’Associazione di Solidarietà Sociale Rogazionisti Cristo Re Onlus.

In sei mesi (01 gennaio – 30 giugno 2021) sono state raccolte 3.247 confezioni di medicinali (pari a un valore di 107.495 euro) in 11 farmacie del territorio che hanno aderito all’iniziativa; i farmaci sono stati consegnati all’Emporio della Salute. L’Emporio, oltre a dispensare farmaci alle persone indigenti, svolge il ruolo di hub al quale possono accedere le Caritas parrocchiali e le realtà assistenziali del territorio di Bari convenzionate con Banco Farmaceutico. Ad oggi, hanno beneficiato dei medicinali raccolti 1.300 persone in stato di indigenza.

Il progetto è stato presentato, oggi, durante un convegno a cui hanno partecipato:

  • Elena Jacobs - Responsabile Valorizzazione del Sociale e Relazioni con le Università Intesa Sanpaolo
  • Francesco Di Molfetta - Delegato territoriale della provincia di Bari e BAT e membro del Cda della Fondazione Banco Farmaceutico onlus
  • Francesca Bottalico – Assessore alla Città solidale e inclusiva del Comune di Bari
  • Luigi D’Ambrosio Lettieri - Presidente Ordine Farmacisti Bari e Bat e

Vice Presidente Federazione Ordini Farmacisti Italiani

  • Francesco Fullone - Presidente di Federfarma Bari
  • Gianni Vacca - Responsabile Caritas Diocesana Bari Bitonto per il Recupero Farmaci Validi
  • Padre Vincenzo D’Angelo – Direttore Villaggio del Fanciullo San Nicola

Nell’iniziativa, Intesa Sanpaolo ha un ruolo fondamentale: la Banca, a fine luglio 2018, ha siglato un accordo pluriennale di partnership che ha consentito al Banco Farmaceutico di rafforzare la propria attività dove questo è già operante e l’attivazione di nuovi centri di raccolta e distribuzione di farmaci in nuove città tra le quali, appunto, Bari. Il progetto è un’importante sfida sul fronte dell’economia circolare in quanto consente di rimettere in un circuito virtuoso di recupero e utilizzo a favore dei bisognosi farmaci che, altrimenti, andrebbero buttati.

Ne derivano benefici in ambito ambientale – con riduzione di rifiuti speciali -, in ambito economico - con un risparmio sui costi di smaltimento - e in ambito sociale - con maggiori risorse economiche per il terzo settore.

COME FUNZIONA - All’interno delle farmacie che aderiscono all’iniziativa, sono posizionati speciali contenitori di raccolta in cui i cittadini, assistiti dal farmacista che garantisce la correttezza dell’operazione, possono donare i medicinali di cui non ha più bisogno. I farmaci donati sono consegnati agli enti assistenziali convenzionati con Banco Farmaceutico. Periodicamente i farmaci sono ritirati direttamente dai volontari degli enti assistenziali beneficiari.

COSA DONARE - Possono essere recuperati farmaci non scaduti, con almeno 8 mesi di validità, correttamente conservati nella loro confezione primaria e secondaria originale integra.

COSA NON DONARE - Sono esclusi i farmaci che appartengono alle tabelle delle sostanze stupefacenti e psicotrope, i farmaci da conservare in frigorifero e i farmaci ospedalieri.

I RISULTATI – In tutta Italia, l’accordo di collaborazione tra Intesa Sanpaolo e Banco Farmaceutico ha consentito, dal 2018, di inaugurare RFV in 9 nuove città e di potenziarlo in altre 5, dove sono stati raccolti, complessivamente, 241.587 medicinali, pari a un valore di 4.626.725 euro; grazie a questa iniziativa, in quattro anni, sono state sostenute 75 realtà assistenziali e aiutate 464.576 persone in stato di bisogno.

Nel complesso, da maggio 2013 ad oggi, il Recupero Farmaci Validi di Banco Farmaceutico ha permesso di raccogliere 1.054.024 farmaci (pari a un valore di 16.358.354 euro) in 21 città. Nei primi sei mesi del 2021, sono stati raccolti 142.744 farmaci, pari a un valore di 2.563.865 euro.

«In questi mesi, in cui riaffiora la speranza di un ritorno ad un sereno vivere, volgiamo lo sguardo ai mesi più difficili e ci rendiamo conto che, se il Banco Farmaceutico e tutte le sue attività hanno resistito, è stato grazie alla gratuità di tanti amici; è stato grazie, in particolare, a Intesa Sanpaolo se il Recupero Farmaci Validi, nonostante le difficoltà e le restrizioni, non si è fermato, e addirittura, a gennaio, ne è stata inaugurata una nuova sede. E, sempre a Intesa Sanpaolo, dobbiamo la grande espansione di un progetto che si è reso così importante per sostenere le realtà assistenziali che si prendono cura di chi non può permettersi l’acquisto di medicinali. Oggi, come mai prima d’ora, compagni di cammino tanto generosi sono essenziali; perché, oggi, chi già viveva nell’indigenza, è stato spinto in una condizione di ulteriore fragilità dalla crisi economica innescata da quella sanitaria», ha dichiarato Sergio Daniotti, presidente della Fondazione Banco Farmaceutico onlus

«La nostra collaborazione con il Banco Farmaceutico è parte del più ampio impegno di Intesa Sanpaolo in termini di responsabilità sociale assunto nel Piano d’Impresa 2018-2021 attraverso il Programma Intesa Sanpaolo per i Bisognosi, un piano di contrasto alla povertà e alle diseguaglianze che, ad oggi, ha consentito alla Banca di realizzare oltre 17 milioni di interventi a favore dei più deboli. Durante la pandemia il Gruppo ha intensificato il proprio impegno, realizzando iniziative tempestive e di rilievo a supporto della sanità e a contrasto delle crescenti povertà in tutti i territori in cui è presente e opera. L’avvio del progetto Recupero Farmaci Validi a Bari ne è testimonianza e ci rende particolarmente orgogliosi: questa apertura, nata grazie al fondamentale operato del Banco Farmaceutico e con il contributo di tutti i soggetti attivi sul territorio, testimonia l’importanza del lavoro sinergico fra pubblico e privato, realtà profit e non profit laiche e religiose, per la creazione di reti virtuose in grado di generare un reale impatto sociale sulle comunità», ha dichiarato Elena Jacobs, Responsabile Valorizzazione del Sociale e Relazioni con le Università Intesa Sanpaolo.

 

 

Informazioni per la stampa

Intesa Sanpaolo

Media and Associations Relations

Attività istituzionali, sociali e culturali

stampa@intesasanpaolo.com

https://group.intesasanpaolo.com/it/sala-stampa/news

 

 

Intesa Sanpaolo 

Intesa Sanpaolo è la principale Banca in Italia e una delle più solide e profittevoli banche europee. Offre servizi bancari commerciali, di corporate investment banking, gestione del risparmio, asset management e assicurativi. Il Gruppo Intesa Sanpaolo conta circa 13,5 milioni di clienti in Italia, serviti attraverso i suoi canali digitali e tradizionali, e 7,1 milioni di clienti all’estero, dove è presente con banche controllate operanti nel commercial banking in 12 Paesi in Europa centro-orientale, Medio Oriente e Nord Africa e con una rete internazionale specializzata nel supporto alla clientela corporate in 25 Paesi. Intesa Sanpaolo è riconosciuta come una delle banche più sostenibili al mondo. Per il Gruppo creare valore significa essere motore di crescita per la società e l'economia. In campo ambientale, ha creato un fondo di 6 miliardi di euro destinato all'economia circolare. Promuove progetti rilevanti di inclusione economica e riduzione della povertà, tra cui un fondo di impatto per 1,5 miliardi di euro di finanziamenti a categorie di soggetti con difficoltà di accesso al credito. Intesa Sanpaolo è fortemente impegnata in attività culturali proprie e in collaborazione con altri soggetti in Italia e all'estero, incluse esposizioni permanenti e temporanee del suo vasto patrimonio artistico presso le Gallerie d'Italia, i musei del Gruppo a Milano, Napoli, Vicenza e prossimamente Torino.

Sito internet: group.intesasanpaolo.com | News: https://group.intesasanpaolo.com/it/sala-stampa/news | Twitter: @intesasanpaolo | Facebook: @intesasanpaolo | LinkedIn: https://www.linkedin.com/company/intesa-sanpaolo | Instagram: @intesasanpaolo

 

{"toolbar":[{"label":"Aggiorna","url":"","key":"update-page"},{"label":"Stampa","url":"","key":"print-page"}]}