{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

“N’aria ‘e Primmavera”: lo stile Liberty in mostra a Palazzo Zevallos Stigliano

Particolare del quadro "seduzioni" dipinto da Vincenzo Migliaro

La mostra “N’aria ‘e Primmavera” a Palazzo Zevallos Stigliano celebra la straordinaria eleganza dell’arte Liberty a Napoli attraverso più di settanta opere, tra dipinti, sculture, gioielli e manifatture varie che risalgono al periodo che va dal 1889 al 1915 in cui Napoli è stata capitale della modernità.

Il percorso della mostra è in armonia con il Palazzo, ristrutturato negli anni Venti del Novecento, con decorazioni in stile Liberty.

L’esposizione si apre con una sala dedicata ai dipinti del soggiorno napoletano di Felice Casorati che anticipano alcune opere del movimento d’avanguardia “Secessione dei 23” presenti nelle sale successive.

Uno spazio rilevante viene riservato alle arti applicate che, durante la stagione del Liberty, si integrano con le arti maggiori in una prospettiva di produzione moderna nella nuova era del consumo.

Saranno esposte anche manifatture di altissimo pregio, nel settore dell’oreficeria preziosa e delle manifatture delle pietre dure (corallo, madreperla e tartaruga), genere in cui Napoli diviene prima in Europa.

La mostra si chiude con una sezione dedicata ai manifesti e alla grafica pubblicitaria, in cui Napoli è tra i maggiori centri italiani. L’arte del cartellone pubblicitario diventa uno strumento di facile diffusione e propaganda adottato per le industrie sorte in quegli anni.

La mostra “N’aria ‘e Primmavera”, a cura di Luisa Martorelli e Fernando Mazzocca e con l’allestimento di Lucia Anna Iovieno, sarà visitabile fino al 24 gennaio 2021 a Palazzo Zevallos Stigliano, sede napoletana delle Gallerie d’Italia.

{"toolbar":[]}