{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

L’Assemblea Straordinaria dei soci da il via libera all’operazione

CARIROMAGNA: AL VIA IL “PROGETTO ROMAGNA”

• Con oltre 110 sportelli Cariromagna concentra la propria attività nelle tre province romagnole
• A settembre acquisite tutte le filiali di Intesa Sanpaolo presenti in Romagna e ceduti gli sportelli che operano in Emilia, Marche e Toscana


Forlì, 1 agosto 2007. L’assemblea straordinaria dei soci della Cassa dei Risparmi di Forlì e della Romagna, riunitasi ieri nel tardo pomeriggio all’Auditorium Cariromagna, ha dato il via libera all’articolata operazione societaria che porterà a settembre la banca ad acquisire i 34 sportelli del Gruppo Intesa Sanpaolo presenti nelle province di Forlì-Cesena, Rimini e Ravenna, cedendo nel contempo a banche del Gruppo i 12 sportelli Cariromagna che operano al di fuori di questi territori.
“Da oggi il Progetto Romagna non è più solamente un progetto, ma la concreta realizzazione di un grande processo di sviluppo per la nostra banca. – ha dichiarato Sergio Mazzi presidente di Cariromagna - Quanto deciso dall’assemblea dei soci sancisce l’atto finale di quel complesso lavoro che ha impegnato negli ultimi mesi le maggiori energie della Cassa.”
“Dopo il riassetto organizzativo ed informatico, - ha aggiunto il direttore generale Adriano Maestri - siamo ora giunti alla fase conclusiva: l’integrazione con la rete territoriale di Intesa Sanpaolo che porterà Cariromagna ad operare con oltre 110 filiali come banca del territorio esclusiva nelle tre province romagnole.”
L’integrazione si realizzerà mediante un’articolata serie di operazioni societarie, strutturate per garantire il migliore risultato in termini organizzativi, economici e fiscali, attraverso il conferimento a Cariromagna, a fronte di aumento di capitale,. di 5 filiali da parte di Intesa Sanpaolo e la scissione a favore di Cariromagna, sempre a fronte di aumento di capitale, di 14 filiali da Sanpaolo Banca dell’Adriatico e di 15 filiali da Carisbo.
Per converso è prevista la cessione da parte di Cariromagna, con corrispettivo in denaro, di 9 filiali a Carisbo, di 2 filiali a Sanpaolo Banca dell’Adriatico e di 1 filiale a Intesa Sanpaolo, sportelli situati rispettivamente in Emilia, Marche e Toscana, fuori dall’area in sui si va a focalizzare l’operatività della banca.
Tali operazioni sono state approfonditamente valutate, sotto tutti gli aspetti strategici, organizzativi ed economici, dal consiglio di amministrazione di Cariromagna che si è avvalso del qualificato supporto di un advisor esterno ed indipendente per la più corretta determinazione dei valori economici.
Inoltre, come previsto dalle normative vigenti, le operazioni di conferimento e di scissione conferimento sono state sottoposte a perizia di stima da parte di un esperto nominato dal Tribunale di Forlì, rispettivamente ai sensi dell’art. 2343 e dell’art. 2501 sexies cod. civ., che ha emesso le proprie relazioni attestando la corretta applicazione dei metodi di valutazione adottati.

 

Per ulteriori informazioni:

INTESA SANPAOLO
Rapporti con i Media
Emanuele Caprara  Tel. 335/7170842 - 051/6454411
stampa@intesasanpaolo.com

CARIROMAGNA
Segreteria Generale
Alberto Romagnoli  Tel. 0543/711245
alberto.romagnoli @cariromagna.it

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

{"toolbar":[{"label":"Aggiorna","url":"","key":"update-page"},{"label":"Stampa","url":"","key":"print-page"}]}