{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

NASCE MEDIOCREDITO ITALIANO: LA BANCA DEL GRUPPO INTESA SANPAOLO DEDICATA AL FINANZIAMENTO DEGLI INVESTIMENTI DELLE PMI

• A fine 2009 sono previste erogazioni nell’anno per oltre 14 miliardi e stock superiori a 37 miliardi

• Modello di servizio basato su centri di eccellenza in tutta la gamma di finanza di impresa: medio lungo termine, credito agevolato, finanziamenti Ricerca & Sviluppo, Mercato Alternativo del Capitale, finanza strutturata e leasing

• Forte radicamento sul territorio di desk specialistici per valorizzare le peculiarità dei settori “ad alta velocità”: Energy, Sistema Moda, R&D Based, Hospitality, Agricoltura, Sistema Food, Media & Entertainment e Shipping

• Target: imprese con fatturato da 2,5 a 150 milioni


Milano, 29 aprile 2008 – Intesa Sanpaolo ha annunciato oggi la nascita di Mediocredito Italiano, la banca del gruppo dedicata a sostenere la rete delle filiali nello sviluppo delle piccole e medie imprese che riunisce tutte le competenze e le esperienze di un grande Gruppo per rispondere, con attività specialistiche e centri di eccellenza, alle esigenze di finanziamento degli investimenti delle PMI.

Mediocredito Italiano opera all’interno della Banca dei Territori, al servizio della rete di tutto il gruppo Intesa Sanpaolo. Si rivolge principalmente alle imprese con fatturato da 2,5 a 150 milioni lungo la filiera del credito industriale e specialistico.
Mediocredito Italiano, che già oggi può contare sulla professionalità di oltre 400 professionisti (più di 800 compresa Leasint), sviluppa un nuovo modello operativo che prevede di sostenere la rete bancaria più capillare esistente sul territorio italiano con oltre 6.000 filiali (oltre 350 esclusivamente dedicate alle imprese) attraverso una struttura specializzata interamente dedicata ai servizi di consulenza finanziaria e di erogazioni del credito a medio lungo termine al mercato nazionale delle PMI. Nel mese di marzo Mediocredito Italiano ha acquisito la partecipazione totalitaria di Leasint SpA, facendo convergere in un unico centro specialistico l’intera gamma delle forme tecniche della finanza a medio e lungo termine.

Queste alcune previsioni aggregate che Mediocredito Italiano, con Leasint, si pone a fine 2009: oltre 14 miliardi di erogazioni nell’anno e oltre 37 miliardi per gli stock.

Mediocredito ha avviato un modello di servizio innovativo, basato su di una duplice logica di eccellenza e di specializzazione.
Da un lato sono stati creati dei centri di eccellenza per tutte le attività di credito a medio lungo termine, dal credito ordinario e agevolato agli incentivi alla ricerca & sviluppo, alla finanza strutturata (in collaborazione con Banca IMI), al MAC sino al leasing. Dall’altro il modello di servizio si basa su desk specialistici che operano nei settori cosiddetti “ad alta velocità” del nostro Paese: Energy, Sistema Moda, R&D Based, Hospitality, Agricoltura, Sistema Food, Media & Entertainment e Shipping.
 
Le logiche che hanno portato all’individuazione di questi desk sono basate sui seguenti parametri: settori in espansione con un livello di investimenti superiori alla media; elevata specializzazione con conseguente richiesta di soluzioni finanziarie non riscontrabili in strutture ordinarie; operatività in settori che danno un forte contributo sul valore della produzione.
Tali centri specialistici – che supportano la Rete della Banca dei Territori consentendo di coniugare la vicinanza al cliente e la conoscenza approfondita del territorio alla competenza e alla specializzazione in materia di finanza d’impresa – sono collocati nei distretti dove sono più forti le tradizioni e le competenze (Energy a Torino, Sistema Moda a Milano, R&D Based a Milano, Hospitality a Padova, Agricoltura a Firenze, Sistema Food a Bologna, Media & Entertainment a Roma e Shipping a Napoli). Questi desk garantiscono un’approfondita e puntuale analisi e gestione dei progetti di maggiore complessità, un continuo aggiornamento sull'andamento e le tendenze dei mercati specifici e predispongono nuovi prodotti da mettere al servizio del gruppo Intesa Sanpaolo, che si propone di diventare il partner primario per lo sviluppo e la crescita delle pmi.

Mediocredito Italiano ha origine dal Mediocredito Lombardo che ha rappresentato per oltre cinquant’anni l’impegno a sostenere una via alla crescita attraverso lo sviluppo delle piccole e medie imprese, con uno sguardo sempre orientato alla progettazione di soluzioni finanziarie specialistiche e personalizzate alle esigenze di ogni cliente. Questa tradizione di consulenza finanziaria e professionalità oggi viene messa a disposizione di tutto il Paese in un quadro di sviluppo e di rinnovamento nelle attività specialistiche dei finanziamenti a medio lungo termine, della finanza di impresa e del leasing.

Lo scenario attuale sul credito a medio lungo termine vede l’indebitamento delle imprese verso il sistema bancario in crescita. Secondo i dati più recenti, nel 2007 i debiti finanziari hanno raggiunto il 73,3% del PIL, oltre 5 punti in più di quanto registrato alla fine del 2006 e circa 15 punti sopra il dato del 2002. In particolare, è cresciuta in maniera significativa la quota di prestiti bancari a medio e lungo termine, mentre quella relativa alla componente a breve termine si mantiene sostanzialmente stabile.

Alla fine dello scorso anno, il credito con scadenza superiore ad un anno rappresentava circa il 60% delle consistenze totali concesse dalle banche alle imprese (era al 49% all’inizio degli anni 2000), contro il 71% registrato nella media dell’area dell’euro. In Italia, a fronte di una crescita complessiva del credito alle imprese del 51%, negli ultimi 5 anni i prestiti con durata superiore ad un anno sono aumentati del 77%. Le più recenti rilevazioni della Banca d’Italia confermano la persistenza di questo trend: lo scorso febbraio i prestiti alle società non finanziarie sono cresciuti del 13,0%; quelli con durata tra 1 e 5 anni hanno registrato un aumento tendenziale del 14,0%, mentre quelli di durata maggiore hanno conseguito un +15,9%.

“Sono convinto che il Mediocredito Italiano possa contribuire ad innescare quel circolo virtuoso di cui ha tanto bisogno l’industria italiana, che passa attraverso una maggiore diffusione di strategie vincenti tra le imprese, ovvero più qualità e diversificazione produttiva abbinate a più capitale umano, ricerca, sviluppo e maggiore interazione con Università e Centri di ricerca – commenta Enrico Salza, presidente del Consiglio di Gestione di Intesa Sanpaolo - Ma, soprattutto, il sistema bancario può contribuire alla crescita  dimensionale delle imprese italiane”.
“Mediocredito Italiano testimonia la nostra fiducia nel futuro del sistema produttivo del Paese, sulla sua capacità di crescere investendo e innovando. – afferma Pietro Modiano, direttore generale vicario e responsabile Banca dei Territori di Intesa Sanpaolo - Finanziare gli investimenti di un’impresa è un’attività complessa e delicata e chi opera in questo settore deve averne le competenze per valutare piani industriali, scenari tecnologici e di mercato, modelli di competizione e strategie di impresa. In Mediocredito Italiano riuniamo le tradizioni del Mediocredito Lombardo e dell’esperienza di IMI. Una squadra di specialisti al servizio delle PMI su credito all’innovazione, credito agevolato e sui diversi settori di attività caratterizzati da complessità particolari, come quello cantieristico, della moda, dell’agricoltura. Il prossimo ciclo di investimenti sarà di sicuro a più alto contenuto di innovazione e qualità, ma anche di rischio, del precedente. L’Italia ha difeso le sue quote di mercato con la qualità di molti dei suoi prodotti, oggi si tratta di consolidarle in un contesto sempre più difficile. Il Mediocredito Italiano vorremmo fosse lo strumento di una nuova fase di sviluppo”. 

“Con il nuovo Mediocredito Italiano – sottolinea Mario Zanone Poma, presidente Mediocredito Italiano- vogliamo sostenere i settori strategici per l’economia nazionale, ossia quelli in grado di dare un importante contributo alla crescita del Paese. Grazie alla presenza capillare sul territorio del Gruppo Intesa Sanpaolo potremo offrire soluzioni ad hoc e di consulenza specialistica su tutto il territorio nazionale”.

“Mediocredito Italiano nasce da un’idea - aggiunge Carlo Stocchetti, direttore generale Mediocredito Italiano - quella di creare una banca capace di rispondere a tutte le esigenze in termini di finanziamento degli investimenti delle imprese italiane”.


Riferimenti:
Intesa Sanpaolo – Rapporti con i Media
Chiara Carlotti – tel. 02/87963845
Monica Biffoni – tel. 055/2612573

 

 

{"toolbar":[{"label":"Aggiorna","url":"","key":"update-page"},{"label":"Stampa","url":"","key":"print-page"}]}