{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

I vertici di Intesa Sanpaolo ospitano l’Ambasciatore Spogli in visita a Torino e alle autorità cittadine


Torino, 7 novembre 2008 - In onore della visita a Torino dell’Ambasciatore degli Stati Uniti d’America in Italia Ronald P.Spogli, il Presidente del Consiglio di Gestione di Intesa Sanpaolo Enrico Salza ha organizzato, insieme a Corrado Passera, Consigliere Delegato, una colazione di lavoro nella sede del Gruppo, con l’obiettivo di affrontare il quadro dei rapporti economici tra Italia e Stati Uniti d’America.

All’incontro hanno inoltre partecipato A. Daniel Weygandt, Console Generale degli Stati Uniti d’America a Milano, Michael Kidwell Console per gli Affari politici ed economici degli Stati Uniti d’America a Milano, Angelo Benessia, Presidente della Compagnia di San Paolo, Alessandro Barberis, Presidente della Camera di Commercio di Torino, Andrea Comba Presidente della Fondazione CRT, Paolo Padoin Prefetto di Torino, Francesco Profumo, Rettore del Politecnico di Torino.

Durante l’incontro si è affrontato il quadro dei rapporti economici tra Italia e Stati Uniti, anche alla luce delle elezioni americane.
Si è inoltre affrontato il tema della cooperazione in campo tecnologico, imprenditoriale e universitario nel contesto del  programma “Partnership for Growth”  presentato dall’Ambasciatore Spogli nel 2006, che ha consentito di intensificare gli scambi tra il mondo imprenditoriale e accademico italiano e quello americano.

Alla fine dell’incontro il Presidente Enrico Salza ha ringraziato l’Ambasciatore Spogli per aver accolto l’invito della Banca: “È stata una magnifica occasione per uno scambio di opinioni su come evolveranno i rapporti economici fra i nostri due Paesi, anche alla luce dell’elezione del nuovo Presidente degli Stati Uniti d’America. E’ in noi viva la volontà di incoraggiare e sostenere lo sviluppo dei legami con il mondo imprenditoriale statunitense, attraverso il Politecnico di Torino e gli altri atenei italiani, che sono attori indispensabili per lo sviluppo economico del Paese. Un magnifico esempio del legame che unisce i nostri due Paesi è la presenza a Torino della Scuola Americana, che verrà ulteriormente potenziata nel prossimo futuro e che costituisce un elemento di eccellenza nel panorama della formazione internazionale in Italia.”

In mattinata l'ambasciatore Ronald Spogli aveva partecipato all’inaugurazione dell’Anno Accademico del Politecnico di Torino, incontrando il Rettore Francesco Profumo, il quale ha così commentato la visita: “Quando l’Ambasciatore Spogli ci ha invitato a far parte del programma “Partnership for Growth”, oltre a essere lusingati per l’apprezzamento nei nostri confronti, abbiamo subito colto il valore dell’iniziativa e il suo potenziale. Grazie anche all’intervento dell’Ambasciatore abbiamo attivato diverse aree di collaborazione con università e imprese statunitensi. Oggi abbiamo firmato due accordi il primo con il Massachusset Institute of Technologies – MIT per lanciare il progetto MITOR con il sostegno finanziario della Compagnia di San Paolo. Il secondo con Oracle per la realizzazione di un nuovo centro di competenza nella Cittadella Politecnica. Intese importanti e precedute da altri accordi strategici con General Motors, Georgia University of Technology e University of California, Barkeley. Ora vorremmo andare oltre, vista  la crescente presenza di stranieri a Torino è diventato necessario avere una scuola internazionale per offrire una valida risposta alla domanda di educazione che emerge dalle famiglie dei nostri ospiti”.

Per informazioni

Intesa Sanpaolo
Rapporti con i Media
+39 0115556656

stampa@intesasanpaolo.com

 

{"toolbar":[{"label":"Aggiorna","url":"","key":"update-page"},{"label":"Stampa","url":"","key":"print-page"}]}