{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

Torino, 17 giugno 2011. Un anno fa, il 16 giugno 2010, Intesa Sanpaolo, Provincia di Torino e Comune di Piossasco siglavano una convenzione per riportare a nuova vita il Vivaio del Parco del Monte San Giorgio. Ieri pomeriggio il rinnovato e ristrutturato Vivaio è stato inaugurato, alla presenza del Responsabile della Direzione Personale del Gruppo Intesa Sanpaolo Marco Vernieri, dell’Assessore provinciale ai Parchi e Aree Protette Marco Balagna, del Sindaco di Piossasco Roberta Maria Avola Faraci e dei rappresentanti di Intesa Sanpaolo.

Oltre al taglio del nastro inaugurale del Vivaio, è stato posato il primo mattone del cantiere per la realizzazione di un Centro di Ippoterapia, finanziato da Intesa Sanpaolo Onlus. Le cerimonie ufficiali sono state seguite da un percorso educativo nel bosco e da uno spettacolo per i bambini, realizzati nell’ambito di “Dona una favola”, il progetto di “story-telling” promosso dalla Direzione Centrale del Personale di Intesa Sanpaolo. Il pomeriggio di festa è poi proseguito con la merenda e con la consegna di un libro-DVD educativo a tutti i bambini e ragazzi partecipanti.

“E’ stata una bella ed importante giornata di coinvolgimento e integrazione con il territorio e l'ambiente, elementi su cui Intesa Sanpaolo investe da tempo. – ha sottolineato a fine pomeriggio Marco Vernieri - La nostra Banca ha partecipato alla ristrutturazione del Vivaio del Monte SanGiorgio e donerà  un piccolo albero per ogni neonato del Gruppo. Confidiamo che questa sia una prima iniziativa di successo e che porti
a future collaborazioni tra pubblico e privato nell'interesse del bene
 comune”. “Il Parco provinciale del Monte San Giorgio è una risorsa ambientale importante ed il Vivaio è una struttura che, riportata alla piena funzionalità, può contribuire alla ricerca e ad azioni di rimboschimento basate su solidi precupposti scientifici. – ha ricordato a sua volta l’Assessore provinciale Marco Balagna – In pochi mesi, coinvolgendo la comunità locale, siamo riusciti a mettere in piedi un’operazione che sarà di esempio per altre iniziative basate sulla sinergia tra Enti pubblici, aziende private e volontariato”. “I piossaschesi si stanno riappropriando di un vero e proprio tesoro del loro territorio. – ha sottolineato a sua volta il Sindaco Roberta Maria Avola Faraci - Il mondo del volontariato ed i semplici cittadini hanno risposto con entusiasmo alla nostra proposta di far tornare a nuova vita il Vivaio. Sanno che questa struttura contribuirà a rendere migliore il nostro ambiente e richiamerà a Piossasco i turisti veri amanti della natura”.   

IL PARCO DI MONTE SAN GIORGIO ED IL SUO VIVAIO COME CENTRO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE

Il Parco del Monte San Giorgio è una delle aree protette di competenza provinciale. Istituito nel 2004, si estende interamente nel territorio del Comune di Piossasco, fino 837 metri di quota, tra praterie, boschi di latifoglie e pinete. E’ caratterizzato da una forte presenza di essenze arboree non originarie del luogo, eredità dell’attività vivaistica regionale e di interventi di rimboschimento, effettuati intorno alla metà del secolo scorso per fronteggiare il degrado forestale e il dissesto idrogeologico. L’accordo con il Comune di Piossasco e con  Intesa Sanpaolo consente di ricostituire le tipologie forestali autoctone, sostituendo progressivamente il Pino nero, la Quercia rossa, il Cedro ed il Pino strobo con  latifoglie quali l’Acero, il Frassino, la Farnia e il Carpino. L’operazione permette tra l’altro, di eliminare l’habitat naturale della Processionaria, insetto estremamente diffuso nel Parco del Monte San Giorgio, pericoloso per la salute umana.

Oggetto dell’iniziativa di ripristino è un’area di un ettaro e mezzo posta all’interno del Parco, rimasta inutilizzata per molti anni. Grazie alla sinergia tra Intesa San Paolo ed Enti Locali, l’area diventerà un luogo attrattivo per i turisti e i cittadini della zona. Oltre al ripristino dell’attività vivaistica, sarà possibile programmare una serie di attività ludiche e formative, aperte sia ai dipendenti di Intesa San Paolo che a tutta le cittadinanza. Tutte le attività avranno un un denominatore comune: far crescere la sensibilità ambientale (in particolare tra i giovani) e la consapevolezza che il patrimonio naturale è un bene da tutelare e da valorizzare. Intesa Sanpaolo ha promosso il ripristino del sito, creando un vivaio capace di produrre migliaia di piantine ogni anno, da utilizzare per azioni di rimboschimento da sviluppare con vari partner su tutto il territorio nazionale. Inoltre, i dipendenti di Intesa Sanpaolo potranno donare un giovane albero in occasione della nascita di un figlio, destinando la piantina ad azioni mirate di rimboschimento. Il progetto rientra nelle attività di Corporate Social Responsibility della Banca e vede il coinvolgimento diretto dei colleghi anche attraverso il Progetto Gemma –iniziativa a sostegno della genitorialità.

 


Per ulteriori informazioni:


Intesa Sanpaolo                      
Rapporti con i media: Antonella Zivillica (telefono 06-67125312), Mirella Giai (telefono 011-5556652), e-mail mirella.giai@intesasanpaolo.com             

Media Agency Provincia di Torino
Michele Fassinotti, telefono 011-8612705, e-mail michele.fassinotti@provincia.torino.it

 

{"toolbar":[{"label":"Aggiorna","url":"","key":"update-page"},{"label":"Stampa","url":"","key":"print-page"}]}