{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

COMUNICATO STAMPA


L’ASSEMBLEA DEI SOCI DELLA BANCA DI TRENTO E BOLZANO APPROVA IL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2011 E DELIBERA SUL RINNOVO DELL’INCARICO DI REVISIONE E SU ALCUNE CARICHE SOCIALI
• 2,65 miliardi di euro impieghi a clientela, +5,6% rispetto a fine 2010;
• risultato della gestione operativa a 24,2 milioni di euro in forte crescita del 76,8% rispetto al 2010 riesposto e netto miglioramento del cost / income;
• confermato lo stanziamento dello scorso anno al Fondo destinato alle iniziative sociali e culturali;
• conferito l’incarico alla società di revisione per i 9 esercizi dal 2012 al 2020 compresi;
• nominati due nuovi amministratori, Thomas Ausserhofer e Patrizia Pizzini
.
 

Trento, 24 aprile 2012. L’Assemblea dei soci della Banca di Trento e Bolzano (Gruppo Intesa Sanpaolo), riunitasi a Trento sotto la presidenza di Mario Marangoni, ha approvato il bilancio dell’esercizio chiuso al 31 dicembre 2011.

I dati dell’intero anno 2011 sono completamente riferiti al nuovo assetto dimensionale della Banca di Trento e Bolzano, dopo il riordino della rete territoriale concluso a fine 2010.
Essendo cambiato il perimetro di riferimento della Banca, i dati di conto economico 2011 sono raffrontati con i valori riesposti del 2010 per facilitare una corretta comprensione.

L'esercizio 2011 è stato un anno straordinario, con riferimento alle poste non ricorrenti che hanno pesato sul conto economico, ma nello stesso tempo è stato l'anno in cui la gestione ordinaria ha espresso indicatori molto positivi, come dimostra la crescita di oltre il 75% del risultato della gestione operativa che denota una capacità reddituale significativa. Con riguardo all’aspetto patrimoniale, nel 2011, anno in cui molte banche hanno avuto difficoltà ad erogare il credito, la crescita dei finanziamenti a clientela di BTB è stata del 5,6% rispetto al 2010.

DATI PATRIMONIALI
I crediti alla clientela ammontano a 2,65 miliardi, in crescita del 5,6% nel 2011 rispetto a fine 2010; di essi circa 2 miliardi sono relativi alle imprese e comprendono 268 milioni di nuovi finanziamenti a medio - lungo termine erogati nel 2011 a sostegno dell’economia locale.

Le attività finanziarie della clientela si attestano a 4,1 miliardi, riducendo di 0,2 miliardi (- 4,7%) il dato del 31 dicembre 2010. E’ stata positiva l’attività di collocamento di obbligazioni emesse da società del Gruppo per un ammontare di 207,6 milioni nel 2011, con un incremento del 71% rispetto al 2010. La raccolta diretta da clientela a breve, pari a 1,1 miliardi al 31 dicembre 2011, segna un +1% rispetto al 2010.

DATI REDDITUALI
I proventi operativi netti sono pari a 85,9 milioni, in decisa crescita di 6,0 milioni (+ 7,5%) rispetto ai valori del 2010 riesposto.
Nettamente positivo anche l’andamento degli oneri operativi che nel 2011 si sono attestati a 61,7, in deciso calo di 4,5 milioni (- 6,8%) rispetto ai 66,2 milioni del 2010.
Ampiamente performante è stato quindi il livello di 24,2 milioni raggiunto dal risultato della gestione operativa 2011, con un aumento di 10,5 milioni rispetto ai 13,7 milioni del 2010 riesposto, corrispondente ad un + 76,8%. A ciò si accompagna un buon miglioramento del cost / income che è sceso di oltre 8 punti percentuali, passando dall’81,0% del 2010 al 71,8% del 2011.

Assolutamente straordinario risulta essere invece il valore di 39,2 milioni delle rettifiche di valore nette su crediti , in raffronto ai 9,7 milioni del 2010 riesposto, che sono conseguenza della volontà di adeguare le coperture del portafoglio deteriorato e di quello in bonis alle avverse condizioni del mercato creditizio, alla luce della difficile situazione congiunturale del mercato.

Ugualmente straordinari sono stati gli oneri di incentivazione all’esodo del personale dipendente sostenuti nel 2011 per 5,4 milioni (3,9 milioni al netto dell’effetto fiscale) che derivano da uno specifico accordo sindacale stipulato per l’intero Gruppo Intesa Sanpaolo di appartenenza.

Il risultato netto del 2011, dopo imposte positive per 3,5 milioni, si determina in un saldo negativo di 18,8 milioni, rispetto al risultato  di contenuto utile netto pari a 0,3 milioni del 2010.

L’Assemblea degli azionisti ha deliberato l’assegnazione al Fondo destinato alle iniziative sociali e culturali di un importo di euro 200.000 per l’anno 2011 analogo a quanto stanziato con riferimento al precedente anno 2010. 

L’Assemblea degli azionisti ha conferito l’incarico relativo alla prestazione di “servizi di revisione” per gli esercizi dal 2012 al 2020 compresi a favore della Banca di Trento e Bolzano e della propria succursale austriaca di Innsbruck, rispettivamente a KPMG S.p.A. e a KPMG Gmbh.

L’Assemblea ha inoltre provveduto alla nomina di Thomas Ausserhofer e di Patrizia Pizzini nel Consiglio di Amministrazione della banca, in precedenza cooptati dal Consiglio di amministrazione in sostituzione rispettivamente di Roberto Dal Mas e di Franco Bolner.


Banca di Trento e Bolzano è una società soggetta all’attività di direzione e coordinamento del Gruppo Intesa Sanpaolo, iscritto all’Albo dei Gruppi Bancari.


Per ulteriori informazioni:
Rapporti con i Media - Chiara Carlotti
Tel. 049/6539835 – cell. 335/1355936
chiara.carlotti@intesasanpaolo.com

{"toolbar":[{"label":"Aggiorna","url":"","key":"update-page"},{"label":"Stampa","url":"","key":"print-page"}]}