{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

COMUNICATI STAMPA

BANCA DI TRENTO E BOLZANO: INTESA SANPAOLO ACQUISTA LA PARTECIPAZIONE DETENUTA DA ISA

Trento, 24 ottobre 2012. L’Istituto Atesino di Sviluppo SpA  cede a Intesa Sanpaolo SpA 11.052.841 azioni di Banca di Trento e Bolzano SpA, corrispondenti all’8,72% del suo capitale, al prezzo unitario di euro 3,3029.
Con l’operazione si dà esecuzione ad un accordo stipulato fra Intesa Sanpaolo ed ISA nel dicembre 1995 – successivamente aggiornato nell’aprile 2007 e nell’ottobre 2008 – che prevedeva, fra l’altro, impegni di stabilità nell’azionariato della banca, diritti di governance e opzioni reciproche - di acquisto e vendita – sul pacchetto azionario detenuto da ISA in BTB.

Per ISA, in particolare, era previsto un diritto di vendita della partecipazione in BTB a favore di Intesa Sanpaolo esercitabile fra il 1° settembre 2012 e il 31 ottobre 2012.
Esercitando questo diritto ISA incasserà un prezzo di circa € 36,5 milioni e l’accordo cesserà di avere efficacia. Intesa Sanpaolo porterà la propria partecipazione in BTB all’87% circa.

“Si completa oggi un ciclo avviato già a metà degli anni ‘90 - dichiara Massimo Tononi, Presidente dell'Istituto Atesino di Sviluppo – questa ulteriore cessione completa il percorso di accompagnamento della crescita e del radicamento di BTB sul territorio. BTB è parte importante della storia di ISA e rimarrà come banca di riferimento.”
“Questa operazione si perfeziona in un momento difficile per i mercati finanziari. ISA potrà cogliere questa opportunità per rinforzare il proprio assetto patrimoniale e finanziario. Ciò consentirà ad Isa, sempre attenta alle dinamiche economiche del territorio –
continua Tononi – di continuare ad investire in iniziative che possano avere una ricaduta positiva sulla comunità”.

Mario Marangoni, Presidente di Banca di Trento e Bolzano: “L’uscita di ISA dal capitale di BTB avviene dopo tanti anni in cui è stato possibile valorizzare nel migliore dei modi la presenza del socio storico della banca. BTB è oggi una realtà consolidata a livello regionale ed ha accresciuto negli ultimi anni il suo ruolo di banca locale, sfruttando nello stesso tempo  l’ appartenenza ad uno dei più solidi gruppi bancari europei. Con ISA continueremo a condividere altre iniziative e gli ottimi rapporti esistenti permetteranno sicuramente di poter individuare ulteriori possibilità di collaborazione.”

 

PER ULTERIORI INFORMAZIONI:
Intesa Sanpaolo – Rapporti con i Media
Chiara Carlotti Tel. 049/6539835 cell. 335/1355936
chiara.carlotti@intesasanpaolo.com

{"toolbar":[{"label":"Aggiorna","url":"","key":"update-page"},{"label":"Stampa","url":"","key":"print-page"}]}