{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

L’ASSEMBLEA DELLA CASSA DI RISPARMIO DI PISTOIA E DELLA LUCCHESIA APPROVA IL BILANCIO 2012

• Gestione operativa in crescita di 8,4 milioni di euro (+20,7%)
• Utile netto di 3,2 milioni di euro
• Focalizzazione su patrimonializzazione e crescita nel territorio di competenza

Pistoia, Lucca - 26 marzo 2013 - L’Assemblea Ordinaria della Cassa di Risparmio di Pistoia e della Lucchesia, presieduta dall’Avv. Alessio Colomeiciuc, ha approvato il Bilancio al 31/12/2012 .

Il 2012 è stato caratterizzato da una serie di importanti eventi che hanno determinato profondi cambiamenti nell’assetto territoriale della Banca, che il 23 luglio ha cambiato la propria denominazione in Cassa di Risparmio di Pistoia e della Lucchesia S.p.A. ed ha acquisito le filiali del Gruppo Intesa Sanpaolo presenti nelle province di Pistoia, Lucca e Massa Carrara, nelle quali rappresenta la banca di riferimento del Gruppo.

Gli impieghi alla clientela, pari a  2,9 miliardi di euro, si mantengono in linea con il 2011, mentre le attività finanziarie complessive aumentano di circa l’1%, attestandosi a 5,4 miliardi di euro, grazie in particolare alla raccolta indiretta, pari a 3,6 miliardi di euro (+1,8% rispetto al 2011).

La gestione caratteristica della Banca (prima delle rettifiche sui crediti) ha registrato, nonostante l’avversa congiuntura economica, un importante miglioramento frutto delle iniziative commerciali e gestionali attuate nell’ultimo biennio. Infatti, grazie all’incremento degli interessi netti e del margine commissionale, i proventi operativi netti hanno avuto un aumento di circa 6 milioni di euro in valore assoluto (+4,7% sul 2011) che ha consentito, in presenza di oneri operativi in contrazione, di ottenere un risultato della gestione operativa in crescita di 8,4 milioni di euro in valore assoluto (+20,7% sul 2011). Il cost/income (63,3%) è sceso di circa 5 punti.

L’utile ante imposte, oneri d’integrazione ed incentivi all'esodo, ammonta a 3,5 milioni di euro, che si traduce in un utile netto pari a 3,2 milioni di euro. Il Presidente Colomeiciuc ha evidenziato l’importanza di aver conseguito un risultato netto positivo - dopo che nel 2011 era stata realizzata una perdita di 9 milioni di euro – pur avendo effettuato  significativi accantonamenti su crediti, testimoniando il forte impegno a rafforzare  i presidi  patrimoniali della banca a fronte della perdurante criticità del contesto economico.


Per informazioni:

Gruppo Intesa Sanpaolo
Ufficio Media Banca dei Territori e Media Locali
055 2612550
stampa@intesasanpaolo.com

{"toolbar":[{"label":"Aggiorna","url":"","key":"update-page"},{"label":"Stampa","url":"","key":"print-page"}]}