{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

COMUNICATO STAMPA


IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI BANCA DI TRENTO E BOLZANO APPROVA IL BILANCIO SEMESTRALE ABBREVIATO AL 30 GIUGNO 2014

• raccolta indiretta da clientela: oltre 3 miliardi di euro, + 3,5% nel primo semestre 2014 (+ 7,4% su base annua);
• raccolta gestita: + 13% nel primo semestre 2014 (+ 24,6% su base annua);
• attività finanziarie della clientela: a 4,2 miliardi di euro, in aumento del 2,2% nel primo semestre 2014 e del 3,4% su base annua;
• 2,1 miliardi di euro di impieghi a clientela e nuove erogazioni di prestiti a medio lungo termine in crescita rispetto al 1° semestre 2013;
• coefficienti patrimoniali mantenuti a livelli superiori ai nuovi limiti regolamentari di Basilea 3 vigenti dal 2014 (Total Capital ratio al 10,9%);
• proventi operativi netti in crescita dell’8,3%;
• oneri operativi in diminuzione dell’1,5%;
• risultato della gestione operativa a 18,3 milioni di euro, lievitato del 27,9% rispetto al 2013 e cost / income ancora in miglioramento al 60,5%;
• risultato corrente al lordo imposte positivo a + 0,8 milioni;
• utile netto di periodo pari a 14 mila euro
.


Trento, 31 luglio 2014. Il Consiglio di Amministrazione della Banca di Trento e Bolzano (Gruppo Intesa Sanpaolo), riunitosi a Trento sotto la presidenza di Mario Marangoni, ha approvato il bilancio semestrale abbreviato al 30 giugno 2014 presentato dal direttore generale Franco Dall’Armellina.

I risultati del primo semestre 2014 si aprono per la Banca con un positivo andamento della raccolta indiretta da clientela, che al 30 giugno 2014 ha superato i 3,0 miliardi di Euro (3.036 milioni), segnando un + 3,5% rispetto al 31.12.2013 e un + 7,4% su base annua rispetto al 30.6.2013, che migliorano il buon risultato ottenuto già nel primo trimestre 2014.
Tale andamento della raccolta indiretta si ricollega all’ulteriore buona performance della raccolta gestita che, con un ammontare complessivo di 862,4 milioni di Euro, segna un + 13,0% rispetto al 31 dicembre 2013 e un ancor migliore + 24,6% rispetto al 30 giugno 2013.

La raccolta diretta da clientela alla fine del 1° semestre 2014 è a pari a 1,19 miliardi, inferiore di appena l’1% rispetto al volume di 1,21 miliardi del 31.12.2013.

Le attività finanziarie della clientela raggiungono i 4,2 miliardi di euro, in miglioramento del 2,2% rispetto al 31 dicembre 2013 e del 3,4% rispetto al 30 giugno 2013.

I crediti alla clientela ammontano a 2,1 miliardi al 30 giugno 2014, con una flessione (– 4,3%) rispetto a fine 2013, in seguito ad un ulteriore calo della domanda di credito registrata nel primo semestre 2014 in relazione al permanere della negativa congiuntura economica. Peraltro, nel 1° semestre 2014  il flusso di prestiti a medio / lungo termine erogato alla clientela è stato pari a 87,8 milioni, in aumento rispetto ai 60,5 milioni del 1° semestre 2013 (+ 45,0%).

Già nel corso del primo trimestre 2014 erano state applicate per la prima volta le nuove e più stringenti regole di vigilanza note come Basilea 3. La Banca ha mantenuto la propria solidità patrimoniale ai fini di vigilanza a livelli superiori a quelli ora previsti da tale normativa. Infatti i coefficienti patrimoniali di vigilanza al 30 giugno 2014 evidenziano i seguenti livelli, superiori ai limiti regolamentari:
- Common equity ratio pari al 10,3%;
- Tier 1 capital ratio pari al 10,3%;
- Total capital ratio pari al 10,9%.

I proventi operativi netti ammontano a 46,4 milioni, con uno sviluppo complessivo di 3,6 milioni pari ad un + 8,3% rispetto ai valori 2013 in relazione alla crescita in particolare degli interessi netti, del risultato dell’attività di negoziazione e delle commissioni nette.

E’ proseguita, come previsto, anche in questa prima metà del 2014 l’azione di contenimento dei costi grazie alla quale gli oneri operativi si sono attestati al livello di 28,0 milioni, con un risparmio di 0,4 milioni (– 1,5%) rispetto ai 28,4 milioni del primo semestre 2013.

Il risultato della gestione operativa ha quindi raggiunto i 18,3 milioni con una crescita di 4 milioni, pari al + 27,9%, rispetto ai 14,3 milioni del 2013. Il cost / income è ulteriormente diminuito al 60,5%,  in miglioramento rispetto al 66,5% del primo semestre 2013 e  al 65,0% dell’intero anno 2013. 
 
Le rettifiche di valore nette su crediti del primo semestre 2014 sono pari a 16,9 milioni (– 20,9% rispetto ai 21,3 milioni del primo semestre 2013) e riflettono, da un lato, il costante rigore della Banca nella copertura dei rischi creditizi e, dall’altro, una tendenza al miglioramento della dinamica dei crediti deteriorati.

Il risultato corrente lordo ante imposte del primo semestre 2014 è positivo per 0,8 milioni e il risultato netto finale al 30 giugno 2014, dopo imposte e altri oneri per complessivi – 0,8 milioni, è positivo per 14 mila euro.

Il Presidente, Mario Marangoni ha dichiarato: “La prima metà dell’anno 2014 riporta un utile netto per la nostra Banca. Questo risultato finale, seppur di entità limitata, rappresenta un importante traguardo in quanto deriva da fattori nettamente positivi, quali lo sviluppo dei ricavi e l’ulteriore contenimento degli oneri operativi, che fa seguito a precedenti riduzioni di costi ottenute negli anni precedenti. Inoltre il risultato netto finale dipende da una significativa diminuzione del costo del credito deteriorato che, comunque, rimane a livelli elevati sia per la persistenza della crisi economica sia per la volontà della Banca di proseguire la propria politica prudenziale sugli accantonamenti a fronte dei rischi creditizi.

Il Direttore Generale, Franco Dall’Armellina ha affermato: “Nei primi sei mesi dell’anno 2014 la Banca ha migliorato ancora una volta  la propria efficienza produttiva, dal lato sia dei ricavi che dei costi, come sintetizzato dall’ulteriore diminuzione del cost / income sceso al 60,5%.
Va positivamente sottolineato che lo sviluppo dei ricavi deriva in gran parte dalle componenti “core”, quali interessi e commissioni e ciò dimostra che BTB sta operando in sintonia con le esigenze economiche della propria clientela in tema sia di investimenti (lato raccolta) sia di prestiti (lato impieghi) come dimostra la crescita delle erogazioni di prestiti a medio lungo termine avvenuta in questa prima metà del 2014. Questi risultati sono stati ottenuti grazie alla capacità di offrire consulenza qualificata da parte del nostro personale e all’ampia gamma di servizi e prodotti messi a disposizione dal Gruppo di appartenenza.
La Banca in questo periodo ha mantenuto un attento presidio sui propri crediti deteriorati e continua a sostenere i concreti progetti di investimento finalizzati alla crescita delle imprese produttive nell’economia locale delle due Provincia Autonome
.”

La dimensione complessiva della Banca di Trento e Bolzano al 30 giugno 2014 consta di 478 dipendenti, compreso il personale distaccato e 74 filiali bancarie, di cui 36 in provincia di Trento, 37 in quella di Bolzano e 1 in Austria (succursale di Innsbruck).

Banca di Trento e Bolzano è una società soggetta all’attività di direzione e coordinamento del Gruppo Intesa Sanpaolo, iscritto all’Albo dei Gruppi Bancari.

Per informazioni:

Intesa Sanpaolo
Rapporti con i Media – Banca dei territori e Media locali
Tel. +39 0496539835 – cell. +39 3351355936
stampa@intesasanpaolo.com

{"toolbar":[{"label":"Aggiorna","url":"","key":"update-page"},{"label":"Stampa","url":"","key":"print-page"}]}