{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

COMUNICATO STAMPA

CON «RIUSO-RETE IMPRESE UMIDO-SOSTANZA ORGANICA»
NASCE IL TERZO POLO ITALIANO
NELLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI ORGANICI

• Cinque aziende con forte radicamento nel territorio piemontese scelgono lo strumento della “rete d’imprese” per potenziare la propria capacità d’innovazione ed essere più competitive nel mercato dello smaltimento di rifiuti organici.
• Il contratto di rete dà vita al terzo polo italiano del settore, aprendo eccellenti opportunità di business: grazie all’ampiezza del programma sottoscritto, si creano importanti sinergie tra le imprese partecipanti, coprendo le esigenze di buona parte del territorio piemontese.
• Fondamentale nelle fasi preliminari e nella costituzione della rete il supporto di Intesa Sanpaolo, che – attraverso il desk di assistenza specialistica di Mediocredito Italiano – ha messo a disposizione la necessaria consulenza normativa e finanziaria e l’esperienza maturata in questo ambito.

Novi Ligure, 24 luglio 2014. Una rete per accrescere, individualmente e collettivamente, la capacità innovativa delle imprese partecipanti e per renderle più competitive sul mercato piemontese dello smaltimento di rifiuti organici. È questo il principale obiettivo di « RIUSO-Rete Imprese Umido-Sostanza Organica», presentata oggi a Novi Ligure nei locali della filiale Imprese di Intesa Sanpaolo.
La rete ha sede a Pinerolo, in provincia di Torino, e unisce cinque aziende fortemente radicate nel territorio piemontese, accomunate da un livello tecnologico elevato e dall’offerta di servizi d’eccellenza, improntati sui massimi standard di qualità e di rispetto per l’ambiente e per la sicurezza, come attestato dalle numerose certificazioni ottenute:
ACEA Pinerolese Industriale, società a totale capitale pubblico e moderna struttura multi utility con sede a Pinerolo, che gestisce una pluralità di servizi a favore di Comuni, Aziende e cittadini: dal ciclo idrico integrato, alla gestione delle reti gas, al sistema di raccolta, svolto anche tramite la controllata Acea Ambiente Srl. Dispone di un innovativo sito industriale – il Polo Ecologico Integrato – che rappresenta un’eccellenza internazionale nell’ambito della valorizzazione dei rifiuti organici e produzione di compost di qualità ed energia termica ed elettrica rinnovabile. La società non solo garantisce servizi di altissimo livello ma produce anche ricchezza per il territorio attraverso gli utili distribuiti ai comuni soci.

GAIA - Gestione Ambientale Integrata dell’Astigiano, società per azioni a totale capitale pubblico, gestisce 9 piattaforme per la raccolta e tutti gli impianti per il trattamento, il recupero e lo smaltimento dei rifiuti urbani nel bacino astigiano –l’intero sistema è certificato qualità, ambiente, sicurezza e con registrazione EMAS-, al fine di garantire l'autonomia provinciale in merito al problema rifiuti, il massimo recupero dei materiali, lo sviluppo sostenibile del territorio in cui opera;

Koster, con sede nel Comune di San Nazzaro Sesia (NO), è una società a responsabilità limitata che opera in vari settori: recupero di rifiuti tramite compostaggio, commercializzazione e distribuzione di ammendanti compostati per l’agricoltura, produzione di prodotti per il giardinaggio e la cura del verde, lavorazioni agricole in conto terzi, noleggio di macchine agricole, lavorazioni di movimento terra per sistemazioni fondiarie;
San Carlo, società a responsabilità limitata leader nel settore del trattamento dei rifiuti organici, ha attivato a Fossano (CN) un impianto per la produzione di biogas, utilizzato per produrre energia elettrica e termica. Il compost è utilizzato anche come ammendante in agricoltura. Inoltre, l’azienda produce e commercializza terricci e fertilizzanti, e realizza aree a verde pubblico e di interesse naturalistico;
Territorio e Risorse, società a responsabilità limitata con sede a Tortona (AL), è partecipata al 100% da EntsorgaFin S.p.A. È proprietaria dell'impianto di compostaggio situato a Santhià (VC); fornisce inoltre servizi integrativi alle attività di base del Gruppo Entsorga. L’impianto di Santhià è il centro deputato alla ricerca e sviluppo del Gruppo con la funzione di laboratorio su scala industriale per la ricerca di soluzioni e messa a punto di processi e di tecnologie innovative per le biomasse.

Il contratto di rete ha dato vita a una nuova realtà capace di coprire le esigenze di trattamento e recupero dei rifiuti di gran parte del territorio piemontese. Non solo: grazie all’ampiezza del programma sottoscritto, i volumi e il potenziale di attività sono tali da consentire a RIUSO di presentarsi al mercato come il terzo polo nazionale nel settore.
Per le imprese partecipanti si aprono importanti sinergie e nuove opportunità di business: la condivisione delle procedure e delle modalità di gestione del materiale da trattare permetterà di coordinare i flussi di rifiuti, garantendo il completo sfruttamento degli impianti e la creazione di massa critica sul mercato attraverso la somma delle capacità di smaltimento. Questo renderà possibile anche lo scambio di clienti, per garantire gli adempimenti contrattuali in caso di difficoltà di una delle imprese in rete, e lo scambio di prestazioni, in caso di commesse superiori alle proprie capacità impiantistiche. Mettendo in comune conoscenze, analisi di mercato e della concorrenza, notizie commerciali, manuali della qualità e di difesa del marchio, politiche di acquisto, formazione dei lavoratori, gestione della catena logistica e dei trasporti, sarà inoltre possibile innalzare la capacità competitiva, riducendo nel contempo i costi e conseguendo rilevanti economie di scala.
Lo strumento della rete d’impresa si adatta molto bene a una realtà imprenditoriale come quella piemontese, sicuramente d’eccellenza ma caratterizzata dalla presenza diffusa di aziende troppo piccole per intraprendere da sole progetti di ricerca, d’innovazione o internazionalizzazione. In questo contesto, a partire dalle fasi preliminari di esplorazione delle caratteristiche del contratto, fino al vero e proprio avvio di RIUSO, è stato fondamentale il ruolo di Intesa Sanpaolo, che ha messo a disposizione attraverso la propria filiale Imprese di Novi Ligure e il desk specialistico territoriale di Mediocredito Italiano la necessaria consulenza normativa e finanziaria e l’esperienza maturata in questo ambito.
Proprio Mediocredito Italiano - il polo della finanza d’impresa nel quale sono concentrate tutte le attività di consulenza, finanziamento mirato e leasing del Gruppo - assume un ruolo centrale nella gestione dell’offerta dedicata alle reti d’impresa e nelle attività finalizzate a stimolare la cultura della rete, sviluppare i rapporti di collaborazione già in corso e facilitare nuove aggregazioni.
La Banca ha la possibilità di sostenere la rete e le singole imprese erogando finanziamenti a tassi agevolati, tramite la provvista resa disponibile dalla Banca Europea per gli Investimenti a favore di PMI e imprese mid-cap in rete, e fornendo il necessario supporto per ogni esigenza di ricerca, innovazione, crescita internazionale.
Intesa Sanpaolo sta inoltre attivando in tutta Italia, in collaborazione con associazioni datoriali locali ed enti di ricerca, dei laboratori regionali: veri e propri “incubatori”, aperti a imprese esistenti e di nuova costituzione, creati per promuovere tavoli tecnici, seminari, eventi e per agevolare l’incontro tra potenziali partner.
“Siamo soddisfatti di mettere a disposizione del territorio piemontese e non solo” – afferma Roberto Prinzio Presidente di Acea Pinerolese Industriale SpA – “l’eccellenza del nostro Polo ecologico integrato per il trattamento dell’organico all’interno di una rete che unisce aziende parti di questa filiera perché consente di rafforzare la capacità di trattamento di una risorsa importantissima quale il rifiuto organico per la produzione di energie rinnovabili e compost di altissima qualità. Il contratto di rete siglato tra 5 aziende pubbliche e private di diverse province piemontesi” – prosegue Prinzio – “intende dare organicità alle sinergie industriali nella filiera del trattamento dell’umido per una più stabile cooperazione sul territorio, grazie allo scambio di informazioni e competenze tecnologiche vitali per offrire un servizio con un sempre maggiore valore aggiunto.”

“Recuperare rifiuti organici producendo compost di qualità, avere processi certificati che garantiscono gli standard dei servizi e la massima tutela dell’ambiente, sono il punto di partenza costruito da GAIA negli anni. Con questi presupposti andiamo ad alimentare il business futuro” afferma l’ingegner Luigi Visconti, Presidente di GAIA “e con la rete d’impresa vogliamo rafforzare la nostra azione sulla componente economica per un reale sviluppo sostenibile capace di far progredire, in equilibrio, le componenti sociali, ambientali ed economiche.”

“Il trattamento della Sostanza Organica deve essere, per motivi economici ed ambientali, un servizio “di prossimità”, intendendo con tale concetto la necessità di erogare il servizio di smaltimento il più vicino possibile a dove si producono i rifiuti.  – conclude il dott. Gian Francesco Galanzino, Presidente e Amministratore Delegato di Territorio e Risorse - Questo ci ha portati ad unire in Rete impianti distribuiti sul territorio in modo ottimale per erogare servizi ai costi più bassi possibili per i clienti, facendo leva sui bassi costi del trasporto.”

“Le reti d’impresa rappresentano un’efficace risposta alle debolezze strutturali dell’economia italiana, e di quella piemontese in particolare, come il micro-capitalismo familiare e la bassa propensione alla crescita dimensionale. Attraverso questo strumento, le aziende possono superare la dimensione locale senza perdere autonomia e flessibilità. La maggiore forza produttiva e commerciale acquisita grazie alla rete può non solo consolidare la posizione delle imprese sul mercato nazionale, ma anche favorire nuovi sbocchi sui mercati esteri ad alto potenziale.” ha dichiarato Cristina Balbo, Direttore dell’Area Valle D'Aosta e Piemonte Nord Est di Intesa Sanpaolo. “Il nostro Gruppo ha messo a punto un’offerta strutturata di servizi finanziari e di advisory che si distingue per qualità e completezza, a sostegno di tutte le fasi necessarie per il decollo di una rete. Proprio perché è presente in modo capillare sul territorio e può vantare competenze specialistiche forti e comprovate, Intesa Sanpaolo è il partner finanziario più idoneo per favorire la diffusione di questo strumento e per favorire il processo di aggregazione tra imprese”.

 

 

 

 

 

Per informazioni:  
Intesa Sanpaolo
Media Banca dei Territori e Media locali
Tel. +39 011.555.9609-6652

{"toolbar":[{"label":"Aggiorna","url":"","key":"update-page"},{"label":"Stampa","url":"","key":"print-page"}]}