{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

COMUNICATO STAMPA

CASSA DI RISPARMIO DEL VENETO IN VISTA DI EXPO
PRESENTATI UNO STUDIO SULL’INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE VERONESI E IL VOLUME
“LA TRADIZIONE DELL’INNOVAZIONE. L’EXPO NELLA STORIA, IL VENETO NELL’EXPO"

Verona è ben posizionata per cogliere le opportunità presenti sui mercati internazionali. Tra il 2005 e il 2013 le sue esportazioni sono cresciute del 36,5%; il Veneto si è “fermato” al 30,6%, l’Italia al 29,1%.
Trainanti i settori in cui è specializzata l’area che interessa i comuni di Isola della Scala, Bovolone, Gazzo Veronese, Legnago, Nogara e San Pietro di Morubio

Isola della Scala, 13 marzo 2015. Nella splendida cornice dell’Auditorium Santa Maria Maddalena a Isola della Scala si è tenuto un incontro organizzato dalla Cassa di Risparmio del Veneto sulle opportunità offerte da Expo 2015 al territorio veronese.

L’incontro è stato aperto dal presidente della Cassa di Risparmio del Veneto Gilberto Muraro che ha presentato il volume promosso dalla banca «La tradizione dell’innovazione. L’Expo nella storia, il Veneto nell’Expo». Il volume ripercorre il lungo e mutevole cammino delle esposizioni universali - dal 1851 quando si tenne la prima esposizione universale a Londra nello stupefacente Crystal Palace – analizzando gli eventi sotto tre profili: il loro rapporto con la politica e l’economia, il loro impatto sull’architettura e le arti applicate e infine la presenza del Veneto nelle esposizioni a partire dal 1867. La lettura offre un excursus storico suggestivo e stimolante, consentendo di comprendere meglio, attraverso analogie e contrasti, il significato di Expo 2015 e l’attuale situazione economica del Veneto.

L’idea di dedicare un volume all’Expo nasce dalla partnership del Gruppo Intesa Sanpaolo con Expo Milano 2015, nella consapevolezza che si tratta di un appuntamento solenne dell’Italia con il mondo, che coinvolge tutti e stimola a operare per il suo pieno successo.

Sono seguiti due interventi di approfondimento. Il primo curato da Giovanni Foresti del Servizio Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo sul tema “Una crescita possibile. Internazionalizzazione, volano per lo sviluppo» da cui è emerso che le imprese italiane nei prossimi anni dovranno puntare con decisione sui mercati esteri, dove le condizioni di domanda sono più favorevoli, soprattutto nell’Asia orientale e negli Stati Uniti. Il mercato interno mostrerà solo una moderata ripresa, insufficiente a recuperare quanto perso nel recente passato. Il futuro di molte imprese italiane dipende fortemente dalla loro capacità di cogliere le occasioni di crescita presenti sui mercati esteri. La nostra  competitività continua a essere buona, tanto che nel 2014, tra i principali paesi esportatori mondiali, solo la Polonia è cresciuta più dell’Italia. La propensione all’export del manifatturiero italiano ha toccato quota 46,5% nel 2014, 10 punti percentuali in più rispetto al 2008. Tuttavia, resta alto il potenziale inespresso del nostro tessuto produttivo. E’ ancora bassa la quota di imprese con attività di export ed è elevato il divario che ci separa rispetto ai paesi più virtuosi.

La provincia di Verona appare ben posizionata per cogliere le opportunità presenti sui mercati internazionali. Lo dimostrano i brillanti risultati ottenuti nel recente passato. Tra il 2005 e il 2013 le sue esportazioni sono cresciute del 36,5%; il Veneto si è “fermato” al 30,6%, l’Italia al 29,1%. Sono stati trainanti i settori in cui è specializzata l’area che interessa i comuni di Isola della Scala, Bovolone, Gazzo Veronese, Legnago, Nogara e San Pietro di Morubio. Particolarmente dinamiche, infatti, sono state le esportazioni di meccanica e, soprattutto, alimentare (+50% tra il 2008 e il 2013). All’interno di quest’ultimo settore hanno registrato una crescita significativa le vendite di prodotti da forno (+41%), prodotti a base di carne (+80%), di prodotti amidacei (+115%). Germania, Cina e, più recentemente, gli Stati Uniti sono stati i mercati in cui l’export di Verona è cresciuto di più. In Germania sono aumentate soprattutto le vendite veronesi di prodotti alimentari e della meccanica; sul mercato cinese e negli Stati Uniti si sono distinti la meccanica e i prodotti e materiali da costruzione. Le esportazioni della provincia hanno proseguito il loro percorso di crescita nel 2014 (+1,9%), trainate, ancora una volta, dal settore alimentare (+5,4%, con punte del +15,4% per i prodotti a base di carne).

Nonostante i buoni risultati degli ultimi anni, le imprese di Verona possono migliorare significativamente la loro capacità di radicamento. Andare all’estero richiede strategie complesse, con investimenti in reti commerciali, brand e innovazione e un’adeguata preparazione. Dimensioni adeguate e partner complementari sono condizioni indispensabili per raggiungere questi obiettivi.

Il secondo intervento è stato di Anna Maria Moressa della direzione regionale Nord Est di Intesa Sanpaolo, che ha illustrato le potenzialità legate ad Expo derivanti dal fatto che il Gruppo Intesa Sanpaolo è Global Official Partner di EXPO MILANO 2015. Nello specifico viene offerto un servizio di ticketing a prezzi scontati presso tutte le filiali della banca, gli sportelli ATM e sul sito. È stato inoltre creato il nuovo portale di e-commerce “www.createdinitalia.com” che consente anche alle aziende di eccellenza dei settori food, turismo e design di caricare una “vetrina” promozionale della propria attività, unitamente ad un servizio di logistica fornito dalla banca per consegne a livello nazionale ed europeo. La piattaforma continuerà a esistere anche dopo l’esposizione universale quale impegno del Gruppo Intesa Sanpaolo a sostenere le pmi in un percorso di crescita e di sviluppo nel mondo digitale e nei mercati internazionali. Tra gli obiettivi del progetto c’è senz’altro la valorizzazione di tutto il territorio del Veneto, unitamente alle offerte e promozioni legate alla cultura e all’intrattenimento con i principali musei e teatri del territorio.

Inoltre, all’interno dello spazio espositivo del Salone, il Gruppo Intesa Sanpaolo sarà presente con un proprio padiglione che ospiterà al piano terra una filiale innovativa caratterizzata dall’elevato contenuto tecnologico, mentre al primo piano avrà spazi espositivi che saranno messi a disposizione per ospitare eventi e aziende che rappresentino al meglio il nostro tessuto economico.

L’appuntamento di Isola della Scala è inserito in una serie di incontri sul territorio per valorizzare le eccellenze locali.

Ha dichiarato il presidente Gilberto Muraro “La partnership con Expo Milano 2015 rappresenta un’occasione unica per rafforzare il nostro impegno verso il Paese, valorizzarne le eccellenze imprenditoriali, la vitalità dell’economia e il primato del patrimonio artistico e culturale di cui è particolarmente ricco il Veneto. Le imprese veronesi saranno sicuramente in grado di trarre beneficio e dare il proprio contributo al successo di un evento internazionale che può diventare un volano per il rilancio dell’Italia nel mondo”.

Per informazioni

Intesa Sanpaolo
Rapporti con i Media – Banca dei territori e Media locali
Tel. +39 049 6539835 – cell. +39 335 1355936
stampa@intesasanpaolo.com

 

 

 

{"toolbar":[{"label":"Aggiorna","url":"","key":"update-page"},{"label":"Stampa","url":"","key":"print-page"}]}