{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

COMUNICATO STAMPA

 

SECONDO APPUNTAMENTO DEL CICLO DI CONFERENZE SHARING THE WORLD, CONCEPITO DA INTESA SANPAOLO

PER EXPO MILANO 2015

 

MAURO AGNOLETTI. IL PAESAGGIO: CONOSCENZA E CONDIVISIONE DI VALORI E SVILUPPO

 

Milano, 18 maggio 2015. Intesa Sanpaolo, Official Global Partner di Expo Milano 2015, presenta oggi alle ore 18:00 nel proprio spazio espositivo THE WATERSTONE, all’interno di Expo, il secondo appuntamento del ciclo Sharing the World. Protagonista dell’incontro sarà l’esperto di paesaggio Mauro Agnoletti con l’intervento “Il paesaggio: conoscenza e condivisione di valori e sviluppo”.

Uno degli aspetti che contraddistingue la bellezza del nostro pianeta è la molteplicità e la stratificazione delle impronte che così tante e distinte civiltà hanno lasciato nel paesaggio. Culture diverse hanno trasformato ambienti sfavorevoli in luoghi adatti alla vita, introducendo specie vegetali, elaborando tecniche di coltivazione, forme di piantagioni, modi di captazione e conservazione dell’acqua. I molteplici legami fra diversità biologica e culturale nel corso della storia hanno creato paesaggi che esprimono le identità dei popoli della terra, fondendo in una sintesi originale la bellezza dei luoghi con il carattere storico del loro uso in rapporto all’ambiente. Essi testimoniano anche la capacità di adattamento a condizioni ambientali mutevoli e difficili che sempre l’agricoltura ha dovuto affrontare per assicurare il progresso della società. La conoscenza e la condivisione di questi valori è un passaggio necessario per modificare il modello di sviluppo.

È importante condividere sia una nuova consapevolezza dell’importanza dell’agricoltura, che la nostra civiltà urbana ha dimenticato, sia un’idea di democrazia alimentare che riconosca i diritti delle popolazioni al mantenimento dei loro paesaggi identitari e dei modelli di agricoltura che le diverse culture hanno creato. La condivisione della necessità di integrare – e non più separare – civiltà urbana e rurale, è una condizione indispensabile per il futuro del pianeta.

Mauro Agnoletti insegna presso la Scuola di Agraria all’Università di Firenze. È direttore del Laboratorio per il Paesaggio e i Beni Culturali e coordinatore del Gruppo di lavoro sul paesaggio presso il Ministero per le Politiche Agricole Alimentari e Forestali, che ha promosso l’introduzione del paesaggio nelle politiche agricole nazionali. Oltre a essere l’esperto scientifico del Consiglio d’Europa per la Convenzione Europea del Paesaggio, dell’UNESCO per la World Heritage List, della FAO per i paesaggi agricoli del patrimonio mondiale, è fra i coordinatori scientifici dell’Unione Mondiale Forestale, condirettore della rivista Global Environment e direttore della collana di Storia dell’ambiente dell’editore Springer Verlag.

Ha curato il volume Paesaggi rurali storici. Per un catalogo nazionale (Laterza, 2010), che ha rappresentato la premessa scientifica per l’istituzione del Registro nazionale dei paesaggi rurali storici presso il Ministero dell'Agricoltura. Fra le sue pubblicazioni più recenti: Il paesaggio come risorsa. Castagneto negli ultimi due secoli (ETS, 2009); Paesaggio rurale (Edagricole, 2010); Il paesaggio nella Cavalcata dei Magi (con Signorini M. Adele, Pacini Editore, 2011); The Basic Environmental History (Springer, 2014).

 

Sharing the World è una serie di otto conferenze in programma per Expo che vedono come protagonisti esperti e celebri pensatori della contemporaneità, vere e proprie eccellenze nei loro settori: neuroscienze, paesaggio, linguistica, sociologia, psicanalisi, filosofia, politologia, antropologia.

 

Sharing, ovvero condividere esperienze, emozioni, storie capaci di generare valore per contribuire alla formazione di nuove prospettive, di un patrimonio comune di idee, per riflettere su scenari non immaginati prima.

 

Sharing è il principio ispiratore di tutte le iniziative di Intesa Sanpaolo per Expo, declinate in cinque aree tematiche: SHARING ARTS, SHARING THE WORLD, SHARING CREATIVITIES, SHARING VISIONS, SHARING STORIES.

 

Sharing the world: il mondo è unico e dobbiamo condividerlo. La necessità, la responsabilità, ma anche la scelta di un mondo sostenibile, equo e condiviso sono riflessioni e ricerche che il mondo intellettuale contemporaneo (scientifico e umanistico) sta affrontando ed elaborando dalle rispettive angolature e discipline. Quali sono le buone pratiche di condivisione e sostenibilità? Cosa sta avvenendo a livello sociale, scientifico, culturale? E, soprattutto, cosa si dovrebbe mettere in atto sia culturalmente sia praticamente per garantire un futuro sostenibile e condiviso? Qual è la strada di una pratica consapevole e condivisa di “worldsharing”?

Il progetto, a cura di Giulia Cogoli, proseguirà poi con i successivi incontri sempre nello spazio espositivo di Intesa Sanpaolo all’interno di Expo, con il linguista e neuroscienziato Andrea Moro, il sociologo e teorico della comunicazione Derrick de Kerckhove, lo psicanalista junghiano Luigi Zoja, la filosofa Laura Boella, il sociologo e politologo Ilvo Diamanti e si concluderà con il fisiologo e saggista Jared Diamond.

 

Il calendario aggiornato degli eventi e i video integrali delle conferenze saranno condivisi sul sito www.unmondopossibile.com e ripresi dai canali social della Banca.

 

 

Per informazioni:

Intesa Sanpaolo Ufficio Media Attività Istituzionali, Sociali e Culturali

+39 0287963531 - +39 0287962641 -+39 3357282324

stampa@intesasanpaolo.com

Ufficio Stampa Progetto Cultura Intesa Sanpaolo

+39 335490311 - +39 3346516702

ufficiostampamirribonmassar@gmail.com

{"toolbar":[{"label":"Aggiorna","url":"","key":"update-page"},{"label":"Stampa","url":"","key":"print-page"}]}