{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

COMUNICATO STAMPA


INTERNAZIONALIZZAZIONE E STATI UNITI D’AMERICA:
OPPORTUNITA’ DI INVESTIMENTO, TUTELA CONTRATTUALE, APPROCCIO AL MERCATO

• Incontro organizzato da UIP e Banca CR Firenze per far conoscere alle imprese pratesi le opportunità e le caratteristiche di uno dei principali mercati di sbocco dell’export italiano, gli U.S.A.


Prato, 6 giugno 2015 – Quali sono i fattori che caratterizzano il mercato statunitense, che tipo di opportunità sia possibile cogliere e con quale approccio? Questi i punti-chiave dell’incontro, organizzato da Unione Industriale Pratese e Banca CR Firenze, che si terrà a Prato martedì 9 giugno, presso l’Auditorium in via Valentini 14.

Per l’export italiano, il mercato USA è infatti tornato ad essere uno tra i più rilevanti e in forte ripresa. Dall’analisi del Servizio Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo che verrà presentata in occasione del convegno, emerge come gli Stati Uniti restino il Paese avanzato più dinamico, mentre Area euro e Giappone siano attesi in crescita più moderata per i prossimi mesi.

Questo dinamismo poggia su una «rinascita» e rilocalizzazione dell’industria manifatturiera negli USA sostenuta da diversi fattori strutturali, quale l’aumento della competitività grazie a un forte controllo dei costi,  la riduzione del differenziale salariale - soprattutto se corretto per qualità e costi di trasporto - con Paesi emergenti (Cina in primis), il vantaggio competitivo determinato dal differenziale fra il costo dell’energia domestico e quello estero, ed infine l’aumento della produzione di petrolio e gas naturale.

Per le aziende pratesi, tali prospettive di crescita dell’economia USA, unite al fattore cambio, rendono questo mercato molto interessante, in particolare per i produttori di Moda. Tra il 2009 e il 2014 l’export di Prato verso gli USA  è cresciuto di 46,2 milioni di euro (+111%). Solo l’export verso la Germania è cresciuto di più (+83,4 milioni di euro). Seguono Francia (+40,6 milioni di euro) e Cina (32,6 milioni di euro).

Ma Prato ha ancora molto potenziale inespresso. Se tutte le analisi confermano come l’internazionalizzazione sia la leva indispensabile per le aziende nell’affrontare la complessa situazione economica interna, le imprese di Prato – in particolare - appaiono in ritardo in termini di presenza commerciale in alcuni mercati ad alto potenziale. La quota di export della provincia diretta verso gli Stati Uniti è ancora bassa e significativamente inferiore alla media italiana. Le potenzialità sono enormi, ma spesso non completamente sfruttate: si è vincenti sui mercati esteri solo grazie a un miglior posizionamento competitivo, ovvero più qualità, più marketing, più innovazione e più partecipazioni estere.

L’incontro del 9 giugno intende dunque contribuire nell’attivare, anche a livello locale, tutti i canali e le occasioni di confronto per favorire la conoscenza delle opportunità esistenti, dagli investimenti alle tutele contrattuali, fino agli strumenti finanziari utili a chi lavora con il mercato statunitense.

Dopo l’introduzione di Francesco Marini, vicepresidente Unione Industriale Pratese, interverrà Giovanni Foresti, della direzione studi e ricerche di Intesa Sanpaolo, che illustrerà lo scenario economico internazionale e quello statunitense più in dettaglio. Seguirà l’intervento di Abigail M. Rupp, Console degli USA a Firenze, che presenterà le opportunità di investimento negli USA ed i benefici del T-Tip (Transatlantic Trade and Investment Partnership).
Daniele Ferretti, avvocato, illustrerà il tema della tutela contrattuale negli USA, mentre Daniele Marcheselli, del desk Americhe-Internazionalizzazione di Intesa Sanpaolo, analizzerà le modalità di approccio al mercato statunitense da parte delle imprese e le tipologie di supporto di Banca CR Firenze e del Gruppo Intesa Sanpaolo. Andrea Tempestini di Gastronomia Toscana presenterà il caso di successo della propria azienda. Le conclusioni saranno affidate a Pierluigi Monceri, direttore generale Banca CR Firenze e direttore regionale Toscana, Umbria, Lazio e Sardegna Intesa Sanpaolo.

 

 

 

Per informazioni
Banca CR Firenze - Ufficio Media Banca dei Territori e Media Locali
055 2612550  - stampa@intesasanpaolo.com


Unione Industriale Pratese - Relazioni esterne
Saida Petrelli     0574 455241 - s.petrelli@confindustria.prato.it

{"toolbar":[{"label":"Aggiorna","url":"","key":"update-page"},{"label":"Stampa","url":"","key":"print-page"}]}