{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}


DICHIARAZIONE DI CARLO MESSINA

“INTESA SANPAOLO È LA PIÙ FORTE TRA LE GRANDI BANCHE IN EUROPA”

Milano 30 luglio 2016 – “Il risultato degli stress test rappresenta un passaggio rilevante per Intesa Sanpaolo: siamo i più forti in Europa tra le grandi banche in termini di solidità patrimoniale ed i nostri coefficienti superano ampiamente le richieste dei regolatori, anche nello scenario più avverso”. Così commenta Carlo Messina, Consigliere Delegato di Intesa Sanpaolo.

“Inoltre è importante sottolineare anche come Intesa Sanpaolo si ponga come miglior banca europea in termini di bassa leva finanziaria, con una dotazione di risorse liquide in eccesso rispetto ai requisiti previsti al 2018. Sono fattori che ci assegnano un chiaro primato, grazie al quale affrontiamo con la massima serenità una fase ancora complessa per il sistema bancario”.

“La grande solidità del bilancio di Intesa Sanpaolo si basa sulla fiducia della nostra clientela e sul risparmio delle famiglie, pilastro della nostra economia. L’Italia è un paese forte e in ripresa e noi vogliamo essere l’acceleratore della crescita: nel solo primo semestre di quest'anno le erogazioni di credito a medio lungo termine - destinate agli investimenti - sono state pari a 24 miliardi”.

“Il nostro impegno in questa fase si rivolge in maniera speciale alle imprese interessate da una temporanea difficoltà che è possibile superare: dal 2014 sono 40.000 le aziende che con il nostro contributo si sono risanate”.

“Grazie a questa solidità possiamo premiare i nostri azionisti con rendimenti e dividendi significativi, lo abbiamo fatto in questi anni a continueremo a farlo”.

“Tutto ciò è reso possibile dalla qualità delle nostre persone, la risorsa chiave su cui continuiamo a puntare, tutelando i livelli occupazionali e la capacità produttiva in eccesso, grazie alle nuove iniziative per la crescita che hanno visto il ricollocamento di 4.500  risorse”.

“Il nostro modello di business sta assumendo sempre più – e con successo – la forma della wealth management company, un settore che, a livello internazionale, presenta le prospettive di crescita più attraenti”.

“La nostra forza patrimoniale e la nostra capacità operativa – conclude Messina – ci consentono di proseguire nel sostegno alla crescita dell'economia e al rilancio degli investimenti,  per rafforzare la competitività del sistema imprenditoriale a livello internazionale: una sfida che siamo in grado di vincere come Banca e come Paese”.

{"toolbar":[{"label":"Aggiorna","url":"","key":"update-page"},{"label":"Stampa","url":"","key":"print-page"}]}