{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}


Il connubio virtuoso tra impresa, territorio e turismo raccontato attraverso sei storie aziendali

MUSEI D’IMPRESA PER PROMUOVERE IL TERRITORIO

Peghin: i musei hanno un ruolo importante nella promozione del territorio
attraverso la cultura d’impresa
Muraro: il Gruppo Intesa Sanpaolo ha riunito oltre 150 imprese di eccellenza. Il successo di un’azienda
passa anche dal sapersi raccontare e trasmettere i propri valori

Padova, 20 aprile 2017 - Com’è possibile oggi valorizzare il mondo delle aziende e i territori? Raccontandosi. E raccogliendo il meglio del proprio passato e declinandolo in modo originale per affrontare più consapevolmente il futuro, attraverso luoghi nuovi o costantemente ripensati. È ciò che emerge dall’indagine condotta da Fondazione Nord Est e promossa dalla Cassa di Risparmio del Veneto su sei casi studio veneti di musei e archivi d’impresa: il Museo della Calzatura Rossimoda, il Poli Museo della Grappa, il Museo dello Scarpone e della Calzatura Sportiva, l’Archivio storico Rubelli, il Museo del Gioiello e il Museo dell’Occhiale. Anche se non tutti propriamente musei d’impresa – ma anche musei distrettuali – tuttavia pienamente in linea con un territorio, come quello veneto, caratterizzato da un legame profondo tra la storia delle aziende e quella dei territori in cui quelle stesse aziende si sono sviluppate.

Dall’indagine emergono soprattutto tre assi interpretativi fondamentali:

Relazione tra musei e aziende: una relazione tuttora viva, che per quei musei che legano il proprio nome ad un’azienda specifica riguarda non solo la memoria di quel che è stato, ma anche la possibilità di generare nuovi significati e di contribuire concretamente all’immagine odierna delle aziende di riferimento, al loro essere percepite in modo dinamico ed efficace. Un aspetto che riguarda anche le esperienze “distrettuali”, laddove i musei costituiscono un rilancio fondamentale delle specificità territoriali e un retroterra che consente anche ad aziende recenti di legarsi ad una storia riconosciuta, che è quella dei distretti e del loro percorso.

Ruolo dei territori: i casi considerati appaiono strumenti molto importanti nell’ambito della promozione dell’attrattività di cui oggi molto si dibatte in relazione alla competitività territoriale. Se questo vale soprattutto per i casi con una prospettiva distrettuale, è però interessante evidenziare come anche per i musei “aziendali” si noti il tentativo di riconnettere la singola esperienza a quella di un ecosistema, per rendere quest’ultimo complessivamente più attrattivo e con un ritorno importante per le stesse aziende che in esso operano.

Dimensione turistica: sebbene la visita alle realtà aziendali non sia ancora interpretata come un prodotto turistico autonomo o integrato in una più ampia esperienza, oggi si cerca sempre più di fare esperienza diretta dei luoghi e delle risorse del territorio e da questo punto di vista lo sviluppo del turismo culturale è un elemento che, potenzialmente, può essere favorevole anche per i musei d’impresa. Questi ultimi possono fungere da ulteriore elemento attrattivo del territorio in cui sono inseriti quando con lo stesso riescono a creare un legame di integrazione e storia condivisa, presentandolo al possibile visitatore con un luogo di esperienza diretta e autentica e allo stesso tempo differenziata rispetto al tradizionale prodotto turistico.

“I musei d’impresa - ha commentato Francesco Peghin, presidente Fondazione Nord Est - hanno un ruolo importante nella promozione del territorio attraverso la cultura d’impresa. In essi troviamo sicuramente la memoria aziendale, ma anche la storia dello sviluppo tecnologico e dei cambiamenti nella società. In questo senso i musei d’impresa rappresentano uno strumento di dialogo e di condivisione tra l’azienda e il territorio. Uno strumento che, se valorizzato, potrebbe diventare una straordinaria risorsa per il nostro Paese”.

“Molte imprese hanno saputo rafforzarsi e creare attraverso i musei d’impresa delle vere e proprie opportunità di visibilità e di crescita – ha dichiarato Gilberto Muraro, presidente Cassa di Risparmio del Veneto – Consapevoli dell’importanza per un’azienda di successo di sapersi raccontare e trasmettere i propri valori, il Gruppo Intesa Sanpaolo ha di recente presentato un’iniziativa denominata Sharing Italy che ha riunito attorno a un tavolo oltre 150 imprese d’eccellenza italiane, tra cui diverse venete, che con la propria testimonianza di storia aziendale hanno confermato che è fondamentale per il proprio successo il saper “scrivere” la propria storia partendo dalla consapevolezza di chi siamo e cosa sappiamo fare, portando il nuovo, l’autenticità e l’arte nella nostra vita e in azienda. Solo lavorando con passione e cercando l’eccellenza le imprese sapranno distinguersi e sicuramente il museo d’impresa è un elemento di elevato valore distintivo e attrattivo.”

 

Per informazioni

Intesa Sanpaolo
Rapporti con i Media Banca dei Territori e Media locali
tel. +39 049 6539835 - cell. +39 335 1355936
stampa@intesasanpaolo.com

{"toolbar":[{"label":"Aggiorna","url":"","key":"update-page"},{"label":"Stampa","url":"","key":"print-page"}]}