{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

COMUNICATO STAMPA

PROSEGUE “Z LAB”, IL PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO

DEDICATO AGLI STUDENTI DEI LICEI E DEGLI ISTITUTI TECNICO/PROFESSIONALI

• Coinvolti 18 studenti dell’Istituto Tecnico Commerciale ‘Peano’
• Percorso formativo triennale che prepara i ragazzi al mondo del lavoro
• Corsi presso il centro formazione nella sede della direzione regionale di Intesa Sanpaolo

Firenze, 5 maggio 2017 – Si è tenuta oggi presso l’IISS Peano di Firenze la cerimonia conclusiva del progetto Alternanza Scuola-Lavoro, denominato “Z Lab”, promosso dal Gruppo Intesa Sanpaolo. Diciannove gli studenti del Peano impegnati nel progetto, ospitati nel centro formazione della sede della direzione regionale di Intesa Sanpaolo a Novoli.

Nel corso della cerimonia conclusiva di questo primo anno gli studenti hanno presentato i project work realizzati. Il percorso formativo proseguirà nel prossimo biennio, fino al completamento delle ore previste dalla legge 107/2015 (c.d. Buona Scuola). Per i licei sono previste 200 ore mentre per gli istituti tecnici si tratta di circa 400 ore.

Complessivamente il progetto ha visto nella provincia fiorentina la partecipazione di 80 studenti per circa 350 ore di attività laboratoriale. ZLab si sviluppa in un percorso triennale che, a partire dalla terza classe delle scuole superiori, accompagna gli studenti fino al quinto anno. Al termine del triennio i migliori progetti verranno premiati.
L’obiettivo di “Z Lab” è di preparare i ragazzi al mondo del lavoro, attraverso una esperienza di apprendimento e sperimentazione. In questa ottica, Intesa Sanpaolo offre agli studenti un ambiente di riferimento in cui attivare scoperte e riflessioni in ambito lavorativo attraverso laboratori, project work e digital culture, per diffondere l’educazione finanziaria e tradurla in comportamenti consapevoli; sviluppare le principali soft skill; sperimentare dinamiche imprenditoriali attraverso esperienze pratiche, finalizzate allo sviluppo di competenze spendibili nelle future attività lavorative. Tutti gli argomenti trattati sono contestualizzati in attività operative, anche con visite presso gli uffici delle strutture centrali e il confronto con colleghi "testimonial".

A tale proposito, gli studenti hanno vissuto la vita aziendale in banca, frequentando gli stessi luoghi dei dipendenti bancari e ambientandosi nella struttura lavorativa per 15 giorni. In particolare hanno potuto confrontarsi con alcuni specialisti di Direzione Regionale al fine di comprendere le dinamiche di marketing.

"Il Gruppo Intesa Sanpaolo – ha commentato Luca Severini, direttore generale Banca CR Firenze e direttore regionale Toscana e Umbria Intesa Sanpaolo - ha scelto di essere banca dell’economia reale ed acceleratore di crescita per il Paese, offrendo ai suoi clienti servizi che superano la sfera finanziaria. Rispetto a questa nostra vocazione, non potevamo non partecipare ad un’iniziativa come Alternanza Scuola-Lavoro, che ha l’obiettivo di sviluppare competenze per la crescita del nostro Paese, attraverso la collaborazione tra Scuola e mondo dell’impresa. Il nostro gruppo intende contribuirvi, offrendo ai ragazzi il meglio della propria esperienza su temi come l’educazione finanziaria, l’imprenditorialità, l’innovazione e la cultura digitale, che avvicinano la scuola al mondo del lavoro.”

 

Alternanza Scuola-Lavoro: la legge
Il 9 luglio 2015 la Camera approva "La Buona Scuola" (Legge 13 luglio 2015, n.107) che tre le tante cose comprende una parte specifica sull'Alternanza Scuola Lavoro (ASL) obbligatoria, a partire dall'anno scolastico 2015/2016, per l'ultimo triennio dei licei (200 ore) e degli istituti tecnici (400 ore).
Macro obiettivi dell'iniziativa: promuovere la conoscenza del mondo del lavoro, sensibilizzare sulle competenze essenziali per lo sviluppo professionale, comprendere i comportamenti richiesti dalle organizzazioni.
La guida operativa del MIUR prevede, a conclusione dell'esperienza di ASL, una valutazione congiunta dei tutor dell'ente ospitante e della scuola.

 


Per informazioni
Banca CR Firenze - Intesa Sanpaolo
Rapporti con i Media – Banca dei Territori e Media locali
Tel. + 39 055 2612216 - 2612550
stampa@intesasanpaolo.com

 

{"toolbar":[{"label":"Aggiorna","url":"","key":"update-page"},{"label":"Stampa","url":"","key":"print-page"}]}