{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

COMUNICATO STAMPA

INTESA SANPAOLO:
MONITOR DEI POLI TECNOLOGICI DEL LAZIO


 Realizzato dalla Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo
• Dati al 30/09/2017

Roma, 19 febbraio 2018L’export dei poli tecnologici del Lazio è tornato a crescere a ritmi più sostenuti rispetto alla media dei poli tecnologici nazionali osservati. Il terzo trimestre 2017 si è chiuso, infatti, con un incremento delle esportazioni regionali a due cifre (+24,1%) a fronte di un +11,4% dei poli tecnologici nazionali (al netto del Lazio). A trainare l’export della regione è stato soprattutto il polo farmaceutico (+34,8%) che ha mostrato una crescita più intensa della media nazionale del settore (+23,5%). Chiude in positivo anche il polo Ict (+7,1%) anche se resta meno dinamico rispetto alla media nazionale (+10,7%) mentre un rallentamento si registra nelle esportazioni del polo aeronautico (-32,2%) dopo un 2016 molto positivo.

Dal Monitor dei Poli Tecnologici del Lazio realizzato dalla Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo emerge come nei primi nove mesi dell’anno le esportazioni dei poli Hi-tech laziali abbiano raggiunto i 7,3 miliardi di euro, in crescita del 7,3% rispetto allo stesso periodo del 2016, confermando la regione tra quelle a più alto contenuto tecnologico del Paese.

Nel terzo trimestre 2017 le esportazioni del polo farmaceutico laziale sono crescite del + 34,8% grazie soprattutto a Belgio, Stati Uniti e Regno Unito ma si segnalano buone performance anche con Australia e Giappone. L’Ict ha compensato invece una minor domanda dai principali sbocchi commerciali rappresentati da Hong Kong e dalla Francia riposizionandosi su Germania e Stati Uniti. Il polo aeronautico ha risentito di una forte contrazione dell’export verso la Francia, principale mercato di sbocco, ma anche Australia, Malesia ed emirati arabi Uniti.

Quadro a luci ed ombre per i distretti tradizionali. Chiude in territorio positivo l’export del distretto di Civita Castellana (+1,9%) mentre si osserva una frenata dell’export del distretto ortofrutticolo dell’Agro-Pontino che ha chiuso con un calo tendenziale del 16,7%.


Pieluigi Monceri, Responsabile della Direzione Regionale Lazio, Sardegna e Sicilia: “I molteplici segnali positivi emersi dai dati sulle esportazioni dei poli tecnologici laziali riflettono l’elevata competitività del territorio. L’export del polo farmaceutico è tornato a crescere a ritmi più sostenuti del dato medio nazionale dello stesso settore. La presenza di comparti ad elevato contenuto tecnologico nel Lazio rappresenta un’importante opportunità e stimolo per lo sviluppo del territorio, anche in ottica 4.0 e di digitalizzazione dei processi produttivi”.


Per informazioni:
Intesa Sanpaolo
Ufficio Media Banca dei Territori e Media Locali
stampa@intesasanpaolo.com
T. 06 67124992

{"toolbar":[{"label":"Aggiorna","url":"","key":"update-page"},{"label":"Stampa","url":"","key":"print-page"}]}