{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}


ALL’ASSOCIAZIONE COMUNITÀ PROGETTO SUD ONLUS Il PREMIO ANGELO FERRO PER L’INNOVAZIONE NELL’ECONOMIA SOCIALE

Padova, 5 giugno 2018. Associazione Comunità Progetto Sud Onlus è la vincitrice del “Premio Angelo Ferro per l’innovazione nell’economia sociale”, pari a 20.000 euro, promosso da Cassa di Risparmio del Veneto e Banca Prossima, la banca del gruppo Intesa Sanpaolo dedicata al terzo settore, in memoria del consigliere di amministrazione Angelo Ferro, del quale si è voluto ricordare in particolare la straordinaria attività di imprenditore sociale.
Il compito della Giuria è stato quello di individuare un’Organizzazione che abbia dato un contributo significativo allo sviluppo dell’economia sociale, in qualsiasi campo di attività, introducendo servizi o processi innovativi.
La giuria - presieduta da Giovanni Bazoli, presidente Emerito di Intesa Sanpaolo - è composta da Carlo Borgomeo, presidente Fondazione con il Sud, Andrea Cavagnis, presidente Opera Immacolata Concezione, Giuseppe De Rita, presidente del CENSIS, Maurizio Ferrera, Università Statale di Milano, Elena Granaglia, Università degli Studi Roma Tre, Marco Morganti, amministratore delegato di Banca Prossima, Gilberto Muraro, Università degli Studi di Padova e presidente Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo e Stefano Zamagni, Università di Bologna.
Il conferimento del Premio è avvenuto in occasione di una Cerimonia solenne presso l’Aula Magna del Bo a Padova dove, dopo l’intervento di saluto di Daniela Lucangeli per l’Università di Padova e Federico Meo, presidente Cassa di Risparmio del Veneto, sono intervenuti: Gilberto Muraro, presidente Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo per un ricordo di Angelo Ferro, Maurizio Ferrera, professore ordinario di Scienze Politiche Università degli Studi di Milano che ha tenuto la Lectio Magistralis: “Il ritorno della società civile: innovazione sociale e secondo welfare”, Tiziano Vecchiato, direttore Fondazione Emanuela Zancan Onlus per una sintesi della seconda esperienza del Premio e Marco Morganti, amministratore delegato di Banca Prossima che ha illustrato i cinque progetti selezionati e le due citazioni speciali.
In totale sono state 188 le associazioni/enti che hanno risposto al bando del Premio, la cui segreteria tecnica è stata affidata anche quest’anno alla Fondazione Emanuela Zancan di Padova. In particolare, le cinque finaliste presentano un ventaglio illuminante di iniziative e di modalità organizzative: inclusione sociale, riciclo dei rifiuti urbani, welfare, agricoltura sociale, tutela giudiziaria gratuita di persone emarginate, inserimento lavorativo di persone con fragilità. Infine il prof. Bazoli ha proclamato il vincitore del Premio per il 2018: l’Associazione Comunità Progetto Sud Onlus.
L’ente è nato a Catanzaro nel 1976 per dare nuove risposte alla istituzionalizzazione delle persone con disabilità del territorio. Negli anni la Comunità ha affrontato altre problematiche sociali (minori, disagio giovanile, tossicodipendenze, immigrati) con soluzioni e servizi innovativi. In particolare si segnala il progetto AMBI - Accoglienza Mamme e Bambini Immigrati, coinvolge famiglie straniere che vivono in situazioni di isolamento sociale e linguistico con bambini dai 2 ai 6 anni. L’incontro con le famiglie inizia con un “porta a porta” e con il dono della “scatola dei giocattoli” pensata per rafforzare le competenze prescolastiche mediante il gioco guidato dagli adulti. La scatola consente di avviare una relazione di fiducia con i genitori così che il bambino possa frequentare regolarmente la scuola dell’infanzia. Con il “baratto sociale” l’Associazione offre un contributo economico per l’acquisto dei buoni mensa che permette ai bambini di frequentare la scuola per 8 ore. A fronte di questo aiuto le mamme offrono agli Enti delle attività di servizio di pubblica utilità legate al mondo dell’Infanzia con pratiche di welfare generativo in cui le mamme ricevono e offrono mettendo in gioco nuove competenze sociali, integrandosi con la comunità.
Di seguito una sintetica descrizione degli altri quattro finalisti e delle due citazioni speciali:
Avvocato di Strada ONLUS - Bologna
Realizza progetti dedicati all’assistenza legale delle persone senza dimora e alla sensibilizzazione di cittadinanza e istituzioni.
Cantiere della Provvidenza – Società Persona Ambiente - Belluno
Lavora per creare un nuovo modello di sussidiarietà ispirato ai principi del welfare generativo, dell’economia civile e dello sviluppo locale auto-sostenibile, al cui centro sono posti la persona e l’ambiente.
Fondazione Sermig Onlus - Torino
Con il progetto RI-GENERATION punta a creare nuovi posti di lavoro rigenerando elettrodomestici dismessi riducendo spreco e inquinamento e creando occupazione per soggetti in situazione di fragilità.
Insieme Soc. Coop. Sociale a r.l. - Vicenza
Nata nel 1979 lavora con progetti anche a livello europeo, con Enti Pubblici nazionali ed europei per ridare valore agli oggetti che andrebbero buttati restaurandoli, rivendendoli o riciclandoli come materie prime secondarie, contribuendo alla diminuzione degli sprechi e dei rifiuti urbani e dando lavoro a oltre cento persone.
In questa edizione hanno ricevuto una citazione speciale anche altre due associazioni:
Associazione Terre Colte di Cagliari che si occupa del recupero di terreni abbandonati con la realizzazione di orti condivisi e progetti di agricoltura sociale.
Associazione Agevolando di Bologna che sostiene i giovani neo maggiorenni che hanno avuto esperienze di comunità, di affido, di case di accoglienza per un inserimento autonomo nella società valorizzando la partecipazione attiva.
Angelo Ferro
Scomparso il 13 marzo 2016, Angelo Ferro ha affiancato la carriera di imprenditore e docente universitario a un impegno costante nel campo del sociale ricomprendo numerose cariche associative e promuovendo iniziative in campo culturale, sportivo ecc. Negli ultimi anni di presidenza di OIC ne ha ampliato notevolmente la dimensione operativa e soprattutto il significato esemplare, realizzando molte attività volte a trasformare l’anziano da problema a risorsa sociale. È stato infine un apprezzatissimo Consigliere di Amministrazione di Intesa Sanpaolo e della Cassa di Risparmio del Veneto.


Informazioni per la stampa:
Intesa Sanpaolo
Rapporti con i Media – Banca dei Territori e Media locali
Tel. + 39 049 6539835 – cell. +39 335 1355936
+39 0444 339645 +39 335 7647397
stampa@intesasanpaolo.

{"toolbar":[{"label":"Aggiorna","url":"","key":"update-page"},{"label":"Stampa","url":"","key":"print-page"}]}