{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

NOTA STAMPA

 

INTESA SANPAOLO: IL FONDO DI BENEFICENZA RADUNA GLI ENTI DEL TERZO SETTORE CHE LAVORANO PER IL CONTRASTO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA

 

 

·         A Milano una giornata di confronto e analisi delle migliori esperienze sul campo

·         In tre anni 27 milioni di euro devoluti dal Fondo per progetti nel sociale

·         13,5 milioni di euro la dotazione 2019

·         Dispersione scolastica, violenza sulle donne e sui minori, demenza senile sono le aree di intervento nel biennio 2019-2020

 

Milano, 15 ottobre 2019 – Nel triennio 2016-2018 sono state pari a circa 27 milioni euro le risorse che il Fondo di Beneficenza ed opere di carattere sociale e culturale di Intesa Sanpaolo, in capo alla Presidenza, ha erogato a favore di progetti realizzati da enti non profit, con una dotazione per il 2019 di oltre 13,5 milioni. Tra i progetti sostenuti spiccano quelli di contrasto alla dispersione scolastica, una delle tre aree di intervento del Fondo per il biennio 2019-2020, insieme alla violenza sulle donne e sui minori e alla demenza senile.

 

Per permettere agli enti impegnati in questo specifico campo d’azione di incontrarsi e scambiare idee, esperienze e buone pratiche, il Fondo di Beneficenza di Intesa Sanpaolo, in collaborazione con la Fondazione Lang, ha organizzato una giornata di incontri a corredo della propria azione di sostegno ai progetti sociali destinati alla formazione, anche professionale, e al lavoro, con una particolare attenzione a quelle persone tra i 15 e i 29 anni che né studiano né lavorano.

 

L’incontro “Presenti…inclusi: Esperienze e progetti di inclusione sociale e contro la dispersione scolastica” si è tenuto oggi a Milano, alla presenza del Presidente di Intesa Sanpaolo Gian Maria Gros-Pietro: una giornata di confronto e riflessione dedicata alle iniziative sociali e ai progetti volti a contrastare un fenomeno sempre più preoccupante che interessa in Italia il 14% dei giovani tra i 18-24 anni secondo gli ultimi dati Istat.

 

In assenza di istruzione, spesso le precarie condizioni delle famiglie di provenienza spingono a un inserimento dei ragazzi precoce nel mondo del lavoro senza basi efficaci, quindi in forza lavoro poco qualificata o sfruttata. Dispersione scolastica significa anche dissipazione di risorse e potenzialità di giovani che si ritrovano senza validi punti di riferimento e rischiano di perdersi in contesti sociali devianti.

 

Previsto dallo Statuto di Intesa Sanpaolo, il Fondo di Beneficenza e opere di carattere sociale e culturale fa capo alla Presidenza della Banca e permette di stanziare una quota degli utili alla beneficenza e al sostegno di progetti di solidarietà, utilità sociale e valore della persona. In coerenza con gli obiettivi del Codice Etico del Gruppo, l’obiettivo è condividere con la comunità l'attenzione alla persona, ai diritti umani, alla solidarietà economica e sociale, allo sviluppo sostenibile, alla conservazione dell'ambiente e la promozione delle iniziative culturali a favore delle fasce svantaggiate. Le erogazioni, assegnate sulla base di selezioni secondo puntuali meccanismi predefiniti prevedono liberalità territoriali (fino a un importo massimo di euro 5.000), indirizzate al sostegno di progetti e iniziative di impatto locale, e liberalità centrali (fino a un massimo di euro 500.000), riferite al sostegno di progetti di più ampio rilievo. L’attività si è svolta all’interno dell’adesione del Gruppo al raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile fissati dall’Agenda 2030 dell’ONU.

 

Sono intervenuti Gian Maria Gros-Pietro, Presidente Intesa Sanpaolo, Giovanna Paladino, Responsabile Segreteria Tecnica di Presidenza, che ha presentato il Fondo Beneficenza Intesa SanpaoloLucia Martina, Segretario Generale Philanthropy Advisor Fondazione Lang Italia.

Si sono inoltre alternati i racconti di importanti progetti per il contrasto alla dispersione scolastica su tutto il territorio italiano:

·         Caterina Corapi, Presidente Next – Level (Torino), e Roberto Marcone, RU- Psicologia dello sviluppo e educazione Università Campania Luigi Vanvitelli, “Proud Of You – Plus” di Next – Level, Napoli: progetto nato per prevenire la dispersione scolastica attraverso una didattica innovativa di italiano e matematica, con annesse attività ricreative e culturali, da sperimentare presso l'Istituto Virgilio IV di Scampia;

·         Ugo Bressanello, Presidente Domus De Luna, “Exmè 20-20” di Exmè & Affini Onlus Cooperativa Sociale, Cagliari: con il Centro Giovani Exmè la Fondazione Domus De Luna realizza interventi volti a favorire l’inclusione sociale, la prevenzione e la cura del disagio giovanile, in uno dei quartieri più difficili della città di Cagliari;

·         Antonio Presti, Presidente Associazione Fiumara d’Arte, “Librino è Bellezza”, Catania: si tratta di una serie di laboratori creativi e digitali nelle scuole di Librino, con l’obiettivo di contribuire alla lotta dell’abbandono scolastico e di diffondere negli alunni delle scuole uno sviluppo di competenze critiche legate al senso del bello;

·         Alessandro Mele, Direttore Generale Cometa, “W4T – Work for Tomorrow, Percorsi di Orientamento e Inserimento lavorativo”, Como: ha l’obiettivo di favorire l’inserimento lavorativo di 60 studenti, di cui 40 allievi dei percorsi di Istruzione e Formazione Professionale del settore sala-bar, legno e arredo-tessile e 20 giovani con un passato di abbandono scolastico o MSNA, al momento NEET o disoccupati e frequentanti un percorso sperimentale all’interno della Scuola Oliver Twist attraverso tirocini in una delle 700 aziende partner;

·         Lisa Ghezzi, La Strada, “Progetto Scuola Bottega”, Milano: è un progetto storico di lotta all'abbandono scolastico che prevede che ogni anno vengano formate 2 classi per l’accompagnamento alla licenza media di 30 ragazzi in età 14-18 anni, a rischio drop-out, in accordo con le scuole del territorio.

 

 

 

Intesa Sanpaolo 

Intesa Sanpaolo è una delle più solide e profittevoli banche europee. Offre servizi bancari commerciali, di corporate investment banking, di gestione del risparmio, asset management e assicurativi. È la principale Banca in Italia con circa 12 milioni di clienti serviti attraverso i suoi canali digitali e tradizionali. Le banche estere del Gruppo contano 7.2 milioni di clienti in Est Europa, Medio Oriente e Nord Africa. Intesa Sanpaolo è riconosciuta come una delle banche più sostenibili al mondo.

Per il Gruppo creare valore significa essere motore di crescita per la società e l'economia. In campo ambientale, ha creato un fondo di € 5 miliardi destinato all'economia circolare. Promuove progetti rilevanti di inclusione economica e riduzione della povertà, tra cui un fondo di impatto per € 1,2 miliardi di finanziamenti a categorie di soggetti con difficoltà di accesso al credito. Intesa Sanpaolo è fortemente impegnata in attività culturali proprie e in collaborazione con altri soggetti in Italia e all'estero, incluse esposizioni permanenti e temporanee del suo vasto patrimonio artistico presso le Gallerie d'Italia, i tre musei del Gruppo a Milano, Napoli e Vicenza.

 

Sito internet: group.intesasanpaolo.com | News: https://www.intesasanpaolo.com/it/news.html | Twitter: @intesasanpaolo | Facebook: @intesasanpaolo | LinkedIn: https://www.linkedin.com/company/intesa-sanpaolo | Instagram: @intesasanpaolo

 

 

 

Informazioni per la stampa

Intesa Sanpaolo - Ufficio Media Attività Istituzionali, Sociali e Culturali

stampa@intesasanpaolo.com

www.intesasanpaolo.com/it/news

{"toolbar":[{"label":"Aggiorna","url":"","key":"update-page"},{"label":"Stampa","url":"","key":"print-page"}]}