{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

COMUNICATO STAMPA

 

INTESA SANPAOLO: MONITOR DEI POLI TECNOLOGICI DEL LAZIO

 

  • Realizzato dalla Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo

  • Dati sulle esportazioni al 31/03/2020

 

Roma, 30 luglio 2020 – Il primo trimestre 2020 si è chiuso con un calo tendenziale delle esportazioni dei poli tecnologici del Lazio pari a -11,1% (variazione a prezzi correnti), in controtendenza rispetto alla performance dei poli nazionali (+9,7%), ed evidenziando un’evoluzione peggiore al dato regionale complessivo (-0,9%). Tale dinamica non riflette ancora (o perlomeno solo in parte) gli effetti della diffusione della pandemia COVID-19 che a partire da marzo ha colpito l’Italia e che si è estesa poi progressivamente in Europa e nel mondo, con impatti sia sul lato della domanda, che dell’offerta e di conseguenza sul commercio globale.

In particolare l’export del polo farmaceutico ha registrato un calo del 12,1%, scontando il confronto con una prima parte del 2019 di intensa crescita. Le esportazioni si attestano  su valori pari a circa 2,8 miliardi di euro, livelli comunque superiori rispetto alle altre realtà monitorate.  Segnali di rallentamento si sono registrati anche per il polo aerospaziale sebbene la lettura trimestrale di questi dati debba essere interpretata con molta cautela considerando il fatto che si basano sulla realizzazione di grandi commesse pluriennali. In crescita invece il polo ICT (+13,7%) sostenuto dalla vendita di semiconduttori, componentistica, apparecchiature per le telecomunicazioni e strumentazione di misurazione.

Dal Monitor dei Poli Tecnologici del Lazio realizzato dalla Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo si conferma la rilevanza dei poli hi-tech laziali tra le principali aree ad elevato contenuto tecnologico del Paese.

Per quanto riguarda invece distretti tradizionali, chiude il primo trimestre in positivo il distretto della ceramica di Civita Castellana (+1,4%); un dato che probabilmente non risente ancora dell’effetto del lockdown che ha portato ad un fermo produttivo per le aziende del distretto e ad un blocco delle spedizioni estere.

Primo trimestre in leggera contrazione invece per il distretto ortofrutticolo dell’Agro-Pontino (-1,9%%). Sebbene le aspettative sul settore siano moderatamente positive, è ancora prematuro fare bilanci: se da un lato le imprese agricole hanno dato prova di continuità operativa anche nel periodo più duro del lockdown, dall’altro hanno subito pesanti ripercussioni per la chiusura della ristorazione nazionale e internazionale. 

Nei prossimi mesi la specializzazione della regione in settori ad alto contenuto tecnologico (e in particolare nel settore farmaceutico) e in alcuni comparti del settore agro-alimentare potrebbe favorire una maggiore tenuta delle esportazioni regionali rispetto alla media italiana. 

Pieluigi Monceri, Responsabile della Direzione Regionale Lazio, Sardegna, Sicilia, Abruzzo e Molise: “La specializzazione della regione in settori ad alto contenuto tecnologico (e in particolare nel settore farmaceutico) ci rende consapevoli della necessità, in questo delicato momento, di essere al fianco delle nostre aziende impegnate nella sfida della ricerca e dell’innovazione; ma la ricchezza produttiva della regione si esprime anche attraverso settori, di cui le aziende distrettuali sono un esempio, alle quali è necessario garantire sostegno con finanziamenti a medio-lungo termine e possibilità di accesso alle agevolazioni governative legate al Covid-19, in un’ottica di rilancio del sistema economico. Grazie a plafond di credito aggiuntivo e ad una task force interna, nel Lazio abbiamo erogato circa 10.500 finanziamenti di importo fino a 30.000 euro previsti dal DL Liquidità e circa 500 operazioni di finanziamento a medio-lungo termine di importo superiore a 30.000 euro con la garanzia del Fondo Centrale o di Sace. Complessivamente nei primi sei mesi dell’anno abbiamo erogato alle imprese laziali circa 630 milioni di euro di finanziamenti a medio-lungo termine”.

 

 

 

 

Per informazioni:

Intesa Sanpaolo

Ufficio Media Banca dei Territori e Media Locali

stampa@intesasanpaolo.com

 

 

 

Intesa Sanpaolo è una delle più solide e profittevoli banche europee. Offre servizi bancari commerciali, di corporate investment banking, di gestione del risparmio, asset management e assicurativi. È la principale Banca in Italia con circa 12 milioni di clienti serviti attraverso i suoi canali digitali e tradizionali. Le banche estere del Gruppo contano 7.2 milioni di clienti in Est Europa, Medio Oriente e Nord Africa. Intesa Sanpaolo è riconosciuta come una delle banche più sostenibili al mondo. Per il Gruppo creare valore significa essere motore di crescita per la società e l'economia. In campo ambientale, ha creato un fondo di € 5 miliardi destinato all'economia circolare. Promuove progetti rilevanti di inclusione economica e riduzione della povertà, tra cui un fondo di impatto per € 1,2 miliardi di finanziamenti a categorie di soggetti con difficoltà di accesso al credito. Intesa Sanpaolo è fortemente impegnata in attività culturali proprie e in collaborazione con altri soggetti in Italia e all'estero, incluse esposizioni permanenti e temporanee del suo vasto patrimonio artistico presso le Gallerie d'Italia, i musei del Gruppo a Milano, Napoli, Vicenza e prossimamente Torino. Sito internet:  group.intesasanpaolo.com | News: https://www.intesasanpaolo.com/it/news.html  

Twitter: @intesasanpaolo | Facebook: @intesasanpaolo | LinkedIn:  https://www.linkedin.com/company/intesa-sanpaolo | Instagram:  @intesasanpaolo  

{"toolbar":[{"label":"Aggiorna","url":"","key":"update-page"},{"label":"Stampa","url":"","key":"print-page"}]}