{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

SPECCHIA SERVICES Srl: 1,5 MILIONI DI EURO DA INTESA SANPAOLO
PER PROGETTI DI ECONOMIA CIRCOLARE

  • Obiettivo del finanziamento ammodernare e potenziare l’impianto di trattamento e separazione rifiuti (carta e cartone, plastica, rifiuti ingombranti, ferro, legno) di Arcola, per raddoppiarne la capacità di selezione e generare un output con un grado di purezza molto superiore all'attuale
  • L’operazione rientra nel plafond da 6 miliardi di euro per la Circular Economy, messo a disposizione da Intesa Sanpaolo per il mondo delle imprese
  • Andrea Perusin, direttore regionale Piemonte Sud e Liguria Intesa Sanpaolo: «Sostenibilità ambientale e transizione ecologica sono aspetti imperativi per la crescita e la competitività delle imprese: non si tratta più, o non solo, di una scelta etica, ma anche di una scelta di business, che risponde a richieste precise dei consumatori.»

La Spezia, 9 novembre 2021 – L’economia circolare è al centro del progetto di sviluppo della Specchia Services S.r.l., azienda spezzina attiva nel settore della pulizia urbana e dello smaltimento dei rifiuti, che Intesa Sanpaolo ha scelto di sostenere con un finanziamento di 1,5 milioni di euro. L’operazione rientra nel plafond di 6 miliardi di euro che Intesa Sanpaolo ha destinato alla transizione delle imprese verso il nuovo modello economico, che punta a ridurre l’impatto ambientale slegando lo sviluppo dallo sfruttamento delle risorse naturali esauribili e a ridisegnare con tali obiettivi il sistema industriale.

Il finanziamento, della durata di 96 mesi di cui 24 di preammortamento, è assistito dalla garanzia all’80% del Fondo di Garanzia e sarà utilizzato da Specchia Services per l’ammodernamento e il potenziamento dell’impianto di trattamento e separazione rifiuti, che si estende ad Arcola in un’area di 2000 mq. L'impianto è una vera e propria “recycling factory” automatizzata, dove è possibile il conferimento e la selezione di numerose tipologie di materiali: carta/cartone e plastica, principalmente, ma anche rifiuti ingombranti, legno, ferro.  Grazie a un investimento complessivo di oltre 4 milioni di euro, e con l’ingaggio di due fornitori francesi leader del settore (Vauchè SA e Pellenc ST), le linee esistenti verranno sostituite da sistemi ad alta tecnologia dotati di selettori ottici in grado di separare i rifiuti e generare un output con un grado di purezza molto superiore all'attuale.

«La filosofia di Specchia Services è semplice e innovativa: mettere la tecnologia al servizio del territorio, attraverso l’innovazione continua, l’impiego di personale altamente qualificato e la puntuale attenzione per la cura dell’ambiente e la tutela della salute – dichiara Riccardo Failla, Amministratore delegato di Specchia Services S.r.l. - Grazie al sostegno di Intesa Sanpaolo, potremo accelerare la transizione verso attività sempre più in equilibrio con l’ambiente. L’investimento ci consentirà di raddoppiare la capacità di selezione dell’impianto - attualmente 40.000 tonnellate su base annua - e di conseguire un aumento di fatturato, produttività e qualità del prodotto selezionato, riducendo i costi di servizio e manutenzione e sfruttando gli incentivi industria 4.0.»

«Sostenibilità ambientale e transizione ecologica sono aspetti imperativi per la crescita e la competitività delle imprese, con una dimensione sempre più economica: non si tratta più, o non solo, di una scelta etica, ma anche di una scelta di business, che risponde a richieste precise dei consumatori - sottolinea Andrea Perusin, direttore regionale Piemonte Sud e Liguria Intesa Sanpaolo – Il nostro supporto alle iniziative e ai progetti green delle imprese che, come nel caso virtuoso di Specchia Services, investono in processi produttivi innovativi volti alla riduzione dell’impatto ambientale, si compie attraverso un’allocazione del credito responsabile, con soluzioni e servizi mirati: dai finanziamenti S-Loans (Sustainability Loans), che premiano con una riduzione di tasso gli investimenti finalizzati al raggiungimento di obiettivi ESG predefiniti, ai green bond, ai finanziamenti a valere sul plafond di 6 miliardi di euro dedicato alla circular economy, stanziato già nel 2018.»

L'azienda sta valutando di rendere accessibile il sito a visite guidate, in particolare da parte di scolaresche, per accrescere la sensibilità della comunità verso le tematiche ambientali e di sostenibilità. Da anni l’azienda impiega le più sofisticate tecnologie in una vasta gamma di attività, che spaziano dalla pulizia urbana di grandi aree, quali zone portuali e superfici industriali, ai servizi di raccolta rifiuti e di trasporto di materiali. Ad oggi, Specchia Services vanta tra i suoi partner numerose amministrazioni pubbliche, enti civili e industrie private ed è costantemente impegnata nella ricerca di nuove soluzioni per la promozione e la manutenzione del decoro urbano.

L’operazione di finanziamento è stata perfezionata in collaborazione con il Circular Economy Desk di Intesa Sanpaolo Innovation Center, la società del Gruppo dedicata alla frontiera dell’innovazione.

Intesa Sanpaolo è una delle banche più sostenibili al mondo, inclusa in tutti i principali indici. Dall’attenzione all’ambiente e all’inclusione sociale nasce l’impegno verso gli investimenti rispettosi dei criteri ESG (Environmental, Social, Governance), fondamentali per la crescita sostenibile del Paese. In quest’ottica, il Gruppo ha anche adottato regole per la riduzione dei finanziamenti nei settori carbone e oil e gas non convenzionale e ha deliberato l’impegno a un obiettivo di zero emissioni nette entro il 2050, sia per le proprie che per i portafogli prestiti e investimenti. Contestualmente, è stata presa la decisione di aderire alla Net-Zero Banking Alliance (NZBA), un’alleanza di banche a livello globale sotto l’egida delle Nazioni Unite, impegnate al raggiungimento dell’obiettivo Net Zero entro il 2050 e a rafforzare così gli obiettivi fissati dall’Accordo di Parigi sul clima: più che un punto di arrivo, un passaggio significativo del percorso che impegna tutta la Banca verso il contrasto al cambiamento climatico.

Da qui al 2026, Intesa Sanpaolo ha in programma erogazioni a medio lungo termine per oltre 410 miliardi di euro, di cui 120 destinati alle PMI, con i quali contribuire attivamente alla ripresa economica del Paese in stretta correlazione con la “rivoluzione verde” e gli obiettivi del PNRR approvato dalla Commissione Europea.

 

Informazioni per la stampa

Intesa Sanpaolo

Media Relations Banca dei Territori e Media Locali

stampa@intesasanpaolo.com

https://group.intesasanpaolo.com/it/sala-stampa/news

 

{"toolbar":[{"label":"Aggiorna","url":"","key":"update-page"},{"label":"Stampa","url":"","key":"print-page"}]}