{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

Rapporto Analisi dei Settori Industriali maggio 2021 - Highlights

Rapporto Analisi dei Settori Industriali maggio 2021

Il Rapporto ASI (Analisi Settori Industriali), curato da Intesa Sanpaolo in collaborazione con Prometeia, analizza l’andamento dell’industria manifatturiera e le stime di crescita collegate alle sfide della transizione digitale.

Di seguito alcuni highlights del Rapporto:

  • Il manifatturiero italiano archivia il 2020 con un calo inferiore alle attese (-9.3% la flessione del fatturato a prezzi costanti; dopo la Grande Crisi Finanziaria nel 2009 la contrazione fu pari al -16%), grazie a forti spinte di recupero nel secondo semestre, sul fronte interno e internazionale, dove il nostro export ha mostrato migliore capacità di tenuta rispetto a Germania e Francia.
  • La reattività del tessuto produttivo, frutto del rafforzamento competitivo dell’ultimo decennio, tenderà a intensificarsi nei prossimi anni, grazie a una poderosa iniezione di fondi europei a supporto di digitalizzazione, automazione, innovazione, transizione green e nuove infrastrutture.
  • Tali fondi potranno colmare il digital divide che il manifatturiero italiano presentava ad avvio pandemia rispetto ai concorrenti europei, in termini infrastrutturali, di competenze ICT interne alle aziende e di digitalizzazione delle fasi di vendita (e-commerce), a fronte di un buon posizionamento competitivo nelle tecnologie digitali a supporto dei processi produttivi.
  • I livelli pre-Covid saranno recuperati nel 2021 (+8.4 nel 2021, a prezzi correnti) e ad inizio di 2022 (+5.3, a prezzi costanti). Il rimbalzo atteso e la spinta dei prezzi porteranno il fatturato manifatturiero a superare la soglia di €1000 miliardi; nel periodo 2023-25, i ritmi di crescita, pur rallentando, si manterranno sostenuti (+2.6% in media d’anno, a prezzi costanti).
  • La transizione verso un’economia più digitalizzata e sostenibile offrirà maggiori opportunità per Elettronica, Elettrotecnica, Meccanica e Autoveicoli e moto, settori che registreranno tassi di crescita più dinamici della media nel quinquennio 2021-25, ma l’intera filiera manifatturiera italiana evidenzia comunque buone prospettive di rafforzamento.
  • Uno stimolo agli investimenti giungerà anche dalle risorse finanziarie interne alle imprese: la ripresa dell’attività industriale, i provvedimenti a sostegno della liquidità e la maggiore solidità patrimoniale raggiunta negli ultimi anni, dovrebbero aver calmierato l’impatto della crisi sui bilanci aziendali 2020. Il calo stimato per i margini e la redditività potrà essere gradualmente riassorbito nell’orizzonte al 2025, consentendo alle imprese di disporre delle risorse finanziarie necessarie a sostenere gli intensi piani di investimento previsti.

Scarica: 

Rapporto Analisi dei Settori Industriali - Maggio 2021

Approfondimento sulla transizione digitale

{"toolbar":[]}