{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD","clientIDSh":"9e04155b-dc20-4ad8-b40b-5d4c665631f2","signatureSh":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryptionSh":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyIDSh":"72a8b4f5-7fbb-427b-9006-4baf6afba018","userSh":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}
Sport

I Giochi Estivi Special Olympics a Torino

Nati negli Stati Uniti negli anni Sessanta, gli Special Olympics sono oggi attivi nel mondo in ben 200 paesi e la loro denominazione (Olympics) e linea programmatica sono state ufficialmente ratificate anche dal C.I.O. (Commissione Olimpica Internazionale).

In questo video esclusivo abbiamo intervistato Alessandra Palazzotti, Direttore Nazionale di Special Olympics Italia, presso la sede italiana del Movimento. Attraverso la sua esperienza e i suoi aneddoti personali, ci guida alla scoperta di questa realtà internazionale che ha l’obiettivo di dare l’opportunità di allenarsi e gareggiare in una varietà di sport olimpici a bambini ed adulti con disabilità intellettive.
Un racconto appassionato ed emozionante, in grado di restituire al meglio lo straordinario lavoro portato avanti ogni giorno da Special Olympics Italia.

 

Dopo due anni di sosta forzata dovuta alla pandemia, dal 4 al 9 giugno Torino ha accolto con gioia e grande capacità organizzativa la XXXVII edizione dei Giochi Nazionali Estivi Special Olympics, il più importante e seguito evento sportivo nazionale riservato ad atleti con disabilità intellettive, di cui Intesa Sanpaolo è Premium Partner per il prossimo triennio.

In perfetta adesione al claim di quest’anno #TORniamoINcampO, più di 3.000 persone armate di talento e passione si sono confrontate in 20 discipline sportive quali atletica leggera, badminton, bocce, bowling, calcio a 5, canottaggio, dragon boat, equitazione, ginnastica artistica e ritmica, indoor rowing, karate, golf, nuoto, nuoto in acque aperte, pallacanestro, pallavolo unificata, rugby, tennis, tennistavolo.

Quello svoltosi a Torino con grande successo di pubblico è stato il primo momento di esaltante partecipazione e condivisione dei valori più preziosi e duraturi dell’inclusione sportiva e sociale: 1.300 volontari, 400 delegati accompagnatori, 520 tecnici, 1.400 familiari.

Prossime tappe, altrettanto attese, quelle dei Giochi Nazionali Invernali 2023, dei Pre-Games 2024 e, soprattutto, dei Giochi Mondiali Invernali del 2025 che si disputeranno tra Torino, Bardonecchia, Sestriere e Pragelato.

La Banca del Tempo

La valenza simbolica, oltre che sportiva, degli Special Olympics, anche in termini di valorizzazione dei sentimenti di accoglienza, integrazione e di abbattimento di ogni barriera d’indifferenza relazionale, ha consentito a Intesa Sanpaolo di offrire ad alcuni colleghi il privilegio di un’esperienza davvero unica di volontariato.

I colleghi attraverso lo strumento di scambio e donazione gratuita del proprio tempo offerto dalla Banca del Tempo, hanno infatti avuto la possibilità di affiancare degli atleti in gara nel calcio, nel golf e nel badminton, divenendo tutti insieme parte attiva e propositiva di un modo diverso e più profondo di ascoltare il presente e di immaginare il futuro.

 

Potrebbe interessarti anche

{"toolbar":[]}