{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani

Milano, novembre 2020. Presentata l'Indagine sul risparmio e le scelte finanziarie degli italiani – 2020.

L'Indagine sul risparmio ISP-Centro Einaudi 2020: il risparmio alla prova della pandemia

E’ un’edizione particolare quella dell’Indagine sul Risparmio 2020, come particolare e complicato è stato l’anno che si avvia a chiudersi. Al termine del lockdown di marzo-maggio è stata infatti distribuita a un campione di poco meno di mille intervistati una serie supplementare di domande, con l’obiettivo di raccogliere una prima valutazione degli impatti della pandemia da COVID-19. Il risultato è un quadro interessante ed approfondito non solo, come è tradizione, degli orientamenti del risparmio e degli investimenti, ma anche dei cambiamenti che la crisi sta producendo sui redditi, i consumi e le aspettative delle famiglie italiane.

La parola al Chief Economist

Gregorio De Felice

In attesa di un vaccino che consenta finalmente di debellare il virus, la classe dirigente italiana dovrà lavorare unita con l’obiettivo di creare le condizioni per una crescita più elevata, sostenibile e inclusiva. Solo ricostruendo la fiducia, anche il risparmio, che l’Indagine continua a indicare tra le principali virtù degli italiani, potrà abbandonare il parcheggio della liquidità in cui la crisi l’ha confinato e tradursi nuovamente in decisioni di spesa e di investimento.

Archivio ricerca

{"toolbar":[{"label":"Stampa","url":"","key":"print-page"}]}