{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

Analisi sul settore degli integratori alimentari: una filiera competitiva

Analisi sul settore degli integratori alimentari: una filiera competitiva

Uno Studio della Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo sul settore degli integratori alimentari evidenzia come il mercato sia in forte crescita a livello mondiale: gli scambi internazionali sono più che raddoppiati rispetto al decennio precedente e l’Italia ha acquisito una crescente specializzazione nel settore, scalando la classifica internazionale dei principali esportatori posizionandosi nel 2019 all’ottavo posto con €1,25 miliardi di export, per una quota di mercato pari al 3,1% e un saldo commerciale ampiamente positivo (625 milioni).

Il settore ha mostrato una buona resilienza durante la pandemia: l’export italiano ha contenuto le perdite al 4,2% nel 2020 (vs -9,7% del totale economia), ma soprattutto ha mostrato un rimbalzo nel primo trimestre 2021, registrando un aumento dell’8,6%, al di sopra anche dei livelli registrati a inizio 2019 e meglio dei competitor francesi e tedeschi.

Dietro a questi successi, vi è un nucleo di imprese altamente competitive, come dimostra il campione analizzato di 148 imprese, individuate da Federsalus e con più del 40% del fatturato riconducibile a integratori alimentari. Si tratta di imprese di gran lunga più dinamiche rispetto al resto dell’economia italiana e con livelli di marginalità di eccellenza. Questi risultati si spiegano con l’elevata propensione a investire in leve immateriali (innovazione in primis) e a valorizzare il capitale umano, oltreché con la presenza di filiere di fornitura ben radicate nel territorio.

Attraverso un’analisi originale dei pagamenti effettuati dalle imprese del settore è stato possibile ricostruire la filiera di fornitura e le caratteristiche delle relazioni che si instaurano tra le imprese specializzate in integratori alimentari e i loro fornitori. Emerge nettamente il ruolo di alcuni territori nella fornitura del settore: primo fra tutti la Lombardia che concentra circa la metà delle vendite a favore delle imprese di integratori alimentari e mostra rapporti commerciali ravvicinati (68 Km la distanza media).

Scarica l'Estratto dell’intervento di Giovanni Foresti, economista Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo, al webinar Federsalus di presentazione della VI indagine della filiera degli integratori alimentari

Scarica la Presentazione dello Studio

{"toolbar":[]}