{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

Milano, 07 ottobre 2002

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO

INTESABCI, DEUTSCHE BANK E BANCA POPOLARE COMMERCIO E INDUSTRIA


E’ stato raggiunto tra IntesaBci, Deutsche Bank e Banca Popolare Commercio e Industria un accordo di natura finanziaria che ha per oggetto la cessione, da parte di IntesaBci a Deutsche Bank, della nuda proprietà del 24,92% di Banca Carime ancora detenuto da IntesaBci e la stipulazione, tra Deutsche Bank e Banca Popolare Commercio e Industria, di un’opzione call (esercitabile entro il 2006)  e di un’opzione put  (esercitabile nel 2006) su tale partecipazione, a condizioni equivalenti a quelle già in essere. 

La cessione, per un importo pari a circa 400 milioni di euro, apporta al conto economico consolidato di IntesaBci una plusvalenza di circa 220 milioni di euro.

L’operazione non modifica gli impegni di Banca Popolare Commercio e Industria e consente alla stessa il conseguimento da oggi al 2006 di un beneficio economico il cui importo attualizzato è quantificabile in circa 15 milioni di euro.

Il perfezionamento dell’operazione è soggetto all’autorizzazione delle autorità competenti.

{"toolbar":[{"label":"Aggiorna","url":"","key":"update-page"},{"label":"Stampa","url":"","key":"print-page"}]}