{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

2,5 MILIONI DI EURO A TASSO FISSO AGEVOLATO PER SOSTENERE LE COOPERATIVE, I CONSORZI E LE IMPRESE SOCIALI NELLE PROVINCE DI PADOVA E ROVIGO NEI LORO PIANI DI SVILUPPO IN GRADO DI GENERARE NUOVA OCCUPAZIONE

La Fondazione mette a disposizione di Banca Prossima un fondo rotativo sperimentale Padova, 14 settembre 2010. La Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo ha deliberato di costituire presso Banca Prossima un plafond rotativo di 2.5 milioni di euro, grazie a cui l’istituto del gruppo Intesa Sanpaolo dedicato al mondo del non profit potrà concedere finanziamenti a tasso agevolato finalizzati a sostenere:

- l’avvio o lo sviluppo di progetti in grado di generare nuova occupazione o preservare l’esistente;

- l’avvio di nuove cooperative, consorzi e imprese sociali da parte di disoccupati, previa partecipazione degli stessi soggetti a specifici corsi di formazione per imprenditori sociali attivati in collaborazione con la Camera di Commercio di Padova.

Sono previsti inoltre contributi in conto capitale – per un massimo del 10% del finanziamento concesso – a favore di quelle imprese che avranno conseguito gli obiettivi occupazionali fissati. I progetti beneficiari delle agevolazioni sono individuati da una Commissione nominata dalla Fondazione e composta da membri interni ed esterni, esperti del settore “nonprofit”. La valutazione preliminare della sostenibilità dei progetti è a cura dell’associazione VOBIS- Volontari Bancari per l’Impresa Sociale, associazione nazionale di volontariato costituita da ex dipendenti bancari, anch’essa unica nel suo genere in Italia.

E’ la prima volta che una Banca, un’Associazione di Volontariato e una Fondazione si alleano per sperimentare un modello innovativo in grado di far coincidere l’utilità sociale delle iniziative con la loro sostenibilità nel tempo a vantaggio di persone e comunità. I tre Partner mettono a disposizione tutti gli “ingredienti” necessari: la valutazione di impatto sociale (Fondazione), l’accompagnamento delle imprese nonprofit (VOBIS) e il modello di rating dell’impresa sociale (Banca Prossima). Il Fondo rotativo consente alle cooperative di realizzare i progetti utilizzando i finanziamenti a medio termine (5 anni) di Banca Prossima a tassi fissi compresi tra l’1% e il 3% a seconda del livello di rating. E’ possibile accedere all’iniziativa dal 24 settembre 2010 al 30 giugno 2011 attraverso il sito www.fondazionecariparo.it - sezione bandi e concorsi.

Dice Antonio Finotti, Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo: “La persistente crisi economica, di cui la mancanza o la perdita del lavoro costituiscono manifestazioni eloquenti, ci ha convinto della necessità di realizzare un’iniziativa volta a facilitare le cooperative, i consorzi o le imprese sociali nei loro piani di sviluppo per l’assunzione di disoccupati, che vengono inseriti in un apposito percorso di formazione finalizzato a prepararli allo svolgimento di tali attività. Il progetto rientra in quella serie di interventi da noi messi in campo, quali il Fondo Straordinario di Solidarietà, i 3 bandi nel sociale, il Fondo di Prevenzione all’Usura e il Fondo di Anticipazione Sociale, volti a contribuire ad attenuare gli effetti della crisi che da oltre un anno sta investendo anche il nostro Paese. La difficile congiuntura che stiamo attraversando, infatti, ci ha indotto a rafforzare il nostro impegno nel sociale, tanto che destineremo ad esso 33 milioni di euro nel triennio 2010-2012”.

Marco Morganti, Amministratore Delegato di Banca Prossima: “L’intensità della crisi economica impone l’attuazione di urgenti misure di sostegno all’economia del territorio e all’occupazione, soprattutto femminile. Banca Prossima, valorizzando la propria vocazione alla progettazione di interventi sociali con partner imprenditoriali e istituzionali, insieme alla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo e all’Associazione VOBIS propone una soluzione innovativa in favore del modello cooperativo sempre più impegnato nella sussidiarietà. Il modello messo a punto copre tutte le fasi: dalla individuazione dei migliori progetti alla stesura di business plan, dall’accompagnamento delle organizzazioni nonprofit al credito specialistico di Banca Prossima al monitoraggio”.

Franco Pau, Presidente Associazione VOBIS: “La nostra associazione nasce nel 2009 per mettere le competenze di ex bancari al servizio, oltreché delle famiglie in difficoltà, anche delle Organizzazioni del “Terzo Settore”, per migliorarne la loro capacità di accesso al credito. Esaminando i progetti presentati per questa iniziativa, supporteremo le cooperative nella stesura del business plan e nella verifica della sua tenuta. La Fondazione inoltre affida ai Volontari VO.B.I.S. della sezione territoriale del Triveneto, con sede a Padova, l’importante compito di verificare che i progetti selezionati diano i risultati occupazionali attesi in modo da poter accedere agli ulteriori contributi a fondo perduto previsti.”

Relazioni con i media:

Dott.ssa Alessandra Veronese – Responsabile

Dott. Giovanni Cocco

Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo

Telefono 049-8234800 (int. 3)

 

Dott.ssa Antonella Zivillica – Responsabile Rapporti con i media Public Finance, Attività sociali e culturali

Intesa Sanpaolo

Tel. 06-67125312

{"toolbar":[{"label":"Aggiorna","url":"","key":"update-page"},{"label":"Stampa","url":"","key":"print-page"}]}